E' mancato Pietro Galletti, vicepresidente della Fortitudo Bologna

Era Responsabile Marketing e Comunicazione, promotore del progetto di restyling del Gianni Falchi, con incarico di responsabilità in Ascom-Confcommercio Bologna in materia di associazionismo sportivo

Nella serata del 28 gennaio abbiamo appreso dell’improvvisa e prematura scomparsa di Pietro Galletti, stimato professionista, uomo esemplare nella condotta e nei valori, primo dei quali la famiglia, ma anche uomo di sport, con una passione per il baseball, nata in tempi recenti e sfociata in quasi un decennio di generoso impegno a favore della Fortitudo baseball, della quale è stato vice Presidente e responsabile del Marketing e della Comunicazione, promotore del progetto di restyling del Gianni Falchi, ricoprendo altresì un incarico di responsabilità in Ascom – Confcommercio Bologna in materia di associazionismo sportivo.
Di seguito la dichiarazione di Stefano Michelini, Presidente della Fortitudo B.C. 1953:
“Sono, siamo costernati ed affranti per la perdita, così inattesa e repentina, di un amico carissimo ed un prezioso collaboratore.
Pietro Galletti aveva portato in Fortitudo una ventata di ottimismo e di modernità. Sempre nuove idee, nuove iniziative, per aumentare la presenza e la diffusione del marchio Fortitudo Baseball e del nostro sport a cui si era avvicinato, come molti di noi, così un po’ per caso, ma poi ne era rimasto irreversibilmente stregato; lui che era stato da sempre un uomo di calcio, centrocampista di ottimo livello del calcio semiprofessionistico. 
E poi il grande sogno che stava coltivando e portando avanti passo dopo passo: il nuovo stadio Gianni Falchi, un progetto ambizioso e di grande respiro al quale stava dedicando amore e professionalità.
Ci mancherai, Pietro, ci mancherai tremendamente, ma il tuo posto nella piccola grande storia della F Blu nessuno potrà mai portarlo via.
Tutti noi ci stringiamo fortissimamente a Roberta e Carlotta, partecipando e condividendo il loro immenso dolore.”.

Commenta per primo

Lascia un commento