Godo in testa al girone F, ma quanta fatica

Il giovane Ronchi crea problemi alla testa di serie del girone che però fa bottino pieno. Una vittoria per parte nella sfida tra Longbridge e Cervignano

Flavia Zanchini
Stefano Naldoni, manager del Godo
© Flavia Zanchini
Comanda il Baseball Godo, dopo la prima giornata del girone F, ma per la testa di serie del gruppo non è stato semplice venire a capo del giovane e combattivo Ronchi. La formazione del manager Naldoni si è trovata sotto 0-2 in gara uno, salvo poi colpire il partente ospite Bazzarini con un big inning che l’ha portata al sorpasso ed al definitivo 4-2, anche grazie al doppio della novità antillana Albert. Bene Galeotti sul monte, rilievo e salvezza tranquilli per il giovane Focchi e Piumatti. In serata, il partente venezuelano di Godo. Rodriguez, ha dovuto incassare presto il fuoricampo di Daniele Furlan, ma poi ha iniziato ad inanellare ‘k’ (alla fine saranno ben nove in sei riprese) mentre il box romagnolo prendeva vantaggio. Nel finale, sul rendimento opaco di entrambi i rilievi, sono piovute basi per ball, ma Godo ha mantenuto con il brivido un minimo margine e vinto (7-6).
Nel secondo scontro, giocato ieri in Friuli, il Longbridge ha sfruttato l’ottima giornata del partente Luca Bortolotti, che si è fermato ad un out dalla fine del settimo inning dopo aver concesso soltanto due valide. Gara a quel punto decisa (5-3), anche se i padroni di casa hanno cercati la rimonta in extremis, senza riuscirci. Lanciatori molto meno efficaci nel pomeriggio, con Cervignano che dilaga segnando 11 punti tra sesta e settima ripresa, mentre i felsinei si fermano al fuoricampo di Ferini (13-8  il finale). Nel prossimo weekend si giocheranno Longbridge-Godo (diretta su Fibs Tv di gara uno, venerdì sera) e Ronchi-Cervignano.
Informazioni su Sandro Camerani 16 Articoli
Sandro Camerani professionista dal 1994, ha collaborato con Repubblica e Messaggero ed attualmente con Gazzetta dello sport e Corriere Romagna. Amore per il baseball sbocciato in uno dei 17 viaggi in Usa, ha gia' visitato 18 differenti ballparks della Mlb. Ha scritto due libri (america on the road e Fortitudo basket, un terzo è in uscita)