Marco Nanni: "Ecco come sarà il mio San Marino"

Il neo manager dei Titani: "Monte e difesa saranno i nostri punti di forza". Domani amichevole contro Rimini, la prima di una serie di sfide previste tra campionato e European Cup. E il derby aprirà anche la regular-season della IBL

Marco Nanni aveva lasciato dopo la pesante sconfitta subìta nella finale scudetto 2015 dalla sua Fortitudo contro Rimini. Marco Nanni torna dalla porta principale e i primi veri avversari della stagione sono ancora i Pirati. Detto che tra le due società non sarà mai una partita amichevole, quella in programma domani dalle 13.30 sul diamante riminese sarà la prima di una serie di sfide tra le due squadre, inserite nel gironcino della prima fase di campionato e soprattutto nel medesimo girone di European Cup. E aggiungiamo che il derby aprirà anche la vera regular season dell'Ibl.

"Si sente già l'aria del derby – conferma il neo tecnico sammarinese – e questo clima ci piace perché ci proietta nella stagione vera e propria. Finisce il mese di marzo e termina quella che io e il mio staff abbiamo considerato la preparazione invernale. Le amichevoli contro Rimini e quella di sabato prossimo con Parma alzano l'asticella e fanno parte della reale pre-season che ci consentirà di presentarci nella maniera migliore al via del campionato".

Anche i primi tre week-end della prima fase possono essere considerati un'ulteriore pre-season? "Per sistemare qualcosa forse sì, per entrare nella forma migliore anche, ma sono partite che danno i primi punti e come tali vanno affrontate".

Un giudizio su questi primi due mesi di preparazione? "Molto meglio di quanto pensavo e vi assicuro che ero già ottimista in partenza. Abbiamo lavorato alla grande: i ragazzi hanno mostrato entusiasmo, presenza, voglia di aiutarsi a vicenda, la cura di ogni minimo dettaglio e per fortuna il meteo ci ha dato una grossa mano permettendoci di allenarci a marzo sempre in campo".

Come giocherà la T&A di Marco Nanni? "Difesa e monte di lancio dovranno essere i nostri punti di forza, oltre al cinismo nel gioco d'attacco. Le prossime due settimane le ritengo molto importanti, voglio giudicare infatti se le mie idee sono giuste e se quelle situazioni tattiche, che ho pensato e sulle quali abbiamo lavorato, saranno valide per tutta la stagione".

La squadra come sta fisicamente? "Bene, manca all'appello solo Florian reduce dal Classic che arriverà a San Marino la prossima settimana, abbiamo recuperato Imperiali che aveva accusato un problema muscolare e la situazione di Chiarini viene monitorata di giorno in giorno, ma credo che con Rimini possa fare qualche apparizione nel box".

Informazioni su Carlo Ravegnani 206 Articoli
Carlo Ravegnani, nato a Rimini il 31 gennaio del 1968, ha iniziato la carriera giornalistica a 20 anni nell'allora Gazzetta di Rimini, "sostituita" dal 1993 dall'attuale Corriere Romagna dove lavora come redattore sportivo. Collaboratore per la zona di Rimini del Corriere dello Sport-Stadio, il baseball è stata una componente fondamentale nella sua vita: dapprima tifoso sugli spalti dello Stadio dei Pirati poi giocatore nel mitico Parco Marecchia e poi nel Rimini 86, società che ha fondato assieme a un gruppo di irriducibili amici. Quindi giornalista del batti e corri sulla propria testata e alcune saltuarie collaborazioni con riviste specializzate oltre che radiocronista delle partite dei Pirati assieme all'amico e collega Andrea Perari. Negli ultimi anni è iniziata anche la carriera dirigenziale, con la presidenza (dal 2014) dei Falcons Torre Pedrera. La passione è stata tramandata al figlio Riccardo che gioca lanciatore e prima base negli stessi Falcons.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.