Rimonta capolavoro per gli Angels

Adesso, sotto per 2 gare ad 1, Gli Yankees dovranno tirare fuori veramente tutto per difendere i loro quattro titoli consecutivi di American League. Con un doppio di Darin Erstad, che nell’ottavo inning ha rotto

Adesso, sotto per 2 gare ad 1, Gli Yankees dovranno tirare fuori veramente tutto per difendere i loro quattro titoli consecutivi di American League. Con un doppio di Darin Erstad, che nell’ottavo inning ha rotto gli equilibri delicatissimi della partita, seguito da un fuoricampo da 2 punti pesantissimo di Tim Salmon, gli Anaehim Angels hanno vinto per 9-6 gara 3, che li aveva visti sotto anche di 5 lunghezze. Supportati da una straordinaria prova della matricola ventenne Francisco Rodriguez e dal resto dei rilievi, i californiani allenati da Mike Scioscia sui sono aggiudicati la seconda gara consecutiva nella serie. I vicecampioni del mondo hanno pagato il loro crollo dopo un inizio devastante, dato che sono riusciti a mettere sulle basi solo due corridori negli ultimi sei innings, limitati dallo spietato bullpen avversario. John Lackey, Scott Schoneweiss, Rodriguez e Troy Percival hanno ritirato senza tregua gli ultimi 12 newyorkesi presentastisi al piatto. Gli Angels possono quindi riporre le loro speranze per stanotte, quando il loro asso Jarrod Wasbhorn incrocerà in una sfida da non perdere David Wells. New York si trova nella stessa situazione dello scorso anno, quando, dopo aver fallito le prime due partite in casa, ha dovuto ricorrere ad una grande rimonta contro gli A’s per passare. Per gli Angels, invece, si tratterebbe di una vittoria storica, visto che dalla loro apparizione nella Mlb, targata 1961, sono riusciti solo tre volte a conquistare i playoffs. Ma veniamo alla partita. Sotto già 6-1 nel terzo, gli Angels hanno cominciato la loro rimonta su una vittima che non ti aspetti, Mike Mussina. Solo tre volte nella loro storia infinita di postseason, gli Yankees erano riusciti a dilapidare un così consistente vantaggio.La prima mossa è stata quelle di sostituire sul monte l’inconsistente Ramon Ortiz (solo 2 inning e 1/3 per lui) con Lackey, che, dopo aver pagato dazio con i corridori lasciati sulle basi dal partente, è stato autore di tre inning da incorniciare, seguito da Schoneweis, protagonista di un cruciale out su Jason Giambi, unico avversario affrontato. Il capolavoro è poi arrivato dal rookie Rodriguez, autore di due riprese perfette con 4 k, per la sua seconda vittoria nella serie (e in carriera), prima che Percival traghettasse i suoi alla vittoria con una tranquilla salvezza. Il gioco chiave della gara è comunque arrivato nel settimo, con un doppio di Scott Spiezio che ha pareggiato le sorti della gara. Nell’inning successivo, Adam Kennedy ha aperto con un doppio di fortuna, con la pallina uscita dal guanto di Mondesi sull’esterno destro. Dopo un sacrificio di David Eckstein, Erstad ha sparato una fucilata per il suo primo punto battuto a casa nella serie, che ha fatto letteralmente esplodere i 45mila dell’Edison Field, facendo di Mike Stanton il pitcher perdente. Appena Steve Karsay ne prendeva il posto, ecco arrivare l’home run di Salmon. In tutte e tre le gare di questa serie, il risultato si è deciso proprio nell’ottavo. In tutte e tre le gare, inoltre, gli Yankees devono registrare una prestazione deludente del proprio partente. Mussina ha concesso 4 punti in altrettanti innings prima di lasciare per problemi fisici. A nulla è quindi servito l’inizio esplosivo dell’attacco di Torre, che aveva segnato tre volte nel primo (2 Rbi di Ventura) e nel terzo.

ANAHEIM 0 1 2 1 0 1 1 3 X = 9(bv 12 e 0)
NEW YORK 3 0 3 0 0 0 0 0 0 = 6(bv 6 e 0)

Note: Lanciatore vincente Rodriguez, lanciatore perdente Stanton, salvezza Percival
Fuoricampo: Kennedy (1pt, 4°), Salmon (2pt, 8°)

Informazioni su Emiliano Raccagni 119 Articoli
26 anni, collaboratore baseball Usa

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.