Sosa: i tifosi hanno già deciso

In attesa dell'appelo il pubblico ricopre il dominicano di tappi di sughero. Lotta appassionante nella National League centro

In attesa di sapere se la sua squalifica per 8 gare sarà confermata, Sammy Sosa continua a giocare. Non che sia accolto troppo bene dai tifosi: a Baltimora il pubblico lo ha sottoposto ad un lancio di tappi di sughero. Niente da dire, questi americani sono creativi.
Sosa da parte sua ha battuto a 2 su 5, supportando l'ottimo Estes nella vittoria per 4-0 dei Cubs sui padroni di casa Orioles.
La vittoria dei Cubs è arrivata in contemporanea con la sconfitta degli Astros (5-3) con gli Yankees. New York è stata ben supportata da un'ottima prova di Mussina in pedana, mentre Houston è stata ancora una volta deludente in difesa. Ora le 2 squadre sono a pari in classifica.
La situazione nella NATIONAL LEAGUE 'centro' è ulteriormente complicata dalla vittoria per 9-7 dei Cardinals sui Red Sox. St. Louis ha vinto a suon di legnate: i fuoricampo di Pujols e Drew e il doppio risolutore del solito Rolen. Boston, sotto in avvio con Kim in pedana, aveva recuperato fino al 7-7 grazie agli homer di Manny Ramirez e Varitek. I Cardinals sono ad una sola gara dalla coppia leader della divisione.
I Red Sox invece si sono visti ancora una volta scavalcare dagli Yankees nella AMERICAN LEAGUE 'est', ma da questa notte riavranno con Pedro Martinez il loro miglior lanciatore.

Molto interessanti sono state altre 2 gare che coinvolgono squadre di alta classifica.
Gli Angels hanno battuto 2-1 i Phillies. Lackey, col contributo dei rilievi Donnelly e Percival (salvezza), ha battuto Ducksworth al termine di un grande duello di lanciatori.
Addirittura 12 riprese sono servite agli A'S per battere 4-3 i Braves. Ha deciso un fuoricampo di Jermaine Dye, dopo che un homer di Fick aveva mandato la gara alle riprese supplementari al nono. Bradford, rilievo di Hudson, ha conquistato la vittoria. Bong, quarto sostituto del partente Maddux, ha subito la sconfitta.

Informazioni su Riccardo Schiroli 1196 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.