Amsterdam è ancora la più bella d’Olanda

Sette gare bellissime ed equilibrate: due vittorie per i Pirates, poi tre per Rotterdam e infine due successi (quelli determinanti) per Amsterdam. Un trionfo in agrodolce: il giorno dopo, il manager dei Pirates, Michael Duursma, si è dimesso

Jane Verhoeven
Shairon Martis (Amsterdam), complete game in gara-7 delle Holland Series 2021
© Jane Verhoeven

Rotterdam e Amsterdam si sono date battaglia fino alla fine, fino all’ultimo strike. Sono arrivate fino alla settima e decisiva gara delle Holland Series prima di decretare la squadra campione 2021. Cinque partite finite con 2 punti di differenza, due gare con 6 punti di scarto. Dopo 6 sfide gare il Neptunus Rotterdam aveva segnato 22 punti, L&D Amsterdam 23. La serie finale è stata molto equilibrata: due vittorie per Amsterdam, poi tre vittorie per Rotterdam e due (quelle determinanti) per Amsterdam. Zero a zero a meta di gara-7 gara domenica pomeriggio a Rotterdam poi nella quinta ripresa gli ospiti hanno aperto con 4 punti di cui 3 battuti a casa grazie al fuoricampo da Kalian Sams. Il Neptunus risponde nella sesta e nell’ottava ripresa, ma questi 2 punti non bastano ad evitare la quarta sconfitta. Finisce 4-2. Rotterdam si ferma a 19 titoli nazionali, gli Amsterdam Pirates si confermano campioni d’Olanda e allungano a 6 il numero dei titoli vinti (1987, 1990, 2008, 2011, 2019 e 2021). Nel 2020 non assegnato a causa del coronavirus. MVP Sharlon Schoop per Amsterdam. Gioia e tristezza: lunedì, il giorno dopo il trionfo, il manager dei Pirates Amsterdam, Michael Duursma, ha deciso di lasciare la squadra. Una scelta personale per poter avere più tempo ed energie da dedicare alla sua attività per l’accademia regionale di baseball e alla squadra nazionale Under-15.

GARA 5- Giovedì sera a Rotterdam il quinto match di finale era stato vinto dal Curacao Neptunus per 6-5, per la prima volta in vantaggio nelle Holland Series 2021. La squadra del manager Ronald Jaarsma batteva meno (11-12) ma sbagliava di più degli ospiti (5 errori contro 1). Christian Diaz, tornato dopo 4 anni di squalifica per doping, ha prodotto due tripli ed un singolo, 2 i punti segnati ed uno battuto a casa. Sabato pomeriggio ad Amsterdam, il Neptunus sembrava partito verso la quarta e decisiva vittoria – ovvero verso il ventesimo titolo nazionale – ma nella quinta ripresa Amsterdam ha bombardato il monte di Rotterdam con 6 valide, compreso un doppio da Denzel Richardson da 2 punti. In questo big inning, Amsterdam ha segnato 6 punti e passava in testa (7-3). Nelle ultime riprese Amsterdam si è assicurata il vantaggio e il risultato finale di 11-5, pareggiando la serie 3-3.

Jane Verhoeven
Orlando Yntema e Tom de Blok

Giovedì sera, lanciatore vincente in gara-5 era il mancino Diegomar Markwell del Neptunus nel suo ruolo abituale di partente per 8 riprese. Dopo la gara completa di sabato 9 ottobre, Kevin Kelly tornava come closer in gara-5 salvando la terza vittoria per il suo Neptunus (6-5). Lanciatore partente del Neptunus in gara-6 era l’esperto Kaj Timmermans, che pur avanti 3-2 nella quinta ripresa è stato sostituito da Kevin Bakker (lanciatore Under 23 a Verona). Ad Amsterdam, Bakker non sapeva frenare l’attacco dei Pirates che allungavano fino al 7-3. Lanciatore vincente il rilievo Robyn Clara, olandese ma con padre francese e selezionato per Les Bleus nel passato. Le Holland Series sono state segnate dall’assenza di due forti lanciatori Orlando Yntema del Neptunus Rotterdam e Tom de Blok del L&D Amsterdam, entrambi infortunati alla spalla.

Si chiama Shairon Martis, gioca con L&D Amsterdam, il lanciatore più particolare delle Holland Series 2021. L’ex-major leaguer (Washington Nationals) è stato autore di tre gare complete: garauno vinta 2-0, garatre persa 0-2 e garasette vinta 4-2. Tra garatre e garasette, Martis ha assistito al matrimonio del suo unico fratello sabato scorso a Curacao. Domenica alle 11 Martis è tornato ad Amsterdam e alle 14 ha preso la palla per garasette a Rotterdam. “Posso dormire sempre e dappertutto. Aeroplano, treno, nave. Non importa, io dormo!” ha detto il 34enne Martis in un’intervista a Sam Planting, giovane redattore della Volkskrant (“Gazzetta del popolo”). “Nella mia carriera pro durata 17 anni non ho mai lanciato tre gare complete consecutive, ma adesso sono entrato in ottima forma al momento giusto. Ho dormito dalla partenza da Curacao fino al mio arrivo all’aeroporto di Schiphol ad Amsterdam. Ho dato tutta per la mia squadra!”

Jane Verhoeven
Charles Urbanus, commentatore delle Holland Series per NOS TV, nella tribuna stampa del Familie Stadion di Rotterdam

Shairon Martis ha fatto anche parte della Nazionale olandese che ha vinto il Mondiale IBAF 2011. Dieci anni dopo Martis viaggiava sopra l’Atlantico. Non ha potuto vedere il video prodotto dalla NOS e trasmesso sabato sera per ricordare l’indimenticabile notte del baseball olandese. La NOS ha mandato in onda un collage di immagini della finale 2011 Cuba-Olanda 1-2 oltre a immagini attuali delle Holland Series e i play-off della MLB, dove sono in corsa ancora tre olandesi: Ozzie Albies con Atlanta Braves contro Kenley Jansen dei Los Angeles Dodgers e il campione mondiale 2011 Xander Bogaerts dei Boston Red Sox.

La NOS ha trasmesso live tre gare delle Holland Series sul prestigioso canale Uno della TV nazionale dalle ore 14 fino all’ultimo out dopo più di 3 ore di gara: la quarta sfida domenica 10 ottobre, gara 6 sabato 16 ottobre e gara-7 domenica 17 ottobre. Commentatore per tutte e tre le produzioni è stato Charley Urbanus, vista la sua storia di manager del Neptunus Rotterdam e dei Pirates Amsterdam. Oltre 1.200 spettatori presenti per gara-7, milioni di olandesi hanno visto in TV i migliori incontri del baseball nazionale.

Tutti i risultati delle Holland Series

Curacao Neptunus-L&D Amsterdam 0-2

L&D Amsterdam-Curacao Neptunus 3-1

Curacao Neptunus-L&D Amsterdam 2-0

L&D Amsterdam-Curacao Neptunus 2-8

Curacao Neptunus-L&D Amsterdam 6-5

L&D Amsterdam-Curacao Neptunus 11-5

Curacao Neptunus-L&D Amsterdam 2-4

 

Informazioni su Pim Van Nes 271 Articoli
E' corrispondente dall'Olanda per Baseball.it e per Mister-Baseball.com. ma segue le vicende del baseball e softball italiano anche per i siti olandesi Honkbalsite.com e Softbalsite.com. In passato, Pim Van Nes ha collaborato con la testata "Tuttobaseball" e con le riviste olandesi "Inside" e "Honkbal en Softbal Nieuws". Nel biennio 1984-1985 ha contribuito all'Enciclopedia del Baseball di Giorgio Gandolfi e Enzo Di Gesù realizzando uno speciale di 5 pagine sulla storia del baseball in Olanda. Tra il 1982 e il 2005, ha svolto la sua attività professionale presso le Ambasciate olandesi di Parigi, Kuwait City, Cairo, Algeri, Rabat, Ankara e Dubai.