Girone E, Macerata allunga ma Rimini c’è

Un’altra doppietta dei marchigiani che approfittano del “pareggio” tra Athletics e New Rimini che coglie la prima “storica” vittoria in serie A

Diego Gasperoni
L'esterno di New Rimini, Davide Bonemei, ha chiuso la domenica bolognese con 3/9 nel box
© Diego Gasperoni

Che Macerata fosse la naturale favorita del girone E non c’erano dubbi e la Hotsand infatti per il momento viaggia senza pause. Doppietta al debutto contro New Rimini, altra doppietta domenica su Rovigo. Quindi 4-0 il bilancio e mini fuga non senza qualche preoccupazione, perchè in entrambe le gare i veneti hanno costretto Macerata all’inseguimento. La differenza sta (quasi) tutta in due statistiche, entrambe favorevoli alla capolista. I primi cinque battitori del line-up di Macerata, infatti, hanno prodotto 16 valide in due partite sulle 22 complessive di squadra e l’altro dato non trascurabile è che in entrambe le gare, i marchigiani hanno prodotto il maggior sforzo nelle riprese centrali: 6 punti tra quarto e sesto inning di garauno, altri 6 nelle stesse riprese in garadue. Passando alla sfida emiliano-romagnola, Carlos Richetti, rilievo degli Athletics, forse si sarà ricordato di una vittoria simile ottenuta qualche anno fa quando indossava la casacca dei Pirati. Era la bella di semifinale scudetto (poi vinto da Rimini nel 2017) e la truppa di Paolo Ceccaroli battè la Fortitudo nonostante un numero esiguo di valide. E’ un po’ quello che è successo domenica mattina al Pilastro dove i padroni di casa hanno prodotto giusto un paio di validine, ne hanno subite 9 ma sono riusciti a vincere festeggiando il primo successo in serie A del giovane pitcher Nepoti. Ma la produzione offensiva di New Rimini non era stato un fuoco di paglia e infatti nella pomeridiana Erba Vita ha continuato a picchiare duro e questa volta il rapporto battute valide-punti segnati ha dato il risultato sperato.

Informazioni su Carlo Ravegnani 202 Articoli
Carlo Ravegnani, nato a Rimini il 31 gennaio del 1968, ha iniziato la carriera giornalistica a 20 anni nell'allora Gazzetta di Rimini, "sostituita" dal 1993 dall'attuale Corriere Romagna dove lavora come redattore sportivo. Collaboratore per la zona di Rimini del Corriere dello Sport-Stadio, il baseball è stata una componente fondamentale nella sua vita: dapprima tifoso sugli spalti dello Stadio dei Pirati poi giocatore nel mitico Parco Marecchia e poi nel Rimini 86, società che ha fondato assieme a un gruppo di irriducibili amici. Quindi giornalista del batti e corri sulla propria testata e alcune saltuarie collaborazioni con riviste specializzate oltre che radiocronista delle partite dei Pirati assieme all'amico e collega Andrea Perari. Negli ultimi anni è iniziata anche la carriera dirigenziale, con la presidenza (dal 2014) dei Falcons Torre Pedrera. La passione è stata tramandata al figlio Riccardo che gioca lanciatore e prima base negli stessi Falcons.