Un 5 a 1 firmato Colabello

Alla Qualificazione Olimpica, la prima vittoria dell’Italia e sulla la Repubblica Ceca, dopo la sospensione sul 4 a 4 ieri nel match d’apertura con il Sud Africa

Lauro Bassani - PhotoBass
Chris Colabello
© Lauro Bassani - PhotoBass

Nel seconda giornata del Torneo di Qualificazione Olimpica l’Italia trova la sua prima vittoria, convincente, sulla Repubblica Ceca, dopo che la partita d’esordio con il Sud Africa ieri a Parma era stata sospesa per pioggia sul 4 a 4. Gli azzurri mettono così un “uno” nella colonna delle vittorie in classifica, e possono pensare positivo, aspettando domani una sfida con Israele assolutamente decisiva.
Sul 5 a 1 di stasera la firma è quella di Colabello: con il suo fuoricampo da tre al 3° e tutti i primi 4 punti italiani battuti a casa dalla sua mazza.

I cechi erano partiti di gran carriera, contro Palumbo, andando subito a segno con il lead off Schneider, bravo a colpire un doppio a freddo, e poi a casa base sul singolo di Cech.

Lauro Bassani - PhotoBass
Giuseppe Mazzanti (Lauro Bassani)

Allo 0 a 1 la risposta dell’Italia è stata immediata: Andrew Maggi in singolo da primo battitore del line up, colpito da Chroust Vaglio, doppia rubata, pareggio su volata di sacrificio, appunto, di Colabello.
Lì i cechi, in pratica, sono spariti. Il primo battitore va in base per entrambe le formazioni al 2°, quindi l’inning successivo vede i “nostri” mettere la freccia. Base ball per Andrew Maggi, colpito Vaglio (di nuovo: 2 su 2), homer di Colabello per il 4 a 1. E il singolo di Mazzanti (3 su 4 alla fine) vanificato dalla battuta in doppio gioco di Andreoli.
Dall’altra parte ci sono due rimasti in base al 5°, giusto prima che tre singoli – di Andrew Maggi, Vaglio e Mazzanti – mettano sul tabellone il quinto punto. Mentre non servono un doppio di Cerventa e un singolo di Cech (3 su 4) a muovere il punteggio per i cechi al 6°, fermati da una doppia eliminazione Maggi-Vaglio-Colabello. Così come le due valide in successione di Mizik e Cervinka, con in mezzo il cambio di lanciatore per Gerali, con Pugliese a prendere il posto di Palumbo. Due eliminazioni al piatto del rilievo azzurro risolvono, e dopo la Repubblica Ceca non può far altro che arrivare a poter dire di aver trovato di più nel box – 10 valide a 9 – senza averne un risultato. Anzi, è l’Italia a poter recriminare sui tre corridori lasciati sulle basi all’8°, in situazione di un eliminato.

Il tabellino

La classifica

Mino Prati
Informazioni su Mino Prati 733 Articoli
Mino Prati, giornalista dal 1979, ha scritto di baseball per 'Il Giornale Nuovo', la 'Gazzetta di Bologna', 'Stadio', 'Tuttobaseball' e 'Baseball International' e 'Agenzia ANSA' e 'Il Resto del Carlino', oltre ad essere stato il curatore del sito BaseballNow. É stato anche direttore responsabile, a livello bolognese, di diverse testate tra cui 'Fuoricampo', 'Baseball Time' e 'Baseball Oggi', nonchè addetto stampa della Fortitudo Bologna. Ha lavorato per l'Ufficio Stampa F.I.B.S. Ha pubblicato l'Almanacco del Baseball, per la Nuova Sagip, nel 1980. Oltre che giornalista, vanta un'esperienza anche dall'altra parte "della barricata": ex-tecnico, dirigente di società, a livello di categorie minori praticamente da sempre (dal 1972) a Minerbio (in provincia di Bologna dove è stato uno dei fondatori della società), e come Direttore Tecnico nelle Calze Verdi Casalecchio (Serie A2-1991) prima e nella Fortitudo Bologna (Serie A1-1992/93) poi. Più volte eletto negli organismi locali della Federbaseball a livello provinciale e regionale. E' stato il Responsabile Editoriale di Baseball.It nel 2002.