Bindi: "Ottimo Tiago". Bagialemani: "Hanno vinto i migliori"

Animi diversi nel dopo gara al "Borghese". Il lanciatore vincente della T&A: "Peccato per quel lancio sbagliato". Ambrosino: "Abbiamo commesso degli errori ma resta la gran partita fatta da loro"

Già, se lanciasse sempre Da Silva… A San Marino, quando è sceso, la partita sembrava chiusa. E' per questo che in gara tre è rimasto fino in fondo? "Lanciasse sempre, mica è braccio di ferro" – dice Doriano Bindi che ha al suo fianco proprio il lanciatore vincente. Animi ovviamente opposti al "Borghese". Bindi spiega la scelta di non togliere il suo pitcher: "Venerdì aveva fatto 82 lanci, oggi stava bene e girava tutto per il meglio". Lo stesso Da Silva confessa: "Ho lanciato più palle veloci, ho visto che facevano molti fly e quindi…". L'unico errore su quel fuoricampo ed è ancora Bindi a sdrammatizzare con una battuta: "Mah, lui quando sbaglia è sempre così, fuoricampo o niente".

Amareggiato Ruggero Bagialemani che ringrazia il pubblico ma ricorda come "non va in campo, lì giochiamo noi e dobbiamo fare i complimenti a San Marino che ha vinto con merito". L'amarezza è per quella volata di sacrificio costata il secondo punto: "Duran era eliminato al piatto, ha girato, non si può continuare a sbagliare in questo modo, Fabrin lo fa dall'inizio dell'anno, questo non toglie merito ai nostri avversari ma essere 2 a 0 anziché 1 a 0 è diverso".

Paolino Ambrosino taglia corto: "Non potevamo certo credere di vincere quattro partite con San Marino come se nulla fosse, nessuno si era illuso. Ora abbiamo bisogno di più concretezza e intelligenza, abbiamo commesso degli errori ma resta la gran partita fatta da loro".  

  

Commenta per primo

Lascia un commento