Disastro Teran, vince il Padule

Quarta vittoria per i fiorentini, prima in assoluto in trasferta. Sullo 0 a 0 al 9° le valide di Alarcon e Fatiganti piegano il Rimini

Il Rimini chiude con una sconfitta casalinga per 3-0 contro il Recotech Padule, subita nel finale di partita, la regular season. La formazione toscana ha così centrato la sua quarta vittoria in stagione, prima assoluta in trasferta.

Rimini aveva ben poco da chiedere a questa gara ma di certo doveva e poteva fare molto meglio, soprattutto in attacco. Ceccaroli, come annunciato alla vigilia, ha dato spazio a tutti i giocatori del roster, rinunciando forzatamente al cubano Caseres (uscito acciaccato nella sfida pomeridiana, problema muscolare di lieve entità al polpaccio) in gara2. Sul monte ha iniziato la partita Hernandez che ha lanciato 5 buone riprese, poi Rosario è stato impiegato da rilievo per 2 inning. All'ottavo il veterano Del Bianco ha chiuso senza problemi l'attacco toscano, ma al nono Teran non ha un impatto positivo sul match. Santaniello e Scull battono due valide in fila e sull'incertezza di Garbella quest'ultimo giunge in terza. Il singolo di Alarcon vale il primo punto del Recotech (0-1). Sull'azione entrambi i corridori avanzano in scoring position per cui viene concessa l'intenzionale a Ramirez. A basi piene e zero out sul tabellone, Teran mette a segno due strike-out in serie su Maldonado e il pinch hitter Origlia. Ma si deve arrendere alla precisa valida da due punti di Faticanti (0-3) che decreterà il successo ospite.

Vince il Padule che così può festeggiare la prima vittoria stagionale ottenuta fuori casa e i due veterani Labardi e Lumini (intera carriera nel Padule) salutano il baseball giocato ritirandosi con un successo di prestigio.

Adesso la formazione riminese in semifinale playoff se la vedrà contro l'UnipolSai Bologna che vincendo le due sfide contro San Marino si è aggiudicata il primo posto in classifica. Ragion per cui la Finale Scudetto 2017 non sarà fra le due squadre che si sono affrontate nelle ultime tre stagioni. 

 

Il tabellino  

Commenta per primo

Lascia un commento