T&A, il sogno è migliorarsi

San Marino ha confermato i punti di forza della grande stagione 2005, inserendo grossi calibri come De Biase, Casimiro, Salazar ed Heredia. Con il sogno di tornare in finale per vincere

Per migliorare la scorsa stagione ci vorrebbe una sola parola, scudetto. La T&A San Marino però non ha nessuna intenzione di passare alla storia come la meteora del 2005 e ha costruito la squadra ripartendo dai punti di forza di quella che si è arresa solo in garasette della finale tricolore, e cercando di eliminare i punti deboli. Manca ancora il lanciatore partente straniero, ma il diesse Max Carlini e il presidente Stefano Macina hanno di che essere soddisfatti.
L’organico biancazzurro infatti ha un potenziale altissimo, soprattutto nel box, dove sono arrivate mazze pesanti e produttive. Partendo proprio dal diamante, conferma piena per Rovinelli, Bissa, Sheldon e Azuaje, una cerniera difensiva affidabile e concreta, così come dietro il piatto di casa base ci sarà Parisi, riscattato dal Parma, e in campo esterno Ettore Finetti. Le novità: come dh e alternativa in prima è arrivato l’italo-argentino Maximiliano De Biase, una delle sorprese positive della scorsa stagione con la casacca del Trieste e nazionale azzurro; ed ecco una coppia di esterni tutta nuova, Carlos Casimiro, miglior fuoricampista del 2005 con il Paternò, e l’ex major-leaguer (2002, Detroit Tigers) Oscar Salazar, già in procinto di arrivare l’anno scorso. Questo dunque il line-up base della T&A, decisamente lungo e competitivo. Non mancheranno poi rincalzi affidabili ed esperti come Colicchio, capitan Lonfernini e i giovani Benvenuti, Albanese e Suardi.
Ed eccoci al monte di lancio, dove è arrivato da Reggio Emilia il mancino dominicano Luis Heredia, rilievo di un partente ancora da scegliere. Non ci sarà più la speranza azzurra Maestri, che tenta il grande salto americano nel Singolo A dei Chicago Cubs, al suo posto il talentuoso Lorenzo Romani da Roma e il rientrante Bill Horn. Confermati invece Massimo Casseri, Luca Martignoni, Pete Nyari e David Newman. Possibilissimo un innesto oriundo dell’ultim’ora, così come potrebbe tornare John Mangieri se non andrà a buon fine la trattativa in ballo con una squadra di Triplo A.
Con una rosa di questo tipo, è facile immaginare gli obiettivi della squadra del confermatissimo Doriano Bindi, manager dell’anno per il 2005: un posto al sole nei play-off, con la speranza di tornare in finale e giocarsela ancora una volta fino in fondo.

Informazioni su Andrea Perari 153 Articoli
Andrea Perari, 37 anni, è nato a Perugia ma vive a Rimini dal 1977. Sposato con Nicoletta e papà di Filippo, lavora come redattore sportivo al "Corriere di Rimini", dove cura in prima persona baseball e basket.Collabora anche con "Superbasket", come corrispondente riminese per partite e interviste.La sua "carriera" nasce però dal batti e corri. Nel 1986, infatti, fresco di maturità scientifica, si occupa della pagina settimanale de "Il Fo" sull'allora Trevi Rimini.Nello stesso anno comincia l'avventura radiofonica, la sua vera passione, con trasmissioni settimanali sul baseball e soprattutto con le radiocronache delle partite interne ed esterne.Nel 1987 sbarca in Romagna la "Gazzetta di Rimini" e da collaboratore esterno per il baseball, Andrea finisce per essere assunto nel 1990 e diventare giornalista professionista nel maggio del 1992.Da allora ha sempre seguito in prima persona il baseball romagnolo per la Gazzetta (fino al fallimento del '93) e per il "Corriere di Rimini" dal 1993 ad oggi.Ha collaborato con "Tutto Baseball", "Baseball International", "Baseball & Softball", "Radio San Marino", "Radio Rimini" e nel 1999 con "Radio Icaro", riportando dopo tanti anni, con l'inseparabile collega e amico Carlo Ravegnani, le dirette radio dei Pirati in occasione della finali scudetto giocate a Nettuno dalla Semenzato.Cura insieme all'infaticabile Marcello Massari la pagina Web del Baseball Rimini, che sbarcata su Internet dall'aprile del 2000.Super (a dir poco) appassionato di baseball americano, ama trascorrere le vacanze negli States o in Canada e ha già all'attivo una quindicina di partite viste dal vivo a Toronto, Montreal, New York, Boston, Anaheim, San Diego, San Francisco e Oakland.Partecipa da sette anni al Fantasy Baseball della Cdm, ora via Internet, con ottimi risultati e...dollari guadagnati, e i suoi sogni nel cassetto sono quelli di seguire la Semenzato con la radiocronaca di tutte le gare di campionato, e soprattutto di commentare su tv locali o nazionali le partite delle Major League.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.