Addio Rimini, Cabalisti passa al Godo

A 48 anni, il lanciatore vicentino lascia i Pirati dopo 20 campionati, 5 scudetti ed una Coppa Campioni – Mignola, team manager: "Ci mancava un uomo d'esperienza come lui sul mound"

Nell'84 l'esordio in Serie Nazionale con la Julialpina Trieste, nell'87 il passaggio al Verona, l'anno successivo al San Marino. E' datato 1989 l'accordo che lega Roberto Cabalisti con la Ronson Lenoir Rimini, squadra con cui giocherà ininterrottamente per un ventennio. Fino al 26 luglio dell'anno scorso, quando al Falchi di Bologna il longevo lanciatore vicentino (è nato nel febbraio del 1961) disputa la sua ultima partita con la casacca dei Pirati. E taglia lo straordinario traguardo delle 500 partite sul mound nel massimo campionato.
Giovedì scorso, nel corso della conferenza stampa di presentazione di Mazzotti quale nuovo manager della Telemarket, Zangheri, numero uno di via Monaco, lo aveva pubblicamente ringraziato dicendo, però, non rientrava più nei piani tecnici della società, almeno come giocatore.
Detto addio al Rimini, Cabalisti non ha esitato un attimo quando, poche ore dopo, è stato avviato il primo contatto con il Godo. Troppo forte il richiamo del diamante ed è bastato davvero poco per ricominciare subito: una visita al campo "Casadio" di via Rivalona, qualche lancio nel bullpen e l'accordo con la società ravennate si è concretizzato.
A 48 anni Cabalisti, leggenda vivente del baseball italiano, vestirà quindi la maglia del Godo, dopo una carriera al vertice con il Rimini, di cui è stato capitano e bandiera e con cui ha vinto tutto quello che poteva vincere. Il palmares dell'iron-ma di Vicenza è invidiabile: 5 scudetti, una Coppa Campioni, 48 presenze in Nazionale, due Olimpiadi (Atlanta 1996 e Sidney 2000)
"Credo che Roberto troverà a Godo mille motivazioni – ha detto il Team Manager, Gigi Mignola a Baseball.it – Questo gruppo sta lavorando molto, si sta saldando e l'arrivo di un giocatore come lui può solo che fare bene. D'altronde il nostro obiettivo è proprio questo: creare i presupposti per lanciare giovani talenti al fianco di uomini d'esperienza che possano essere di supporto anche la manager. E con Cabalisti abbiamo completato l'opera. Avevamo già Escalona in diamante, De Franceschi agli esterni, ci mancava un giocatore con la sua competenza sul mound".

Informazioni su Filippo Fantasia 668 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio (Roma) è giornalista pubblicista dal 1987. Grande appassionato di sport USA, e in particolare di baseball e basket, svolge a tempo pieno attività professionale a Milano come Responsabile Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali presso importanti corporate. Nel corso degli anni, ha collaborato con diverse testate nazionali e locali tra cui Il Giornale, La Stampa, Il Resto del Carlino, Tuttosport, Guerin Sportivo, Il Tirreno, Corriere di Rimini, e con testate specializzate come Play-off, Newsport, Sport Usa, Baseball International e Tuttobaseball. In ambito radio-tv ha lavorato per molti anni come commentatore realizzando anche servizi giornalistici per diversi network ed emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Dimensione Suono Network, RDS Roma, Italia Radio e Radio Luna. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali legati ad importanti avvenimenti sul territorio per alcune televisioni locali. Nel 1998 ha ideato e realizzato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto tricolore della squadra tirrenica di cui è stato per oltre un decennio anche capo ufficio stampa. Significative sono state anche le esperienze professionali negli USA, grazie agli ottimi rapporti instaurati con gli uffici di Media Relations di diversi club (in particolare dei Boston Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati alla comunicazione sui media del baseball professionistico americano. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it nel 1998, anno di nascita della testata giornalistica online, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito ad assumere il ruolo di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano durante le finali nazionali del massimo campionato. Nell'estate del 1998 ha fatto parte del team dell'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.