Milanesi travolgenti, fermate sia Fiorentina che Roma

I Lampi rimangono in corsa per le semifinali grazie a una sorprendente vittoria contro la compagine toscana, mentre la Roma cambia nuovamente pelle e viene sconfitta nettamente dai Thunder's Five. Si torna in campo il 2 giugno

Al "Valmarana" di Sasso Marconi, a festeggiare sono solo le milanesi con due vittorie che fanno bene al morale (e anche alla classifica) nel campionato di baseball per ciechi targato AIBXC. I Lampi hanno battuto la Fiorentina 10-1, grazie a un'ottima prova della prima linea difensiva: Vasquez interbase (4 su 5 con 2 pbc) e Dieng terza base (4 su 5 con 2 pbc) riescono a concedere un solo punto all'attacco più forte del campionato. Difficile stabilire nettamente se si sia trattato solo di un calo di performance del line-up gigliato oppure di una prestazione davvero maiuscola dei difensori milanesi. Forse la verità, come capita spesso, sta nel mezzo. La squadra di Danilo Musarella, già ampliamente qualificata, ha provato anche qualche nuovo innesto e questo ha provocato un po' di difficoltà in più in fase difensiva. Difficoltà che diventa palese nel secondo inning quando i Lampi riescono a segnare 5 punti, il massimo di quelli concessi per un turno di gioco. Il match si chiude al quinto per "manifesta" ed è curioso il fatto di notare un certo stupore in entrambe le squadre che sembrano non capire fino in fondo, ognuna dal proprio punto di vista, le ragioni di un andamento così inaspettato dello scontro. Per la Fiorentina non cambia nulla ma bisogna ritrovare subito motivazioni e concentrazione, perchè da qui in poi saranno tutti scontri da "dentro o fuori". Senz'altro più felici i milanesi che con questa vittoria si tengono in gioco nella corsa ai quarti di finale anche se la strada è ancora in salita: bisogna battere i Blue Fire Brescia a stretto giro, che vuol dire già giovedì prossimo 2 giugno, sul loro campo con inizio alle ore 10 in punto.
Nel secondo incontro della giornata, l'altra squadra di Milano, i Thunder's Five, privi di capitan Cusati, riescono ad avere ragione della Roma All Blinds per manifesta alla quinta ripresa (13-5 il risultato finale). La squadra capitanata da Alfonso Somma (4 su 5 con 1 pbc) sembra essere preda della sindrome di Dr. Jekyll e Mr. Hyde, una partita giocata alla grandissima e la successiva con i capitolini che si perdono nel nulla, un attacco spuntato e una difesa incapace di far diga contro le battute degli avversari. Molto più convincente la prestazione in attacco dei milanesi (su tutti Mormino 6 su 6 con 2 punti battuti a casa e Dragotto 5 su 7 con 4 punti battuti), che con questa vittoria compiono un ulteriore passo di avvicinamento alle semifinali, forse non quello decisivo, visto che i Thunder's Five devono recuperare ancora ben due partite contro i Tigers Cagliari.
Abbiamo già detto dell'anticipo del 2 giugno sul campo del CUS Brescia tra Lampi Milano e Blue Fire, ma la giornata sul diamante situato in via Branze 43, offrirà a seguire altri due incontri importantissimi, e per questo, molto interessanti. Il secondo match vedrà contrapposti i Bologna White Sox contro i Thunder's Five in uno scontro ormai "classico" per la storia del batti e corri con pallina sonante. I felsinei hanno più urgenza di vincere dei milanesi, ma si sa, quando in campo si affrontano due grandi squadre, nessuno fa calcoli e si gioca sempre per far un punto in più degli avversari. Il terzo e ultimo incontro della giornata metterà di fronte i Blue Fire Brescia e i Patrini di Malnate, in una sfida incrociata Patrini-Lampi-Brescia che potrebbe essere già decisivo per il testa a testa Lampi-Patrini nella corsa alle semifinali.

Claudio Levantini
Informazioni su Claudio Levantini 26 Articoli
Classe 1967, uno dei primi giocatori dei "Thunder's Five", squadra storica di Milano e del movimento AIBxC, con cui vince uno scudetto. Da questa positiva esperienza nasce uno spin-off, la i "Lampi Milano", che lo coinvolgono fin dalla loro nascita. Con la maglia numero 20, e nonostante (a sua detta) le "scarse doti atletiche", vince altri due scudetti. La sua avventura nel "batti e corri con pallina sonante" continua con la speranza di riuscire anche a entusiasmare i lettori di Baseball.it

Commenta per primo

Lascia un commento