Liddi da sogno, primo grande slam in MLB

Al quinto inning del match casalingo contro i Texas Rangers, il sanremese con un out e tre uomini base ha scaraventato la pallina oltre l'esterno sinistro guidando Seattle verso la vittoria (5-3). Un doppio al primo inning, Safeco Field in festa

E venne anche il giorno del primo "grande slam". Alex Liddi manda in visibilio il Safeco Field e fa impazzire i commentatori della FOX nella sfida che opponeva gli umili, ma decisi, Mariners ai primi della classe, i Rangers, leader della West Division della AL. Per coloro negli USA che si fossero sintonizzati solo adesso, c'è un "certo" Alex Liddi che ieri sera è stato capace di trascinare Seattle ad una valorosa vittoria interna per 5-3 su Texas.
Al quinto inning, il sanremese (schierato in difesa come esterno sinistro) ha incontrato il primo lancio del partente dei Rangers, Scott Feldman, un sinker da 93 miglia, scaraventando la pallina ben oltre il limite, fuori dalla portata dell'esterno sinistro. In quel momento, sull'1-0 per Seattle e con un out, c'erano tre uomini in base, Michael Saunders, Mike Carp e Dustin Ackley. E Liddi non ha esitato un attimo, ha anticipato il lancio, esplodendo fragorosamente e con tutta la potenza che aveva in corpo. Uno swing perfetto per quello che verrà ricordato come il primo grande slam della sua carriera in Major League. 23 maggio 2012. E terzo fuoricampo della stagione.
Una mazzata per Feldman (alla seconda sconfitta) che verrà sostituito da Robbie Ross. Ron Washington è ammutolito, non fa una sola smorfia dietro i grandi occhiali da sole. Mentre Liddi chiude la sua serata di grazia a 2 su 3, quattro punti battuti a casa ed una base. In precedenza, al primo inning sul quarto lancio, un altro sinker da 91 miglia, aveva infatti piazzato un doppio verso l'esterno destro, mentre al settimo ha preso quattro ball da Koju Uehara. Solo al terzo non è riuscito ad andare oltre un fly su Nelson Cruz. Poco importa, c'è un grande slam segnato sullo scorer. Prendi una bottiglia, Alex, abbiamo qualcosa da brindare stasera.

Informazioni su Filippo Fantasia 673 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio (Roma) è giornalista pubblicista dal 1987. Grande appassionato di sport USA, e in particolare di baseball e basket, svolge a tempo pieno attività professionale a Milano come Responsabile Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali presso importanti corporate. Nel corso degli anni, ha collaborato con diverse testate nazionali e locali tra cui Il Giornale, La Stampa, Il Resto del Carlino, Tuttosport, Guerin Sportivo, Il Tirreno, Corriere di Rimini, e con testate specializzate come Play-off, Newsport, Sport Usa, Baseball International e Tuttobaseball. In ambito radio-tv ha lavorato per molti anni come commentatore realizzando anche servizi giornalistici per diversi network ed emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Dimensione Suono Network, RDS Roma, Italia Radio e Radio Luna. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali legati ad importanti avvenimenti sul territorio per alcune televisioni locali. Nel 1998 ha ideato e realizzato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto tricolore della squadra tirrenica di cui è stato per oltre un decennio anche capo ufficio stampa. Significative sono state anche le esperienze professionali negli USA, grazie agli ottimi rapporti instaurati con gli uffici di Media Relations di diversi club (in particolare dei Boston Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati alla comunicazione sui media del baseball professionistico americano. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it nel 1998, anno di nascita della testata giornalistica online, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito ad assumere il ruolo di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano durante le finali nazionali del massimo campionato. Nell'estate del 1998 ha fatto parte del team dell'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.