Il Nettuno BC si presenta: "azionariato popolare" in vista

L'idea proposta dal nuovo DG Marco Cestarelli. Scerrato carica i suoi: "Questi giovani non hanno paura perché hanno Nettuno nel cuore. Il sindaco Chiavetta auspica: "Superare le divisioni per un futuro migliore"

Si è presentato ufficialmente ieri il Nettuno Bc presso la sala consiliare del Comune di Nettuno. Una giornata in cui si sono toccati tantissimi temi. Presenti l'intera società, completamente nuova, fatta eccezione per il presidente Tonino Maiozzi, e il sindaco Alessio Chiavetta a fare gli onori di casa. Il primo ad intervenire è il sindaco che non nasconde i problemi avuti durante l'inverno e che hanno portato due squadre in Ibl: "Stiamo attraversando un momento particolare e ci ritroviamo in questa situazione. L'obiettivo adesso è di ripartire per costruire il futuro. Si dovranno superare le divisioni per il bene della città e del baseball. Qui abbiamo una risorsa che nessun altro ha in Italia m e sono i bambini. Dobbiamo ripartire dal settore giovanile per costruire un futuro diverso rispetto alla situazione degli ultimi anni fatti si di successi, ma anche di molte difficoltà. Difficoltà che andranno superate e non credo che questo passo sia lontano anche perché. Il destino del baseball è solo nelle nostre mani e Nettuno è l'unica speranza per il baseball italiano di crescere".
Una delle più grandi novità per quest'anno potrebbe essere quella dell'azionariato popolare, come Greenbay Packers nel football americano e il Barcellona nel calcio. Ad annunciare questa possibilità è stato il direttore generale Marco Cestarelli: "Lo stadio è di tutti ed a disposizione di tutti. Sono qui da direttore generale, ma non mi sento un padrone, mi sento un custode. Il mondo è cambiato e per questo pensiamo di promuovere entro la fine della stagione questa iniziativa dell'azionariato popolare perché la squadra è di tutti".
Cestarelli prosegue e lancia una frecciatina alla federazione: "Siamo una società totalmente nuova. Non giocheremo più contro gli arbitri e in questo senso abbiamo inaugurato una figura totalmente nuova quella di Responsabile all'accoglienza degli arbitri che sarà affidata a Arduino Scirman. Non ci saranno più scene indecorose in campo. Ci sarà rispetto per tutti, ma pretendiamo lo stesso rispetto. Quel rispetto che fino ad oggi ci è mancato anche da parte della Fibs. Lo pretendiamo per la nostra storia".
Anche secondo Maiozzi, come detto in precedenza dal Sindaco, questo sarà un anno zero: "Siamo pronti a ripartire con tutte persone che vogliono bene al baseball per creare un futuro migliore per il baseball. Vogliamo ripartire dalla base, dal settore giovanile".
Per quanto riguarda le sponsorizzazioni ci sono contatti avanzati con due società. La più accreditata è Caffè Palombini, una società che non sta vivendo un momento particolarmente roseo, ma che sta comunque pensando di sostenere il Nettuno bc. A spiegare questa trattativa è il dirigenti Piero Fortini: "E' cambiato il modo si fare le sponsorizzazioni. Ormai non c'è nessuno che viene e ti mette i soldi sul tavolo. Bisogna trovare altre soluzioni. Palombini è una società che lotta per la sopravvivenza, ma che vuole appoggiarci ugualmente (magari con una partnership ndr) e poi si deve puntare molto sul merchandising".
Un inverno lungo è difficile, non solo dal punto di vista economico societario, ma anche tecnico. A raccontare la costruzione della squadra sono stati il manager Claudio Scerrato, emozionato e commosso, e il ds Alfonso Gualtieri.
"Quando mi hanno detto che sarei stato il manager il mio cuore si è riempito di gioia. Abbiamo dato tutti noi stessi per dare un senso a questa squadra. Questi ragazzi si stanno mettendo in gioco non per soldi, ma solo per la voglia di giocare per questa città. Questo gruppo è come una famiglia e sono sicuri che gli stranieri daranno un grosso contributo anche sotto il lato umano alla squadra".
"Quando abbiamo iniziato – commenta il ds Alfonso Gualtieri – nessuno avrebbe scommesso su questa squadra, mentre io ci ho sempre creduto. Siamo partiti da sottozero e ora vediamo la luce". Suo e di Scerrato il merito delle trattative che hanno portato al Nettuno Bc Rodney Rodriguez, José Miguel Lorenzo e Luis Nunez, interbase che lo scorso hanno ha giocato in triplo A con Trenton, squadra della franchigia Yankees. "Li abbiamo voluti fortemente – spiegano – li abbiamo visionati personalmente e le loro qualità sono indiscusse".
Per quanto riguarda il playball di domani sera contro il Rimini Claudio Scerrato deve ancora sciogliere il dubbio su chi lancerà gara1: "Lorenzo e Rodriguez hanno caratteristiche molto simili. Entrambi possono fare il partente e il rilievo. Sceglierò solo domani sera anche perché vogliamo essere una sorpresa e non voglio dare vantaggi al Rimini". Molto più chiare le idee per gara2: "Il partente sarà Yuri Morellini, è quello con più esperienza al momento visto che Pezzullo non è ancora al 100{7cbf552de5686f4a98f376c5a7240688ee759ea672eaa6d56104480c53df5bb1}".
Pezzullo che spiega pubblicamente il sentimento verso la città che lo ha spinto a tornare: "Avevo deciso di smettere, ma poi è arrivata la chiamata del Nettuno Bc ed ho detto: "qui vengo anche gratis" con questa maglia ho costruito gran parte della mia carriera, qui mi sono sposato e qui sono nati i miei figli".
"Tutti vorrebbero avere una Ferrari – conclude Scerrato – ma a me piacciono le sfide e questa squadra potrebbe diventare una Ferrari. Mi sarebbe piaciuto solo avere prima la squadra al completo, ma questo è un gruppo fatto da molti giovani che si faranno rispettare perché come me hanno Nettuno nel cuore e per questo non hanno paura".
Gli fa eco il capitano Danilo Scorziello: "Metteremo in campo sempre il massimo impegno. Chi giocherà contro di noi dovrà dare l'anima per vincere"

Informazioni su Davide Bartolotta 213 Articoli
Nato ad Anzio (Roma) il 9 aprile 1988, ha sempre vissuto nella vicina Nettuno. A 6 anni ha cominciato a giocare a calcio, ma essendo della “città del baseball” non poteva che appassionarsi a questo sport. E' iscritto all'ordine dei giornalisti nell'albo dei pubblicisti. Da spettatore ha seguito il baseball fino al giugno del 2008, quando ha iniziato una collaborazione con “Il Granchio”, settimanale d’informazione di Anzio e Nettuno, di cui è diventato dal 2010 redattore e redattore web, che gli ha permesso di vivere questo sport da un altro punto di vista. Nel primo anno di attività giornalistica ha avuto modo di seguire diversi eventi internazionali tra cui le Final Four dell’European Cup a Barcellona (settembre), oltre che a coprire regolarmente la serie A2 ed in particolare le gare del Nettuno2. La sua più grande aspirazione è quella di contribuire, anche se in una minima parte, a far crescere in Italia la considerazione per questo sport, e magari un giorno poterlo raccontare collaborando con testate nazionali. Laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università "La Sapienza" di Roma. Nelle stagioni 2011 e 2012 ha svolto il ruolo di addetto stampa per la Danesi Nettuno Bc. E' giornalista presso il gruppo editoriale DComunication dove ricopre il ruolo di redattore web per il quotidiano online di Anzio e Nettuno www.ilclandestinogiornale.it e cura la parte giornalistica dell'emittente televisiva regionale (Lazio) YoungTv dove cura una rubrica sportiva. Dall'agosto 2015 collabora con l'Agenzia di Stampa InfoPress realizzando servizi e contributi per Il Corriere dello Sport seguendo lo sport locale e le squadre in trasferta all'Olimpico di Roma per le partite del campionato di serie A di calcio. Gli piace la musica rock e adora guardare film... è arrivato ad un picco massimo di cinque in una giornata.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.