Amarezza a L'Avana, Industriales fuori dai play-off

Inaspettato ko per la squadra azzurra, simbolo della capitale, è la peggiore prestazione di tutti i tempi – Alfredo Despaigne, stella del Granma, batte il record di fuoricampo (32) della Serie Nacional

Si è conclusa con alcune sorprese e qualche delusione la fase di qualificazione della 48esima Serie Nacional del baseball cubano che ha premiato Ciego de Avila come la migliore squadra della stagione fin qui disputata: 64 vittorie e solo 26 sconfitte, un vero record per la formazione allenata da Roger Machado, uno dei ricevitori più forti a livello nazionale.
I pronostici azzardati prima dell'inizio del campionato hanno confermato che le previsioni restano solo previsioni e che è il diamante, in realtà, quello che ha l'ultima parola.
Santiago de Cuba, campione in carica da due anni, era stato dato come super-favorito, ma un inizio incerto nelle prime sessanta gare ha tenuto la squadra lontana dalla vetta della classifica della Liga Oriental, soprattutto per il suo reparto lanciatori. A questo occorre aggiungere il fatto che lo straordinario re dei fuori campisti nella scorsa stagione, l'esterno destro Alexeis Bell, dopo essere stato colpito da un forte lancio allo zigomo sinistro nella partita inaugurale contro Pinar del Rio, è caduto in un letargo "psicologico" che ha avuto notevoli ripercussioni nel reparto offensivo di Santiago. Già verso la conclusione della fase di qualificazione, Bell è comunque riuscito a ritrovare la sua vena migliore in attacco e Santiago, approfittando del tonfo di Villa Clara alla ripresa della Serie Nacional dopo il World Baseball Classic, ha recuperato benissimo e si è piazzata al secondo posto.
Ciego de Avila ha invece giocato in modo regolare durante tutta la stagione, attacco stabile, monte di primo livello, ed una difesa che ha pienamente supportato il lavoro dei lanciatori, da qui la sua marcia inarrestabile.
Ci sono diversi aspetti che hanno caratterizzato il torneo: in primis, gli innumerevoli infortuni che hanno martoriato diverse squadre, un monte di lancio che in generale ha in media quasi sei punti guadagnati a partita, denotando scarso controllo, mentre tra le cose positive è rimasto solo l'attacco che si è mantenuto sul alti livelli con una media battuta di circa trecento.
La grande stella in questa specialità offensiva è stato l'esterno sinistro del Granma, Alfredo Despaigne, che durante l'ultimo confronto della fase di qualificazione ha spedito la pallina fuori dello stadio Sandino di Santa Clara, firmando l'homerun numero 32 della stagione (nuovo record della Serie Nacional), superando i 31 di Bell realizzati nello scorso campionato.
Nel frattempo, il tema più doloroso riguarda gli Industriales, squadra simbolo, che pieni di assenze importanti, in particolare nel settore dei lanciatori, e con un gran numero di infortunati, sono rimasti esclusi dalla festa dei play-off: davvero un colpo durissimo per la città de L'Avana, la peggiore prestazione di tutti i tempi per la squadra azzurra. Guidati da German Mesa, uno dei migliori interbase di sempre, gli Industriales sono arrivati in fondo con scarse possibilità di staccare il quarto biglietto della Liga Occidental per la postseason, ma tre sconfitte consecutive contro Isla de la Juventus hanno emesso il verdetto definitivo.
Una menzione merita anche la squadra di Pinar del Rio di Armando Johnson, formazione che si è qualificata ai playoff anche senza avere realmente ciò di cui necessita per andare avanti; Pinar del Rio ha però lavorato bene soprattutto con Michel Enrique, capitano e leader d'attacco con .401 di media battuta.
La Isla de la Juvetus è stata come la formica, un pezzettino per volta ha costruito il percorso che l'ha portata al successo, con un elogio speciale per il leggendario lanciatore Carlos Yanes, che a 43 anni è riuscito a contribuire alla causa, consolidando la sua posizione di terzo lanciatore con maggior numero di vittorie (230) nella storia del campionato cubano.
Matanzas ha gettato le basi per il futuro, con una costellazione di ragazzi che ha lottato fino all'ultimo round, con la possibilità di contrastare Pinar nella Liga Occidental.
Questa settimana hanno inizio i playoff: nella Liga Occidental si affrontano Pinar del Rio-L'Avana e Sancti Spiritus-Isla de la Juventud, mentre nella Liga Oriental Ciego de Avila-Holguín e Santiago de Cuba-Villa Clara.
Gli esperti sottolineano che le semifinali potrebbero essere Ciego-L'Avana nel girone orientale e Pinar-L'Avana in quello occidentale. Le finaliste saranno quelle che vinceranno le rispettive Leghe. Molti credono che Ciego de Avila lascerà dietro Santiago e andrà in finale, altri sostengono che Santiago tornerà a riprendersi il titolo. Nella regione occidentale, ad esempio, i pareri sono divisi, con il pronostico a favore de L'Avana agli ordini di Esteban Lombillo, data la qualità del suo staff dei lanciatori, i migliori del paese.
Basta solo aspettare gli eventi, e ricordare sempre che i pronostici sono semplicemente pronostici. Il campo, in ultima analisi, ha sempre l'ultima parola.

Commenta per primo

Lascia un commento