Pirati, uno 0-4 “storico”

Il manager Ceccaroli: “Fatichiamo soprattutto nel box, forse ci eravamo illusi in pre-campionato. Abbiamo bisogno di sbloccarci, serve la continuità di rendimento offensivo”

A memoria di baseball non si ricorda una partenza così negativa da parte dei Pirati. Quattro sconfitte nelle prime quattro partite di campionato è una rarità. Al massimo se ne contano tre nelle prime quattro, nel 1993 quando dopo il pareggio nella doppia sfida al debutto con il Crocetta seguì lo 0-0 al Kennedy di Milano. E dieci anni più tardi, dopo l'1-2 di Modena seguì la sconfitta contro Anzio. Era l'anno del ritorno a Rimini da giocatore di Paolo Ceccaroli che adesso si trova ad analizzare una situazione tutt'altro che prevista.
"Forse ci eravamo un po' illusi durante il pre-campionato – sottolinea il manager dei Pirati – in particolare al torneo di Bologna e soprattutto per quanto riguarda il rendimento del box di battuta. Lo standard a inizio anno non poteva essere così elevato, ma neanche quello che ho visto nelle prime due giornate di campionato".
Da cosa dipende questo slump collettivo? "Contro San Marino sono stati solo Caseres e Garbella a girare veramente bene la mazza, gli altri più o meno hanno incontrato difficoltà. Abbiamo bisogno di sbloccarci, serve la continuità di rendimento offensivo e soprattutto abbiamo bisogno che si sblocchino quei giocatori in grado di trascinare il line-up".
Ceccaroli ha ragione, guardando le cifre di Infante, Caseres e Duran che nei primi due week-end stagionali hanno una media di 6/43. Gli infortuni hanno pesato sicuramente sul rendimento dei Pirati, perché Richetti sarà disponibile da partente solo sabato contro Padova dopo i problemi al braccio e la varicella; Di Fabio è reduce dalla mononucleosi, Noguera si porta ancora dietro i postumi del grave infortunio della finale di Coppa Campioni 2016 e ultimo Caseres che ha accusato un problema fisico in gara-due contro San Marino e contro Padova potrebbe essere disponibile solo come battitore designato".

 

Carlo Ravegnani
Informazioni su Carlo Ravegnani 173 Articoli
Carlo Ravegnani, nato a Rimini il 31 gennaio del 1968, ha iniziato la carriera giornalistica a 20 anni nell'allora Gazzetta di Rimini, "sostituita" dal 1993 dall'attuale Corriere Romagna dove lavora come redattore sportivo. Collaboratore per la zona di Rimini del Corriere dello Sport-Stadio, il baseball è stata una componente fondamentale nella sua vita: dapprima tifoso sugli spalti dello Stadio dei Pirati poi giocatore nel mitico Parco Marecchia e poi nel Rimini 86, società che ha fondato assieme a un gruppo di irriducibili amici. Quindi giornalista del batti e corri sulla propria testata e alcune saltuarie collaborazioni con riviste specializzate oltre che radiocronista delle partite dei Pirati assieme all'amico e collega Andrea Perari. Negli ultimi anni è iniziata anche la carriera dirigenziale, con la presidenza (dal 2014) dei Falcons Torre Pedrera. La passione è stata tramandata al figlio Riccardo che gioca lanciatore e prima base negli stessi Falcons.

Commenta per primo

Lascia un commento