Olanda, accordo tra Federazione e club per la stagione 2021

Saltata la possibilità di organizzare la Coppa KNBSB, le società hanno concordato che l’Opening Day del campionato cadrà giovedì 29 aprile. La formula prevede 3 gare settimanali sui 9 inning, partite senza pubblico, test anti-covid19 e l’applicazione di tutte le misure contro la pandemia

Eindhovens Dagblad
Rick van den Hurk con la casacca diHawk di Fukuoka sul campo di baseball del PSV Eindhoven
© Eindhovens Dagblad

Dopo un inverno di pandemia e le efficaci misure adottate dal governo de L’Aja per ridurre il contagio del Covid-19, il baseball olandese è pronto a ripartire grazie all’accordo trovato tra le otto società della Hoofdklasse, il massimo campionato di baseball, per la stagione 2021.

Dopo l’annullamento della Coppa KNBSB, a cui la federbaseball stava pensando come preparazione per la stagione regolare, gli otto club hanno infatti concordato e accettato giovedi 29 aprile come Opening Day del campionato 2021 con 3 gare settimanali (durata 9 inning) ogni giovedi sera, sabato pomeriggio e domenica pomeriggio.

Il protocollo raggiunto con la KNBSB prevede anche tribune vuote e test negativi, anche se i casi in Olanda si stanno abbassando, e ciò induce molti a sperare di rivedere presto i tifosi allo stadio.

Al momento, la Federbaseball olandese non ha ancora fatto sapere nulla, ma sia il quotidiano haarlemsdagblad.nl che il sito 9innings.nl hanno contattato l’ufficio federale a Nieuwegein e informato successivamente gli appassionati olandesi.

L’incertezza durante la pandemia ha giocato un ruolo importante nell’organizzazione della stagione di baseball orange. In definitiva, niente Coppa, niente 7 riprese, niente double-header al sabato. La Federazione ha comunque provveduto a dotare 200 set di test Covid-19 ad ogni club della Hoofdklasse. E chiaramente si punterà anche sulla flessibilita, visto che la Nazionale olandese dovrà prepararsi in modo adeguato alla Qualificazione Olimpica a Taiwan e se necessario ai Giochi Olimpici di Tokyo.

L’unico giocatore olandese che al momento è gia sicuro di andare in Giappone è il 35enne lanciatore pro Rick van den Hurk, ex-giocatore del PSV Eindhoven e degli Oosterhout Twins. Aveva 16 anni quando firmò un contratto con i Florida Marlins, con cui ha esordito nel 2007. Adesso, van der Kurk, aspetta l’esordio contro gli Yakult Swallows a Tokyo dopo 5 campionati vinti in 6 anni con i Softbank Hawks a Fukuoka nella Nippon Professional Baseball League.

Mentre prepara la sua partenza verso Tokyo, in vista appunto della stagione 2021, il lanciatore continua ad allenarsi nello stadio Heihoef del PSV Eindhoven, anche grazie a due allenamenti settimanali con la Nazionale olandese – insieme ad altri suoi connazionali – nel complesso dei Pirates ad Amsterdam. Negoziando il suo nuovo contratto con gli Yakult Swallows, Van den Hurk è riuscito a ottenere il diritto di partecipare come lanciatore del Regno dei Paesi Bassi a Taiwan ed eventualmente anche ai Giochi Olimpici.

In un’intervista di Frank Vonken per l’Eindhovens Dagblad, quotidano e sito online della sua città olandese, Rick van den Hurk ha spiegato che la sua vita è cambiata da un anno, da quando è nato suo figlio Ryan. “Da quando c’è lui, mi sono reso conto che la vita mi offre altre priorità oltre il baseball. Forse ero concentrato un pò troppo sul mio sport. Il mio piccolo uomo mi ha riportato nella vita familiare dell’oggi e qui. Grazie a lui ho ritrovato il mio rilassamento. A casa mi permetto anche una birra qualcha volta. Una sola, ma la considero come il privilegio della maturità. Aspetto con impazienza il ritorno in Giappone per disputare le partite davanti a 30.000 tifosi in tribuna. Forse gli Swallows si qualificheranno ai play-off e voglio aiutarli come lanciatore partente!”.

 

Informazioni su Pim Van Nes 266 Articoli
E' corrispondente dall'Olanda per Baseball.it e per Mister-Baseball.com. ma segue le vicende del baseball e softball italiano anche per i siti olandesi Honkbalsite.com e Softbalsite.com. In passato, Pim Van Nes ha collaborato con la testata "Tuttobaseball" e con le riviste olandesi "Inside" e "Honkbal en Softbal Nieuws". Nel biennio 1984-1985 ha contribuito all'Enciclopedia del Baseball di Giorgio Gandolfi e Enzo Di Gesù realizzando uno speciale di 5 pagine sulla storia del baseball in Olanda. Tra il 1982 e il 2005, ha svolto la sua attività professionale presso le Ambasciate olandesi di Parigi, Kuwait City, Cairo, Algeri, Rabat, Ankara e Dubai.