Girone C: Modena fa soffrire i campioni, il derby è di New Rimini

San Marino sorretto dalla qualità del monte di lancio, Godo passeggia, mentre il Crocetta si conferma quarta forza del girone

Stefano Pedrazzi
Ruggeri difende la prima base, Beccari salvo su pickoff
© Stefano Pedrazzi

Era da parecchio tempo, forse neppure nell’ultima finale scudetto, che non c’era una squadra capace di spaventare San Marino come ha fatto sabato scorso la Comcor Modena. I campioni d’Italia però superano lo scoglio e si portano a una sola vittoria dalla qualificazione alla Poule Scudetto. Nel primo week-end senza fuoricampo, la squadra di Bindi si affida al proprio monte di lancio: 27 gli strike-out in due partite (super Baez con 8″kappa”) su 11 out e una one-hit combinata in garadue. Onore comunque anche al bullpen di Modena dove soprattutto i partenti hanno tenuto a freno le temute mazze del Titano.

Modena (che mercoledì a Riccione recupererà garadue con i Falcons) punta il mirino sulla sfida del 14 maggio contro l’Hort@ Godo che definirà la seconda qualificata alla Poule Scudetto. Godo che ha giocato il “jolly” del turno regolando facilmente in due partite Sala Baganza. Trenta punti complessivi per la squadra di Naldoni, 27 le valide messe a segno dove spiccano il 4/5 di Bucchi e il 4/8 di Vallejo e Galli.

Forse sabato pomeriggio il Longbridge avrà un attimo ripensato a quella rimontona di due settimane prima a Rimini. E mastica amaro dopo garauno in casa del Crocetta persa 7-5 dopo aver comandato per sette riprese. Poi i parmensi hanno frenato l’attacco ospite con il sempre più convincente Zanchi e nel box hanno prodotto cinque valide all’ottavo ribaltando il punteggio. Poi sulle ali dell’entusiasmo è arrivata una comoda vittoria in garadue con la quale il Crocetta blinda la quarta piazza. Da segnalare la prestazione di Federico Dentoni autore di un 6/6 nel box.

C’era attesa per il primo derby storico di Rimini in serie A. Doppietta di New Rimini contro i Falcons al termine di due belle partite con la seconda che ha visto un totale dominio dei lanciatori (23 strike-out complessivi) e Mediolanum che l’ha vinta 2-1 segnando i due punti proprio nell’ultimo attacco disponibile. Più marcato l’8-4 di garauno, decisa in un terzo inning da fuochi e fiamme con la CSARImini.com a produrre i 3 punti dell’illusorio vantaggio e la squadra di Mike Romano a segnarne 6 ribaltando il match.

 

Informazioni su Carlo Ravegnani 215 Articoli
Carlo Ravegnani, nato a Rimini il 31 gennaio del 1968, ha iniziato la carriera giornalistica a 20 anni nell'allora Gazzetta di Rimini, "sostituita" dal 1993 dall'attuale Corriere Romagna dove lavora come redattore sportivo. Collaboratore per la zona di Rimini del Corriere dello Sport-Stadio, il baseball è stata una componente fondamentale nella sua vita: dapprima tifoso sugli spalti dello Stadio dei Pirati poi giocatore nel mitico Parco Marecchia e poi nel Rimini 86, società che ha fondato assieme a un gruppo di irriducibili amici. Quindi giornalista del batti e corri sulla propria testata e alcune saltuarie collaborazioni con riviste specializzate oltre che radiocronista delle partite dei Pirati assieme all'amico e collega Andrea Perari. Negli ultimi anni è iniziata anche la carriera dirigenziale, con la presidenza (dal 2014) dei Falcons Torre Pedrera. La passione è stata tramandata al figlio Riccardo che gioca lanciatore e prima base negli stessi Falcons.