Gualtiero Carli ha raggiunto il “Pres”

Si è spento questa mattina uno dei personaggi più conosciuti del baseball riminese, amico e collaboratore di Rino Zangheri

Baseball.it
Gualtiero Carli e Rino Zangheri a Barcellona '89, ultima vittoria in coppa Campioni del Rimini Baseball
© Baseball.it

Se anche nel baseball italiano, alla fine di un campo da baseball, ci fosse la piantagione di mais stile “The field of dreams”, beh comincerebbe a essere parecchio popolata. Il batti e corri riminese ha perso questa mattina uno dei personaggi più conosciuti, uno di quelli più longevi. Si è spento infatti Gualtiero Carli, classe 1927, uno dei pionieri del baseball a Rimini, uno di quei ragazzi del professor Pagnini, insegnante del Liceo Classico, che disputò le Olimpiadi di Los Angeles nel 1932 nel pentathlon moderno e rimase affascinato dal gioco del baseball. Quando tornò lo propose ai suoi studenti, tra cui Gualtiero Carli, che decise di creare una società e formare una squadra. Era il 1949, i ruoli erano quasi tutti coperti, mancava il catcher, lo fece Gualtiero, che pochi anni dopo a Bologna formò una batteria di tutto rispetto con Lachi. Nel box aveva una particolarità, rarissima per i ricevitori, era un mago del bunt. Il baseball a Rimini riprese piede a fine anni Sessanta e logicamente c’era Carli a guidare un manipolo di bravi ragazzi, questa volta dal dug-out nel ruolo di manager. Poi ricambia ancora e diventa dirigente quando a capo dei Pirati arriva Rino Zangheri. Quella di Gualtiero è una scalata a livello dirigenziale, fa parte del consiglio federale con Beneck presidente, gira il mondo, resta sempre fedele al “Pres” col quale condivide gioie e dolori sul diamante, mangiate, risate, relax nella residenza estiva Zangheri a Ibiza. A Rimini era facile trovarlo: per qualche anno ha mandato avanti l’Universal, storico negozio interamente dedicato al baseball, altrimenti il suo triangolo era casa-campo-Taverna degli Artisti. Il ristorante storico di Marina Centro degli amici Sergio e Nadi dove sostavano spesso e volentieri i fenomeni del Rimini Baseball vinci-tutto, da Romano a Orrizzi, da Long a Spica. Allo Stadio dei Pirati, Carli aveva il suo posto fisso durante le partite. Si piazzava esattamente in linea dietro il box di battuta, da buon catcher, sia per godersi i lanci, sia per controllare le chiamate arbitrali. Un giudice severo (uso un eufemismo) per gli arbitri di casa base ai quali non ha mai perdonato niente: “era fuori di mezzo metro” una delle sue frasi classiche se la chiamata danneggiava un battitore dei Pirati. Magari il lancio era sul filo, ma guai a contraddirti caro Gualtiero.

Informazioni su Carlo Ravegnani 194 Articoli
Carlo Ravegnani, nato a Rimini il 31 gennaio del 1968, ha iniziato la carriera giornalistica a 20 anni nell'allora Gazzetta di Rimini, "sostituita" dal 1993 dall'attuale Corriere Romagna dove lavora come redattore sportivo. Collaboratore per la zona di Rimini del Corriere dello Sport-Stadio, il baseball è stata una componente fondamentale nella sua vita: dapprima tifoso sugli spalti dello Stadio dei Pirati poi giocatore nel mitico Parco Marecchia e poi nel Rimini 86, società che ha fondato assieme a un gruppo di irriducibili amici. Quindi giornalista del batti e corri sulla propria testata e alcune saltuarie collaborazioni con riviste specializzate oltre che radiocronista delle partite dei Pirati assieme all'amico e collega Andrea Perari. Negli ultimi anni è iniziata anche la carriera dirigenziale, con la presidenza (dal 2014) dei Falcons Torre Pedrera. La passione è stata tramandata al figlio Riccardo che gioca lanciatore e prima base negli stessi Falcons.