Michelini: quale campionato?

A Bologna è praticamente fatta per il lanciatore comunitario Antonio Noguera. Ambrosino in partenza per Nettuno. Come stranieri confermati Rivero e Marval, e forse anche Flores. Vaglio resta

Incontro a tutto campo col presidente della Fortitudo Bologna, Stefano Michelini. Chiacchiere in libertà, aspettando di sapere che accidenti di campionato ci sarà da fare (cosa che vorremmo tanto capire anche noi).
Il club petroniano – fuori in semifinale l'anno scorso in campionato e nel 2018 in Coppa dei Campioni da vincente della Coppa Italia – per ora sul mercato ha a livello ufficiale solo un nome in uscita, quello di Sambucci, tornato a Parma. La bocca del suo massimo dirigente però ammette che è praticamente fatta per l'ingaggio di Antonio Noguera, pitcher di passaporto spagnolo (e quindi comunitario e parificato agli italiani), dal Brescia di serie A, e nel 2011 e 2012 in IBL a Novara.
"Quasi", come per il rinnovo della sponsorizzazione dell'UnipolSai. Non è però che sia un pareggio. In uscita ci dovrebbe essere anche la partenza di Ambrosino, destinazione Nettuno, probabilmente sponda Fortini. "Il giocatore ci ha chiesto di tornare a casa – ci ha detto Michelini – e noi in questi casi, se uno è deciso, non ci mettiamo di traverso. Certo bisognerà trovare l'accordo con la società che lo vuole, qualunque sia".
Anche per Vaglio si è sentito di un possibile riavvicinamento a suoi luoghi di origine.
"Se me lo avessi chiesto la settimana scorsa ti avrei detto di sì. Oggi invece sembra ci abbia ripensato e crediamo di poter dire che sarà con noi anche la prossima stagione".
Quindi i posti vuoti, al momento, potrebbero essere due
"Pensiamo a un esterno comunitario, non a uno straniero, dove dovremmo partire con Rivero, Marval, che magari potrebbe essere il prima base, e adesso Flores, che sappiamo ha altre proposte e col quale dovremmo decidere in settimana".
Tre soli stranieri, perciò, all'inizio?
"Al momento sì, ma dipenderà da quante saranno le partecipanti al campionato e quante le partite settimanali".
Già, perché invece di un allargamento qui sembra un campionato neppure a otto, se sarà confermato il cambio di presidente a Rimini con l'arrivo di Pillisio da Novara.
"Io oggi infatti di squadre mi fermo a contarne sei, poi aspettiamo la federazione".
Novara, stando ai "si dice", non si dovrebbe iscrivere al massimo campionato, e di conseguenza i vostri prestiti che fine faranno: Bassani, Dobboletta, Cadoni, anche Buffa?
"La cosa è fresca: al momento posso dire che Bassani aveva chiesto di restare a Novara, per motivi personali ed economici. Se adesso il Rimini lo vuole dovrà svincolarlo. Tutti potrebbero ritornare, è presto per parlarne".

Mino Prati
Informazioni su Mino Prati 778 Articoli
Mino Prati, giornalista dal 1979, ha scritto di baseball per 'Il Giornale Nuovo', la 'Gazzetta di Bologna', 'Stadio', 'Tuttobaseball' e 'Baseball International' e 'Agenzia ANSA' e 'Il Resto del Carlino', oltre ad essere stato il curatore del sito BaseballNow. É stato anche direttore responsabile, a livello bolognese, di diverse testate tra cui 'Fuoricampo', 'Baseball Time' e 'Baseball Oggi', nonchè addetto stampa della Fortitudo Bologna. Ha lavorato per l'Ufficio Stampa F.I.B.S. Ha pubblicato l'Almanacco del Baseball, per la Nuova Sagip, nel 1980. Oltre che giornalista, vanta un'esperienza anche dall'altra parte "della barricata": ex-tecnico, dirigente di società, a livello di categorie minori praticamente da sempre (dal 1972) a Minerbio (in provincia di Bologna dove è stato uno dei fondatori della società), e come Direttore Tecnico nelle Calze Verdi Casalecchio (Serie A2-1991) prima e nella Fortitudo Bologna (Serie A1-1992/93) poi. Più volte eletto negli organismi locali della Federbaseball a livello provinciale e regionale. E' stato il Responsabile Editoriale di Baseball.It nel 2002.

Commenta per primo

Lascia un commento