Piazza: “I Mets in Italia? Un sogno. Possibile”

In questa intervista alla vigilia della prima sfida tra i Phillies di Rob Thompson e i Mets di Carlos Mendoza, l’Hall of Famer originario di Sciacca racconta di passato e presente. Ma guarda soprattutto a LA 2028

NADOC Media K73
Il manager della Nazionale italiana, Mike Piazza
© NADOC Media K73

LONDRA – Quando arriva al London Stadium, l’area dedicata ai tifosi dei New York Mets esplode al grido di “Mike, Mike”. Dodici volte All-Star e 10 volte vincitore del Silver Slugger Award nella MLB, Mike Piazza è senza dubbio il più grande ricevitore in battuta nella storia del baseball. Da sempre uno dei giocatori preferiti dal pubblico, la sua crescita inarrestabile nel 1993 lo ha portato a essere nominato nella Hall of Fame nel 2016. Con i suoi oltre 400 fuoricampo, una media battuta-vita di oltre .300 e un numero di strike out annuali sempre inferiore a 100, Piazza appartiene a un ristretto gruppo di 10 leggende che comprende Ted Williams, Stan Musial, Lou Gehrig, Mel Ott, Hank Aaron, Babe Ruth, Vladimir Guerrero, Albert Pujols e Chipper Jones. Mike è stato la prima vera leggenda del baseball professionistico e rispondere “sì” alla chiamata della maglia azzurra in occasione del primo World Baseball Classic, nel 2006.

Mike, che effetto fa vedere i tuoi New York Mets contro i Philadelphia Phillies per la prima volta a Londra?

Tutti sanno che ho sempre creduto nella crescita del baseball a livello mondiale. Oggi credo che proprio l’Europa sia davvero l’ultimo vero mercato in cui la Major League Baseball deve crescere. E’ un modello diverso, ma penso che possiamo fare progressi. Quindi eventi come le London Series sono davvero molto importanti per contribuire allo sviluppo. Con il baseball, rispetto ad altri sport, è un po’ più difficile perché si giocano molte partite e poi ovviamente c’è la trasferta per le due squadre che non è proprio lo stesso caso di altri sport. Ritengo quindi importante che dobbiamo migliorarci perché altri sport maggiori negli USA fanno passi avanti a livello mondiale. Il football americano, il basket, l’hockey stanno crescendo, quindi dobbiamo tenere il passo.

Quando giocavi, sentivi la responsabilità di essere un ambasciatore e di far crescere il gioco? E questa è la ragione per cui hai scelto di essere così coinvolto con l’Italia, prima come giocatore e poi come manager?

No, ci sono entrato semplicemente perché aveva senso. Era qualcosa che mi piaceva fare. Mio padre è sempre stato un grande fan della Major League Baseball quando era più giovane, un punto di contatto tra gli immigrati italiani che sono andati negli USA e la tradizione che avevamo di voler non solo celebrare la nostra eredità italiana, ma anche essere americani, perché il baseball americano non era un gioco che conoscevamo. Se avessimo giocato bene, gli immigrati sarebbero stati accettati come americani. Quindi c’è una tradizione radicata da Yogi Berra, Joe Di Maggio e Tony Lazzeri ai giocatori moderni come me, manager come Joe Torre, Tommy Lasorda e i ragazzi di oggi che abbiamo preparato con il Classic. Pensiamo che questo approccio sia unico e speciale. E per me è qualcosa che piace perché in questo punto della mia vita ho la famiglia e poi il business negli Stati Uniti. Quindi si adatta al mio spazio e mi piace. Voglio dire che vedo i risultati e penso che stiamo facendo alcuni passi avanti in Italia, anche se in modo diverso a causa del post Covid. È stato molto difficile, ma ora stiamo ottenendo alcuni sponsor. Come pure stiamo iniziando a muovere un po’ l’ago sul lato giovanile. Ovviamente il softball femminile sta andando bene. In altri paesi o almeno, sai, dobbiamo affrontarlo. È una cosa buona promuovere lo sport femminile, quindi abbiamo molte responsabilità. Ma penso che con il successo del Classic e la crescita di giocatori dall’Italia che possono giocare a livello internazionale, vogliamo ottenere più giocatori che viaggino all’estero per giocare più partite perché questa è la sfida. Sul lato italiano, il baseball è un gioco in cui devi giocare molte partite, e al momento in Italia non abbiamo la capacità di farlo, quindi dobbiamo continuare a migliorare.

Hai parlato delle prospettive europee per il baseball, ma nel tuo cuore ti auguri un giorno di vedere i Mets in Italia?

Speriamo, è un sogno. È possibile. Ma penso, che abbiamo bisogno di infrastrutture e possiamo parlare di migliorare una struttura oppure l’augurio è di fare qualcosa da zero. Penso che, in base della mia esperienza, devi iniziare in piccolo e poi espanderti. Penso che devi essere realistico e pragmatico. Non puoi dire semplicemente, okay, costruiremo uno stadio di baseball. Deve essere un affare. Deve essere multiuso. Devono esserci altre attrazioni per sostenerlo. La sostenibilità è la cosa più importante. Quindi, abbiamo buone idee e speriamo di portare le persone giuste che possano far crescere queste idee. Essendo italiano, le cose in Italia a volte richiedono tempo. Ma da quello che ho sentito e ciò che ho visto nel governo e con altre persone in Coni e così via, dobbiamo continuare a crescere, non solo nel baseball, ma in tutti gli sport, perché le persone vogliono venire in Italia. E quando abbiamo parlato come con il Classic l’anno scorso, vogliamo fare scambi. Quindi abbiamo bisogno di una struttura che incoraggi altre squadre e altri programmi giovanili e scambi. Ma se non abbiamo qualcosa che sia presentabile e accettabile, sarà più difficile. Detto questo, dobbiamo comunque migliorare le nostre strutture esistenti. Ci vuole tempo, quindi procedere a piccoli passi.

Come vedi quei giocatori italiani che stanno arrivando ora? I Phillies ne hanno uno, Aldegheri, e ci sono altri connazionali che sono stati scelti dalle organizzazioni della Major League.

C’e tanto entusiasmo e penso che la chiave siano proprio i giovani, anche con effetto sulla Nazionale. La squadra per l’Olanda sarà di età anagrafica più bassa e potremmo non avere grandi risultati lì, ma vogliamo che i giocatori abbiano tra i 18 e i 21 anni, per sviluppare la prossima generazione. All’inizio non saranno esperti come le altre squadre in Europa. Ma a volte devi fare un passo indietro per andare avanti. L’ho detto e ribadito, dobbiamo apprezzare la collaborazione con i giocatori italo-americani, o latini. Ma il mio sogno è far crescere una squadra italiana nativa in ogni posizione. Poi possiamo avere un giocatore con doppio passaporto qua e là, ma principalmente squadra tricolore. Questo è l’obiettivo. Leggo e vedo alcune delle preoccupazioni e critiche ed è naturale. Ma l’unico modo per migliorare è iniziare dai giovani, far crescere i giovani. E devono giocare. E purtroppo, dico purtroppo, al momento l’unico posto dove farlo è andare negli Stati Uniti pur di giocare più partite e poi speriamo di tornare e trattenerli anche come allenatori. Sono ottimista. Abbiamo fatto un clinic a Codogno la settimana scorsa e ho visto tanto entusiasmo, tanti giovani, tanta partecipazione. Non è facile, perché il business dello sport in Italia è un modello diverso dagli Stati Uniti. E mia moglie dice sempre, sai, è difficile perché l’Italia fa cibo, vino e cultura. Negli Stati Uniti facciamo sport. Quindi cercare di unire i due ambiti e cambiare un po’ la mentalità sarà difficile. Ma nello stesso tempo, è possibile. Ma dobbiamo essere realistici e penso che siamo un po’ più ottimisti ora di quanto non lo fossimo alcuni anni fa. Ma con il successo del Classic e altri eventi, speriamo che continuerà.

Sei ottimista che questa squadra di cui parli sarà pronta, quando ci sarà il momento di qualificarsi per le Olimpiadi?

Le Olimpiadi sono molto importanti. Ho parlato con alcune persone per ottenere informazioni e farmi quadro della situazione e di nuovo è emerso che l’Europa sta cambiando. Quando ero coach nella Nazionale di Marco Mazzieri nei due Campionati Europei, non c’erano né Israele tantomeno Inghilterra. Israele tutto americano e l’Inghilterra è pure tutta americana. La competizione è cambiata ed è difficile. Quindi, voglio continuare la collaborazione. Non esigo che sia una squadra tutta americana, o tutta italiana. Voglio ragazzi italiani, ma credo che dobbiamo avere un mix sano che promuova il successo, perché se non abbiamo successo, allora è costruito attraverso i fondi di enti come il Coni. Quindi dobbiamo sperare di aver successo per ottenere più fondi per il gioco del baseball.

E questa è un’ottima notizia da cui il giovane giocatore italiano può imparare ed ispirarsi.

È vero. Vogliamo collaborazione e relazioni per queste squadre. Abbiamo appena concluso due iniziative molto interessanti, una con Kansas City, che porterà una squadra agli allenamenti primaverili dei Royals, e una collaborazione con l’Università di Tampa, un programma americano davvero molto buono. Non sarebbe difficile farlo con Texas o Vanderbilt o Arkansas, ma l’Università di Tampa è una Division Due, una squadra che fa sempre meglio di quanto ci si aspetti. E hanno ospitato. Quindi dobbiamo capire che ci sono persone che vogliono fare affari con l’Italia e dobbiamo unire questo aspetto con il business del baseball. Questo è tutto. Ma la cosa più importante, sono i giovani. Dobbiamo rivitalizzare il programma giovanile e le accademie per far crescere più giocatori.

Un anno fa circa partecipammo ad un tribolato Campionato Europeo. Diciamo spesso che nella nostra vita impariamo dagli errori. Qual è la lezione che hai tratto da quella situazione?

Penso che gli Europei siano sempre molto difficili perché devi affrontare squadre impegnative e poi squadre come Ungheria e Ucraina, che hanno il cuore, ma non sono molto brave. E quindi devi bilanciare la competitività e strutturare il roster, allineando la squadra in una certa posizione per darti la migliore possibilità di successo. Penso che a volte si inizia un torneo in modo un po’ piatto. Noi non siamo stati in grado di ottenere slancio. E poi occorre considerare anche realtà come l’Inghilterra. Per vincere un torneo del genere, tutto deve andare bene. E penso che a volte è pericoloso avere un po’ di successo. Agli ultimi europei dico che abbiamo fatto bene, siamo arrivati terzi. Abbiamo messo insieme una bella squadra equilibrata, ma molti di quei giocatori non erano davvero in forma. Abbiamo avuto alcune defezioni. Questo è frustrante, soprattutto ora nel baseball europeo. Ma ora dobbiamo voltare pagina. Mettere tutto dietro di noi, imparare dagli errori. Credo che a volte forse dobbiamo sacrificarci un po’ per far crescere alcuni giovani che sentiamo di dover sfidare, metterli sopra la competizione, un po’ sopra quello a cui sono abituati, e lasciare che facciano errori perché li faranno. Ma occorre anche essere pazienti e rendersi conto che a volte potrebbe essere necessario aspettare un anno o due e poi speriamo che al prossimo campionato saremo pronti a vincere.

Los Angeles 2028. Quali iniziative sono incluse al momento? Avete già un piano?

Ne stiamo parlando. Penso che abbiamo un po’ di tempo, ma dobbiamo vedere perché un giocatore può cambiare molto rapidamente. Quello che pensi contribuirà un anno dopo potrebbe non essere in grado di farlo per un infortunio o altro. Come anche l’anno scorso a Haarlem abbiamo chiesto a due ragazzi, che stavano andando in vacanza. Quindi, come ne usciamo? Stiamo affrontando fattori diversi. Quest’anno abbiamo deciso, facciamo una squadra più giovane, mettiamola nella mischia e sfidiamo. Lasciamo che giochino e a volte realizzano cose interessanti, conosciamo i nostri obiettivi. Se c’è un piano? C’è sempre un piano, ma questi cambiano molto rapidamente.

Un aspetto molto importante. Dobbiamo giocare di più.

Questo è quello che stiamo cercando di fare anche grazie alla relazione con Kansas City e l’Università di Tampa. In autunno negli Stati Uniti, i giocatori professionisti vanno alla Instructional League e noi in Italia abbiamo finito. Quindi ora vogliamo portare i nostri migliori negli USA per giocare di più. È solo una questione di giocare. È l’unico modo per migliorare. Guardo il calcio e vedo che è un modello completamente diverso, giocano una volta alla settimana e sono in grado di fare pratica a piena velocità. E il calcio riguarda più la tua squadra, quali sono i tuoi punti di forza, non tanto l’avversario. Il baseball riguarda più i tuoi punti di forza e giocare sui punti deboli dell’avversario. Quindi è l’unico modo per migliorare la velocità di gioco. E non puoi farlo se non stai giocando partite vere.

Posso chiederti un’opinione sui 7 inning? Ho letto molte critiche al riguardo. Il baseball, quello vero, è di 9 inning…

Sono d’accordo. Non ero un grande fan nemmeno al Classic del corridore bonus negli extra inning. Non è il modo in cui ho giocato. Penso che a volte, dobbiamo arrenderci e renderci conto che forse possiamo trarne un lato positivo. Credo solo che in Italia abbiamo bisogno di giocare più partite, anche se è intra-squadra. Logicamente, se ha senso, anche su territori vicini, con squadre che non devono andare troppo lontano e forse possiamo diventare un po’ più creativi nei prossimi anni. Sono andato al Baseball Club Bolzano e mi è piaciuto molto. Entusiasmo alle stelle. Un gran bel club. Mi sono recato a Firenze poi a Codogno. Abbiamo in programma altre visite. L’emozione c’è e la passione pure. Contiamo di poter dare loro gli strumenti.

Giocare di più e mai smettere, quindi…

Una passione, una tradizione, mai smettere di sognare. Guardate la mia carriera, guardate la mia vita. Sono italiano. Ma in generale agli italiani piace lamentarsi. Ok, ma a volte occorre lasciare andare e fare il meglio con gli strumenti che abbiamo. Per dire che vedo molte lamentele, ma non vedo molte soluzioni. Dove sono le idee? Portale e proviamo. Mio padre diceva, vogliamo tutti la stessa cosa. Quindi proviamo a trovare un modo per arrivarci invece di combattere l’uno con l’altro. Penso che dobbiamo essere meno politici e più guidati dall’agenda. Vogliamo tutti far crescere il gioco perché lo amiamo. Quindi amiamo le cose importanti. E, come detto, speriamo di essere più coesi.

Bryce Harper ha sottolineato che vorrebbe i giocatori delle Major League alle Olimpiadi. Sarebbe importante per far crescere il gioco ancora più del WBC?

Penso che sarebbe molto importante per le Olimpiadi se lo permettessero. Ma al momento, non so se possono farlo. Dovrebbero fermare la stagione o fare qualcosa come ha fatto la NHL. Penso che il problema con le Olimpiadi è che sono sempre state percepite come un evento amatoriale. Ora invece c’è così tanto denaro coinvolto. Quindi hai bisogno di personalità e stelle. Per me, occorre iniziare in piccolo dalle Olimpiadi. Dobbiamo solo qualificarci. Non puoi pensare contro chi stiamo giocando. Dobbiamo ancora arrivarci. Quindi l’Europa si può battere? Sarà difficile, perché hai Inghilterra, Israele, e altre squadre che stanno sempre più migliorando. Come la Spagna. Quindi dobbiamo usare un bel mix. Penso ai latini, ai tanti ragazzi italiani, agli italo-americani e ai ragazzi italiani.

 

Informazioni su Filippo Fantasia 673 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio (Roma) è giornalista pubblicista dal 1987. Grande appassionato di sport USA, e in particolare di baseball e basket, svolge a tempo pieno attività professionale a Milano come Responsabile Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali presso importanti corporate. Nel corso degli anni, ha collaborato con diverse testate nazionali e locali tra cui Il Giornale, La Stampa, Il Resto del Carlino, Tuttosport, Guerin Sportivo, Il Tirreno, Corriere di Rimini, e con testate specializzate come Play-off, Newsport, Sport Usa, Baseball International e Tuttobaseball. In ambito radio-tv ha lavorato per molti anni come commentatore realizzando anche servizi giornalistici per diversi network ed emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Dimensione Suono Network, RDS Roma, Italia Radio e Radio Luna. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali legati ad importanti avvenimenti sul territorio per alcune televisioni locali. Nel 1998 ha ideato e realizzato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto tricolore della squadra tirrenica di cui è stato per oltre un decennio anche capo ufficio stampa. Significative sono state anche le esperienze professionali negli USA, grazie agli ottimi rapporti instaurati con gli uffici di Media Relations di diversi club (in particolare dei Boston Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati alla comunicazione sui media del baseball professionistico americano. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it nel 1998, anno di nascita della testata giornalistica online, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito ad assumere il ruolo di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano durante le finali nazionali del massimo campionato. Nell'estate del 1998 ha fatto parte del team dell'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.