Nettuno Elite la franchigia dominante

Tutte le formazioni comandano i gironi dei campionati regionali laziali. Nella  IBL brillano Caradonna, Retrosi, De Donno, Morellini e Medoro, tutti talenti della Nettuno Elite

Quando metti insieme i migliori ingredienti che hai, è una regola sacrosanta, metti in tavola un piatto prelibato. Nello sport la regola si conferma, e si conferma anche nel baseball. Metti insieme le quattro migliori società del baseball giovanile nettunese; il Nettuno2, i Lions Nettuno, il San Giacomo e gli Indians, ed ottieni una franchigia vincente, il Nettuno Elite, anzi a vedere i risultati dei campionati giovanili regionali laziali, una franchigia dominante.

Le quattro squadre Elite, ragazzi, allievi, cadetti e Under 21 sono tutte al comando dei loro gironi di campionato, ragazzi ed allievi sono addirittura imbattuti. La triade Della Millia-Gualtieri-Sanna, i tre presidenti a capo del Nettuno Elite, non potevano chiedere di meglio al loro staff. “Uniamo le nostre forze per essere sempre più vincenti e per far crescere i nostri talenti” dichiararono alla presentazione del progetto Elite, oggi i risultati di inizio stagione dicono che la strada è quella giusta. Ed è la stessa che nel 2009 portò alla conquista di ben 5 titoli italiani, in quella stagione le squadre non giocavano tutte con lo stesso “marchio”, ma Nettuno2, Lions e San Giacomo portarono nella Città del Baseball tutti e cinque gli scudetti giovanili (ragazzi, allievi, cadetti, Under 21 ed Under 21 Elite).

La formazione ragazzi, gestita del presidente Della Millia ed affidata ad Alberto Conti, viaggia da sola al comando della classifica. Stesso discorso per il team allievi, gestito da Alfonso Gualtieri e guidato in campo dal neo coach della nazionale italiana under12, Massimo Sellaroli. La stagione del Nettuno Elite allievi è a dir poco strepitosa fino a questo punto. Sette vittorie nel campionato allievi, non c’è avversario che riesce a mettere il bavaglio ad un attacco che si sta dimostrando devastante. I fuoricampo di Federico Giordani e Francesco Novaga, capaci di spedire la palla oltre i 112 metri del campo Enzo Castrì di Nettuno, stanno entusiasmando.  Il gruppo di Sellaroli è di grande qualità e completo, e fino ad oggi ha dovuto fare a meno di uno dei suoi leader, il capitano Sergio Cestarelli. Quando Sellaroli recupererà le prestazioni in attacco e sul monte di lancio di Cestarelli questa squadra sarà una vera e propria corrazzata che punterà al titolo italiano. Alle vittorie del campionato allievi, vanno aggiunte anche le cinque conquistate nella categoria superiore, nel campionato cadetti ed il terzo posto in classifica alle spalle dell’altra squadra cadetti Elite A e dello Junior Nettuno.  L’unica sconfitta della capolista Nettuno Elite A nel torneo cadetti è avvenuta per mano proprio della squadra di Massimo Sellaroli.

Passando proprio ai cadetti, anche qui si rispettano i pronostici con la formazione Elite A di Mauro De Rossi ed Ovidio Taurelli a dominare la scena. Il roster è di assoluto valore, arricchito quest’anno dei campioni d’Italia allievi 2010 del San Giacomo. Sul monte di lancio superlative le prestazioni di Simone Caranzetti e Roberto Rodo, in attacco potenza e continuità non mancano per Colagrossi, Romei, D’Angelo  e compagni. Per molti di questi ragazzi c’è già stato spazio nel roster di IBL2 di Guglielmo Trinci, a conferma della qualità  dei prospetti della franchigia Elite.

Le soddisfazioni non finiscono qui in questa stagione 2011. A mettere la ciliegina sulla torta ci sono le prestazioni in IBL  di Mirco Caradonna ed Ennio Retrosi nella Danesi Nettuno, di Leonardo De Donno e Yuri Morellini a Grosseto e di Raffaele Medoro a Novara, tutti  cresciuti nelle società del Nettuno Elite e di proprietà della franchigia stessa. Insomma le società della  triade Della Millia-Gualtieri-Sanna si confermano  quale principale vivaio di talenti per baseball italiano.

Avatar
Informazioni su Giovanni Colantuono 80 Articoli
Nato a Nettuno nell'aprile del 1969, Giovanni Colantuono vive nella cittadina del litorale tirrenico insieme alla moglie Clara e ai suoi due figli: Christian, il più grande, gioca nelle giovanili del Nettuno, mentre Sabrina, la più piccola, è appassionata di danza ma segue anche lei assiduamente le partite in diamante. Da sempre appassionato di baseball, inizia la sua carriera giornalistica nell'emittenza televisiva privata. E' stato curatore e conduttore di "Casabase", un settimanale dedicato al massimo campionato di baseball andato in onda tra il 1991 ed il 1995, periodo in cui collabora anche con il settimanale locale "Il Granchio" ed il quotidiano "Il Tempo". Con la testata romana ha collaborato per diversi anni essendone anche inviato alla Coppa dei Campioni nel 1991 a Parigi e nel 1992 a Rotterdam. Per GTV, emittente locale della provincia di Roma, ha curato e condotto numerosi programmi sportivi come "Il Nostro Sport" che trattava di discipline come rugby, pallanuoto, volley e pallacanestro, "Dimensione Sport Giovani" che si occupava dei settori giovanili delle numerose società sportive della provincia di Roma. E' stato inoltre radiocronista di Idea Radio Nettuno con cui ha raccontato gli scudetti vinti dal Nettuno negli anni '90. Il giornalismo è sempre stata la sua grande passione che ha appagato con le numerose collaborazioni con testate nazionali e locali, ritagliando spazi di tempo dal suo lavoro in una multinazionale americana. Autore di due film dedicati a due importanti successi: "Parigi, il Nettuno sul trono d'Europa" dedicato alla conquista della terza Coppa dei Campioni del Nettuno e "Italia campione d'Europa a Nettuno" dedicato alla vittoria degli Europei della Nazionale di Silvano Ambrosioni nel '91 allo Steno Borghese di Nettuno. Hobby preferiti la lettura ed... i videogiochi sul baseball, naturalmente. Dal 2008 è addetto stampa del Nettuno BC: "Curare l'ufficio stampa di una società così gloriosa è per me motivo di grande onore, soprattutto perchè per un nettunese - ricorda Colantuono - il Nettuno BC è una cosa che ti scorre nelle vene".

Commenta per primo

Lascia un commento