L’Olanda è già pronta per le Olimpiadi di Pechino

Record di pubblico all’Haarlem Week, oltre 75.000 spettatori – Eenhorn annuncia i convocati per i Giochi, ma dovrà fare a meno dei pro van den Hurk, Balentien ed Halman, in dubbio Bernadina – Martis “saver” dei Futures Game

nDopo il grande successo della 24esima edizione della "Haarlem Week" che ha fatto registrare un pubblico record di oltre 75.000 spettatori, il manager della nazionale olandese Eenhoorn ha ufficializzato le convocazioni dei 24 giocatori che andranno ai Giochi di Pechino. Diciotto sono stati promossi nella selezione olimpica che ha terminato al quinto posto nel torneo internazionale di Haarlem, subito dopo USA (vincitori dell'edizione 2008), Cuba, Taiwan e Giappone. Sei sono invece quelli che provengono dal baseball professionistico. Solo Van den Hurk, Halman e Balentien pare debbano rifiutare la partenza per Pechino per una loro possibile convocazione nel roster di Major League. n

n

nRobert Eenhoorn, nella conferenza stampa organizzata prima della finale di Haarlem (è poi volato negli USA per assistere come "special guest" allo Yankee Stadium alla All Star Game), ha comunicato la squadra definitiva che parteciperà alle Olimpiadi di agosto in rappresentanza dell'Europa. Diciotto, come già anticipato, sono i giocatori che militano nel campionato olandese, la "Hoofdklasse": lanciatori Cordemans, Boyd, Bergman, Markwell, Van Kampen e Walsma, ricevitori De Jong e Smeets, interni Isenia, Koolen, Sluijter, Legito e Michael Duursma, esterni Van't Klooster, Rombley, Engelhardt, Kingsale e Meeuwis. Proprio Meeuwis potrebbe esser sostituito all'ultimo istante dall'esterno Roger Bernadina dei Nationals, se Eenhoorn riuscirà a trovare un accordo con il club di Washington. n

n

nRoger Bernadina, come pure Rick van den Hurk, Wladimir Balentien e Gregory Halman, sono i quattro olandesi fortemente voluti e richiesti da Eenhoorn per difendere i colori nazionali ai Giochi. Proprio perché considerati elementi importanti dai rispettivi club di Major (Nationals, Marlins, Mariners), questi giocatori al momento non hanno potuto lasciare gli USA, malgrado siano schierati in Doppio A (Halman e Van den Hurk) e Triplo A (Bernadina e Balentien). n

n

nNel caso di Bernadina, la risposta negativa era giunta quando calcava i diamanti di Major League, anche se l'esterno olandese è tornato recentemente sceso nelle Minor League. Il talento proveniente dall'ADO e dallo Sparta/Feyenoord ha esordito con i Columbus Clippers in Triplo A con un fuoricampo. E proprio a Columbus, Bernadina ha ritrovato i suoi compagni di squadra, Yurendel de Caster e Shairon Martis. Questi ultimi sono già disponibili per l'Olanda ma ora Robert Eenhoorn tenterà comunque di strappare anche l'altro slugger, peraltro molto veloce sulle basi. n

n

nI sei pro che Eenhoorn conta di avere nella squadra orange sono i lanciatori Shairon Martis (Washington Nationals, Triplo A), Alexander Smit (Cincinnati Reds, singolo A Avanzato), Loek van Mil (Minnesota Twins, Singolo A) e Juan Carlos Sulbaran (Cincinnati Reds, University American Heritage), gli interni Yurendel de Caster (Washington Nationals, Triplo A) e Sharnol Adriana (Triplo A di Mexico: Vera Cruz). n

n

nIn attesa della decisione finale da Washington, l'elenco ufficiale dei 24 convocati conta 10 lanciatori, Rob Cordemans (Sparta/Feyenoord), David Bergman e Michiel van Kampen (Corendon Kinheim), Pim Walsma (L&D Amsterdam Pirates), Leon Boyd e Diegomar Markwell (DOOR Neptunus), Shairon Martis (Columbus Clippers), Alexander Smit (Sarasota Reds), Loek van Mil (Beloit Snappers) e Juan Carlos Sulbaran (American Heritage), 2 ricevitori Sidney de Jong (L&D Amsterdam Pirates) e Tjerk Smeets (Corendon Kinheim), 7 interni Percey Isenia (Sparta/Feyenoord), Roel Koolen (Corendon Kinheim), Michael Duursma (Konica Minolta Pioniers), Raily Legito e Jeroen Sluijter (DOOR Neptunus), Sharnol Adriana (Rojos del Aguilla Vera Cruz) e Yurendel de Caster (Columbus Clippers), 5 esterni Danny Rombley, Bryan Engelhardt e Dirk van't Klooster (Corendon Kinheim), Eugene Kingsale e Martijn Meeuwis (DOOR Neptunus). n

n

nDa registrare che Shairon Martis (velocità stimata del suo lancio, 94 miglia orarie) è stato il "saver" del 3-0 del World Team nel Futures Game contro il Team USA, disputata allo Yankee Stadium. Martis già sapeva che sarebbe stato il closer in caso il World Team stesse vincendo all'inizio della nona ripresa. Dopo un doppio, Martis ha effettuato tre eliminazioni con due pop ed una rimbalzante interna. Per la seconda volta consecutiva il World Team, con i migliori giocatori stranieri delle Minor League, ha battuto il Team USA. E per la seconda volta consecutiva un lanciatore olandese è stato schierato in un Futures Game. L'anno scorso era toccato a Rick van den Hurk partente e vincente, e quest'anno il saver è stato il connazionale Shairon Martis. n

n

nIn Olanda, intanto, riprende stasera il campionato parallelamente al programma di allenamenti della Nazionale di Eenhoorn e dei suoi coach Brian Farley, Wim Martinus, Jack Hubbard e Paul van den Oever. Sabato 26 luglio la nazionale partirà da Amsterdam verso la Corea. A Chuncheon (60 km da Seul) la squadra verrà raggiunta dai giocatori provenienti dagli Stati Uniti per la preparazione che prevede le amichevoli contro Corea, Cuba e tre selezione universitarie coreane. Mercoledi 6 agosto partenza per Pechino, dove l'Olanda incontrerà il Canada in due amichevole. Il programma olimpico prevede il primo incontro contro Taiwan mercoledi 13 Agosto, poi contro USA, Giappone, Cina, Cuba, Canada e Corea. n

n

Pim Van Nes
Informazioni su Pim Van Nes 237 Articoli
E' corrispondente dall'Olanda per Baseball.it e per Mister-Baseball.com. ma segue le vicende del baseball e softball italiano anche per i siti olandesi Honkbalsite.com e Softbalsite.com. In passato, Pim Van Nes ha collaborato con la testata "Tuttobaseball" e con le riviste olandesi "Inside" e "Honkbal en Softbal Nieuws". Nel biennio 1984-1985 ha contribuito all'Enciclopedia del Baseball di Giorgio Gandolfi e Enzo Di Gesù realizzando uno speciale di 5 pagine sulla storia del baseball in Olanda. Tra il 1982 e il 2005, ha svolto la sua attività professionale presso le Ambasciate olandesi di Parigi, Kuwait City, Cairo, Algeri, Rabat, Ankara e Dubai.  

Commenta per primo

Lascia un commento