Loardi&Castagnini portano Skyline alle "Final Eight"

Decisivi sul mound, devastanti in attacco nelle due vittorie su Lewis-Palmer e Wheat Ridge. Il lanciatore di Codogno sfiora la no-hit in gara-2 (con 12 k), salvezza per il veronese in gara-1 (3 su 3 con 2 doppi)

Diamante impraticabile per tutta la giornata di sabato a Wheat Ridge e "double-header" rimandato a lunedì. Poco male, avranno pensato Niccolò Loardi e Federico Castagnini, avremmo altre 48 ore di tempo per prepararci adeguatamente all'impresa. Detto, fatto. Lunedì sera il lanciatore e l'utility stavano festeggiando con coach Mike Hoog e gli altri Falcons per aver conquistato l'accesso delle "Final Eight" del campionato delle High-School 4A del Colorado.
Una doppia, meritata vittoria per la Skyline di Longmont, un duplice trionfo su Lewis-Palmer (3-1) e Wheat Ridge (5-1) che porta la firma dalla premiata ditta Loardi-Castagnini. Erano match ad eliminazione diretta. Ovvero, chi perde va subito a casa. Chi vince è nel gruppo delle otto contendenti per il titolo di high-school campione del Colorado.
Castagnini e Loardi, senza rischio di essere smentiti, sono stati semplicemente straordinari. Sono stati loro a trascinare letteralmente i Falcons, passando il turno, verso le finali di Stato. Brillando sul mound, facendo numeri nel box, lottando in difesa. Sul terreno dell'Everitt Middle School, lasciatecelo dire, il baseball italiano ha vissuto un bel momento di gloria. E questi nostri ragazzi stanno tenendo alto l'onore di quel movimento che li ha cresciuti e che ora fa il tifo per loro da oltre 6.000 miglia di distanza.
Nel match iniziale contro la Lewis-Palmer di Monument, Niccolò Loardi sprona i suoi – sotto di un punto al terzo inning – con un gran triplo che ribalta la situazione (2-1). Nel box è esplosivo: chiude a tre su tre, singolo più doppio e triplo, ed un punto segnato. Castagnini è meno incisivo nel box, 1 su 3, ma si difende bene in difesa (gran presa stampata sulla recinzione lungo il foul di terza) e soprattutto brilla sul mound. Già, perché Hoog, gli affida il difficile ruolo di "saver" nell'ultima decisiva ripresa. E Castagnini non lo delude. Finisce 3-1 per i Falcons.
Subito dopo, contro Wheat Ridge dell'omonima località, arriva il capolavoro – stavolta sul monte – di Loardi. Praticamente intoccabile per quasi tutta la partita. Prima del settimo inning andava per la "no-hitter", poi una valida a sinistra, solo una, con un out, gli ha parzialmente rovinato la festa. Ma è stato comunque eccezionale il lanciatore di Codogno. Dodici strike-out (5 di fila contro i primi 5 battitori), una veloce sulle 81 miglia orarie e soprattutto un gran controllo. Per non parlare poi della prestazione nel box: altre 2 valide su 4 turni (chiude il doppio confronto con 5 su 7) e altri 2 punti battuti a casa. Martellava ancora più pesante Federico Castagnini, 3 su 3 (d cui 2 doppi al primo e terzo inning) e tre punti segnati sui 5 totali dei Falcons. Così la Skyline può andare orgogliosamente avanti. Grazie a Loardi e Castagnini.

Filippo Fantasia
Informazioni su Filippo Fantasia 645 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento