San Marino, quattro match-point

La T&A viola anche lo Stadio dei Pirati in garatre (risultato finale 3-7) ed ora è a un passo dal bis-tricolore. Da Silva (complete game) e Duran (homer da 3 punti) sugli scudi. Rimini non regge dopo un bell'inizio

Tre quarti di scudetto restano cuciti sulle casacche della T&A. San Marino passa anche in gara3 allo Stadio dei Pirati (3-7) e adesso solo un miracolo sportivo potrebbe cambiare le sorti di una serie ormai segnata e forse non solo dalla partita di ieri sera. Gara3 però poteva far tornare in corsa Rimini e Rimini ci ha provato pur trovandosi di fronte il solito grande Tiago Da Silva. Ennesima complete-game per l'italo-brasiliano che ormai potrebbe lanciare anche due partite per volta. La squadra di Catanoso era partita forte, aggressiva, giocando a baseball. Bunt valido di Santora a forzare l'errore di Mazzuca, sacrificio di Maza, singolo di Persichina e dopo l'out in diamante di Chiarini, altra valida (un texas) di De Biase. Due a zero al 1°, pubblico (numeroso) riminese carico e speranze che la serie possa allungarsi.

Ma la T&A non è squadra che possa abbattersi sotto di due punti con 8 attacchi ancora da completare. Non si è abbattuta in gara1 quando il burrone era lì a due passi (e in quel momento forse si è veramente deciso lo scudetto), figuriamoci in una situazione del genere. Corradini stringe i denti facendo leva sulla sua esperienza, prende un punto al 4° ma è al 5° che arriva il ribaltone. Le mazze sammarinesi trasformano in valida qualunque cosa, ci si mettono anche gli arbitri con qualche chiamata strana (espulso Catanoso sul salvo chiamato in seconda ad Avagnina perché Santora non ha il piede sulla base ma sorvolando su una dubbia interferenza dell'esterno piemontese) e il gioco è fatto.

Sul 2-4 con un Da Silva così il traguardo è vicino, a rimettere un po' di pepe sulla partita ci pensano il buon rilievo di Pezzullo e Spinelli che al 7° spara il doppio che riporta i Pirati a soffiare sul collo alla T&A. Una speranza che dura poco, vanificata dall'immancabile  fuoricampo (il terzo in tre partite) e ancora con un protagonista diverso. A spaccare la partita è Duran (al quale lo stadio di via Monaco porta bene) con il fuoricampo da tre che manda in orbita San Marino (3-7).

Anche stavolta Rimini recrimina perché l'inning parte con un doppio di Imperiali forse graziato sul lancio precedente da Filippi. Ma a ben guardare sono 14 le valide sammarinesi contro le 6 riminesi. E' la storia della finale, Rimini costretta sempre a inseguire ma ormai il distacco è quasi incolmabile.

Informazioni su Cristiano Cerbara 457 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.