Verona passa a Modena, Milano fa 1-1 con Settimo

Tre recuperi nel girone B della serie A nel primo fine settimana di giugno dove tutte le altre hanno riposato. Gli scaligeri consolidano il secondo posto grazie allo shutout di Aramayo. Milano butta via garauno ma si riscatta con una manifesta

Milano '46
Il lanciatore Randy Cueto impegnato sul mound meneghino
© Milano '46

Solo tre partite in questo primo weekend di giugno dove, al di là di Modena, Verona, Milano e Settimo impegnate nei recuperi del girone B, tutte le altre hanno osservato un turno di riposo.

La Tecnovap Verona passando sabato pomeriggio sul diamante del Comcor Modena per 1-0 ha consolidato la seconda posizione (8-4) nel girone capeggiato dal Collecchio (11-1). L’unico e decisivo punto della vittoria è arrivato al quinto inning, grazie a due valide di Nifosi e Piccoli e ad un fallo in pedana del pitcher modenese Calero. Sull’altro versante grandissima prestazione per Aramayo che concede 4 valide e chiude con uno shutout. Alla Comcor non bastano gli 11 strike-out dei tre lanciatori che si sono susseguiti nell’arco della partita.

Milano 1946 e Settimo si dividono invece equamente la posta in palio nei due match giocati domenica in Piemonte e ora occupano rispettivamente la terza (5-7) e la quarta posizione (3-7) nella classifica del girone B. Per Settimo e Milano si è trattato di una domenica in fotocopia. Sette giorni dopo le due squadre si ritrovano di fronte ma la fotografia del doppio incontro è la stessa. Gara-uno buttata via del Milano, battuto 10-7 dopo essere riuscito per due volte a rimontare lo svantaggio, e gara due vinta per manifesta (12-0 al settimo) dove due pitcher piemontesi hanno potuto fare ben poco di fronte alle mazze milanesi, anche perché al primo inning il Settimo parte regalando tre basi e Alessandro Garavaglia le svuota subito con un triplo, prima di essere a sua volta spinto a casa da un singolo di Fraulini. E’ l’inizio di una partita completamente in discesa, controllata perfettamente da Cueto per 5 inning (nonostante una pallinata presa direttamente sulla mano di lancio) e messa al sicuro già al 4’ con altri 4 punti arrivati con tre valide (Capellano, Andrea Pasotto e Sanguedolce) e ancora qualche base regalata. Al 6’ si raggiunge quota manifesta con altri tre singoli di Sanguedolece, Samuele Pasotto e Varalda e poi Pizzi e Polo chiudono la sfida in anticipo senza subire punti.

 

Informazioni su Tommaso Pretolani 6 Articoli
Tommaso Pretolani nasce a Genova il 7 novembre 1999 dove tutt'ora studia informazione ed editoria presso l'Università di Genova. Già dall'infanzia comincia a vivere di sport, sia da atleta che da spettatore, e durante l'adolescenza comincia ad approfondire i vari sistemi adottati in giro per il mondo dalle varie nazioni per permettere agli studenti di studiare e fare al contempo sport, anche a livello agonistico. Appassionandosi del tema si incuriosisce sul modello sportivo/scolastico USA e sulle relative discipline sportive popolari in America, cominciando a scoprire pure la MLB. Da grande appassionato di tifoserie cerca sempre di scoprire gli effetti sociali del tifo nelle varie realtà locali, concentrandosi soprattutto sulle diversità fra Europa e Stati Uniti.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.