Sorpresa: la Repubblica Ceca asfalta la Spagna

Prova di forza dei cechi (11-0 il risultato finale) contro una squadra iberica stanca e distratta. Si riaprono i giochi all'Italian Baseball Week

Al "Cerreti" di Firenze eccellente esordio della Repubblica Ceca che all'Italian Baseball Week rompe i pronostici contro una Spagna che sabato scorso a Tirrenia aveva battuto in surplace l'Italia per poi pareggiare 4-4 nella partita di domenica.
Il manager Paco Figueroa schiera contro gli slavi la stessa formazione che appena un'ora prima del playball aveva ben figurato contro gli azzurri, cambiando solo la batteria: stavolta è Javier Flores a ricevere il lanci del partente Ricardo Hernández. Ed è proprio il pitcher del Rimini -reduce dall'ottima prova del giorno prima contro l'Italia (tre innings lanciati a Tirrenia)- a deludere, colpito duro sin dal primo inning da due doppi di Hajma e Sladek, terzo e quarto del line-up ceco, poi di nuovo al secondo innining (due singoli che non portano punti). Ma è alla terza ripresa che Hernández perde definitivamente il controllo della situazione: dopo due strike out, ecco i doppi di Hajma e Vojak, i singoli di Malik e Cech, due lanci pazzi e Sladek colpito a una mano (sostituito poi in prima base da Junek). Siamo ormai sul 4-0 ma il problema per la Spagna è che nel frattempo il pitcher slavo Chroust concede loro solo una valida al quarto inning (singolo del designato Jesús Golindano) prima di scendere dal monte con un ruolino eccellente: 1 H, 4 K, 0 BB (sarà lui il lanciatore vincente della partita).
Il calvario spagnolo continua perché né il rilievo Eric Izquierdo (IP 1.2, 2 H, 2 K, 2 BB, 1 WP, 1 colpito, con la difesa che non lo aiuta: banale errore di presa dell'utility Yancarlo Franco, oggi schierato in terza base), né il lanciatore del Castenaso José Cruz (IP 2.1, 3 H, 3 K, 1 BB) riescono a frenare l'attacco slavo. Così alla fine del quinto inning è già fissato quello che sarà il punteggio finale: 11-0 per la Repubblica Ceca, con ben tredici valide slave contro solo due degli spagnoli. Alla fine lunga riunione in campo delle Furie Rosse, con Paco Figueroa e il mitico coach Félix Cano a cercare di capire cosa sia successo.
Con questo risultato si riaprono i giochi nell'Italian Baseball Week. Dopo la sconfitta della Spagna l'Italia può ora aspirare a vincere il torneo, nell'attesa di capire se la vittoria dei cechi sugli iberici è stata solo un fuoco di paglia o un'avvisaglia di ciò che può accadere all'Europeo fra pochi giorni.

Luigi Giuliani
Informazioni su Luigi Giuliani 102 Articoli
Un vita spezzata in tre: venticinque anni a Roma (lanciatore e ricevitore in serie C), venticinque anni in Spagna (con il Sant Andreu, il Barcelona e il Sabadell, squadra di cui è stato anche tecnico, e come docente di Letteratura Comparata presso le università Autónoma de Barcelona e Extremadura), per approdare poi in terra umbra (come professore associato di Letteratura Spagnola presso l'Università di Perugia). Due grandi passioni: il baseball e la letteratura (se avesse scelto il calcio e l'odontoiatria adesso sarebbe ricco, ma è molto meglio così...).

Commenta per primo

Lascia un commento