Villa Clara travolgente, Santiago in affanno

I "naranjeros" di Martin Saura proseguono la marcia in vetta alla Liga Oriental, trascinati da Leonys Martin, esterno di 21 anni leader assoluto in battuta con un astronomico .429 di media

Due fatti importanti hanno caratterizzato i primi quindici giorni della 48esima Serie Nacional a Cuba, dove Villa Clara è l'unica squadra ancora imbattuta con 10 vittorie mentre Santiago de Cuba ha concluso il suo tour nella zona occidentale con un record di cinque vittorie e sei sconfitte.
Nessun campionato è uguale all'altro, dicono gli esperti, ma stando ai primi commenti della stampa sul torneo appena partito è comunque troppo presto per emettere giudizi: verso metà stagione si potrà fare un'analisi più precisa.
L'anno scorso Ciego de Avila disputò un brillante campionato. Anche quest'anno la squadra è partita molto bene, tuttavia le Tigri non sono state ancora in grado di dimostrare la loro vera forza. In ogni caso dovranno lavorare ancora molto se intendono competere con gli arancioni allenati quest'anno da Eduardo Martin Saura, chiamato al posto di Victor Mesa, carismatico giocatore che ha tenuto le redini di questa formazione per otto anni ed ha contribuito molto alla formazione di molti degli attuali giocatori.
In classifica Villa Clara ha un record di 10-0 con due incontri annullati causa pioggia, Ciego de Avila segue con 11 successi ed una sconfitta, Holguin è a 10-2: è questo il trio di testa della Liga Oriental. Se Villa Clara marcia convinta in cima alla classifica lo deve fondamentalmente al suo monte di lancio che viaggia a meno di due punti subiti a partita. Lo staff di "serpentineros" è uno dei fattori che ha maggiormente impressionato nelle ultime stagioni.
Spicca nel box arancione l'esterno centro Leonys Martín, giocatore di 21 anni che nella scorsa stagione è stato il secondo miglior battitore del campionato con una media di .393: ciò gli ha permesso di conquistarsi un posto nella preselezione nazionale in vista di Pechino 2008, ma è stato poi scartato dai tecnici ed il ragazzo è dovuto tornare a casa con la sua valigia ed un mondo di illusioni nella sua testa. Ora è il leader del torneo con un astronomico .429 e, forse, le tante illusioni accumulate si trasformeranno in realtà per il secondo World Baseball Classic.
Altre note significative riguardano la media d'attacco di Ciego de Avila (.323), migliore percentuale del torneo, e le 56 vittorie realizzate dalle squadre della Liga Oriental contro le avversarie della Occidental, che ne archiviate 34.
Questa settimana inizierà la fase di interlega: occhi puntati su Santiago de Cuba, formazione sempre in grande evidenza nella Liga Oriental grazie alla sua potente artiglieria, al suo buon reparto di lanciatori ed una ferrea difesa. Quello che accadrà, lo dirà il diamante di gioco.

Commenta per primo

Lascia un commento