Come farsi conquistare (ancora di più) dal baseball

Esce domani “Il diamante è per sempre” di Mario Salvini (Terre di mezzo Editore): in 296 pagine dieci bellissime storie per innamorarsi del battiecorri. Da Piazza, Di Maggio, Biasatti e Bertoia fino a Jackie Robinson, Roberto Clemente e i Cubs

Terre di mezzo Editore
"Il diamante è per sempre", dieci storie per innamorarsi del baseball
© Terre di mezzo Editore

Scovare dieci, dico dieci, attraenti storie di baseball e narrarle con bravura, impegno e tanta passione, anche a chi questo sport non lo segue (e farlo innamorare), era un po’ come decidere il roster di una squadra di MLB attingendo ad un bacino infinito di campioni. A malincuore, inevitabilmente, qualcuno resta fuori.

Impresa ardua anche per chi, come Mario Salvini (52enne giornalista della Gazzetta dello Sport dove si occupa principalmente di F1 e curatore del noto blog Chepalle!), ha giocato nelle giovanili del Parma – due scudetti Primavera vinti nel 1986 e 1987 – dello Junior, del Codogno e ha vestito la casacca azzurra agli Europei Cadetti dell’85. Una sfida impegnativa che comunque non poteva che essere raccolta da qualcuno cresciuto in diamante, a pane e baseball, e conosce la magia del numero 9. Un atto dovuto.

Nel suo libro di debutto “Il diamante è per sempre” (296 pagine, Terre di mezzo Editore), con la prefazione di Mike Piazza, Mario Salvini è riuscito a selezionare dieci storie, tra le più significative in 118 anni di Major League, con l’obiettivo di far risaltare l’epica del baseball. “Quando ho deciso di scriverlo non ho pensato ad un numero preciso, mi sono concentrato sulle storie da raccontare a chi ha una sensibilità sportiva ma che il baseball lo aveva visto in modo distratto – dice Salvini a Baseball.itCon l’editore abbiamo pensato al diamante, ai ruoli e a un certo punto è sorto il dubbio se fare tante storia brevi o volevamo entrarci bene dentro. Volevo interessare un pubblico non baseballistico ma raggiungere al tempo stesso anche il mondo degli appassionati, trovare motivi d’interesse anche per loro”.

Terre di mezzo Editore
La copertina del libro di Mario Salvini “Il diamante è per sempre”

Un libro ricco di emozioni, presentato come un viaggio nei sogni, nelle speranze, nelle imprese e vicende umane di cuj la MLB è una vera miniera. Storie che riportano rimonte incredibili, vittorie di campionato attese per oltre un secolo (come quella del 2016 dei Cubs dopo 108 anni), grandi e piccole imprese che ci parlano di sport ma anche della cultura e della società degli Stati Uniti d’America. “La sfida era proprio trovare delle storie già conosciute ma diverse tra loro, lunghe e corpose, quelle che potessero affascinare di più. Tutte e dieci contengono l’eccezionalità da un punto di vista umano e sociale” prosegue Salvini.

Da Jackie Robinson a Yogi Berra, da Cal Ripken a Derek Jeter, fino a Billy Martin, al fuoricampo di Mike Piazza dopo l’11 settembre, la maledizione dei Chicago Cubs, la striscia di Joe Di Maggio, Hank Biasatti, Piero Bertoia e Roberto Clemente: “Uno sportivo italiano che legge la storia di Biasatti e Bertoia, non ci crede. Come pure ogni volta che racconto del grande campione portoricano dei Pirates tutti restano a bocca aperta”.

La storia di Roberto Clemente, in particolare, prende spunto da alcuni episodi personali: “Era il 1978, avevo 9 anni, c’erano i Mondiali in Italia. Facevo il batboy al Nicaragua – ricorda Salvini – e rimasi affascinato dal fatto che tutti i giocatori avevano il numero 21 stampato sulla casacca. Poco dopo scoprii che era in memoria di Roberto Clemente, scomparso sei anni prima in un incidente aereo, mentre cercava di portare aiuto alle vittime del terremoto a Managua. In quello stesso anno giocavo nell’Astra, la squadra di Parma della parrocchia di Ognissanti di Don Sergio Sacchi. La casacca era identica a quella dei Pittsburgh Pirates, la squadra con cui Clemente giocò ininterrottamente dal 1955 al 1972”.

Il refrain resta meravigliosamente quello di sempre: come si fa a non innamorarsi del baseball. La risposta dimora tra le pieghe di questo libro.

“Il diamante è per sempre”, disponibile da domani 16 settembre in libreria, può essere anche ordinato online sul sito dell’Editore Terre di mezzo e su Amazon

 

Informazioni su Filippo Fantasia 654 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.