Le società di serie A1 votano l’allargamento a dodici squadre dal 2020

Sette delle otto aventi diritto (assente Nettuno) hanno accettato la proposta del presidente Marcon. Dai primi di dicembre si potrà fare domanda di ripescaggio per i quattro posti disponibili. In cinque interessate al salto di categoria. Si parte il 10 aprile

FIBS
L'intervento del presidente Andrea Marcon a Bologna
© FIBS

L’allargamento della serie A1, una delle priorità del presidente Fibs Andrea Marcon per la prossima stagione, è diventata realtà sabato pomeriggio. Dal 10 aprile saranno dodici le formazioni che si contenderanno lo scudetto. Il tanto atteso passo avanti è stato ufficializzato al termine di una velocissima riunione delle società aventi diritto. Nella sede Fibs del comitato regionale Emilia-Romagna si sono presentate all’appuntamento con Marcon e con il designatore Andreino Parentini: Bologna, Parma, San Marino, Redipuglia, Godo, Castenaso e la neopromossa Macerata. Unica assente Nettuno City.

Le società hanno ascoltato con attenzione le argomentazioni del massimo dirigente Fibs e in meno di un’ora hanno dato il via libera alla riforma. Alle  8 aventi diritto dovranno dunque essere aggiunte 4 squadre provenienti dalle richieste di ripescaggio. Al termine delle iscrizioni, previsto per il 30 novembre, è prevista una finestra di dieci giorni, a inizio dicembre, nella quale sarà possibile chiedere l’ammissione alla massima serie. I rumors parlano di cinque squadre che sarebbero pronte al grande salto. Non rimane che aspettare.

 La stagione si svilupperà in una prima fase a 2 gironi da 6 squadre, con 2 partite per turno, al termine della quale le prime 2 classificate di ogni raggruppamento avanzeranno alla Pool Scudetto. Pool Scudetto che vedrà un nuovo girone all’italiana fra le 4 squadre qualificate ma con il passaggio a 3 gare per weekend. Il tricolore sarà quindi assegnato con la disputa delle Italian Baseball Series tra le prime 2 classificate della Poule scudetto in una serie al meglio delle 7 gare. Invece le 8 squadre che non avranno accesso alla lotta per lo scudetto, giocheranno una seconda fase (Poule retrocessione) con un girone all’italiana dove si porteranno dietro i risultati della prima fase con le squadre provenienti dal proprio raggruppamento. Solo una la retrocessione prevista nella seconda serie di baseball. In quest’ambito per la Coppa Italia sarebbero considerate le sole partite della prima fase con l’obbligo dei 4 giocatori AFI nel lineup e le prime 2 classificate di ognuno dei 2 gironi si qualificheranno per la Final Four, modulata su semifinale e finale, che si disputerà in coda alla stagione in un solo weekend subito dopo l’assegnazione dello scudetto.  Prevista una finestra di mercato alla fine della prima fase della regular season, tra il 21 e il 25 giugno, permettendo però i movimenti anche tra società della stessa categoria. In tema di visti lavoro subordinato sport, ogni società ne avrà a disposizione 3 più la possibilità di un taglio e la deadline per il tesseramento degli atleti sarà il 30 giugno 2020. La prima giornata della stagione 2020 si giocherà nel weekend del 10-11 aprile con la prima fase che terminerà il 20 giugno e la previsione di una sola sosta in corrispondenza della European Champions Cup, programmata nella prima settimana di giugno. La seconda fase, per entrambe le poule, partirà il 26-27 giugno e le Italian Baseball Series si disputeranno dal 7 al 19 agosto (con la serie che si svilupperà sullo schema venerdì-sabato, mercoledì-giovedì-venerdì, martedì-mercoledì).  La Final Four della Coppa Italia è invece prevista per il 22 e 23 agosto. Chiudiamo con una bella notizia per gli appassionati: verrà effettuata la produzione video di almeno una partita per weekend

 

Maurizio Caldarelli
Informazioni su Maurizio Caldarelli 377 Articoli
Giornalista del quotidiano "Il Tirreno" di Grosseto, collabora anche con la Gazzetta dello Sport.