Quel foul ball di Gino Lollio

Mai prendere appunti se non si è protetti da uno schermo, non fareste in tempo a reagire ad un foul ball

Una cosa mi ha sempre impressionato del centro di allenamento dei Mets a Port St. Lucie: il fatto che le decine di giocatori sotto contratto per "l´altra New York" si muovono costantemente correndo. Qualcuno sostiene lo facciano per impressionare col rumore degli ´spikes´ quando arrivano a contatto col selciato, ma io trovo davvero bella l´immagine di queste decine di ragazzi che si muovono a sciami nelle loro casacche nere, arancioni e blu.

L´amichevole con una selezione dei Mets è un classico delle primavere italiane in Florida.
Nel recente passato ho avuto modo di assistere a sfide con formazioni di ´rookie league´ o comunque partite giocate contro atleti che stavano svolgendo quello che le organizzazioni chiamano Extended Spring Training, ovvero atleti che non hanno trovato posto nelle squadre di ´Minor´ che disputano una stagione intera e che si giocheranno il posto in ´rookie´ o in Classe A ´short season´ con coloro che firmeranno un contratto dopo il ´draft´ di giugno.
Quelle sfide non mi erano mai sembrate soddisfacenti, perchè in linea di massima la nostra nazionale è formata da giocatori più esperti dei ragazzi al primo anno professionistico e quel tipo di confronto non lascia niente nè all´una nè all´altra parte.
Questa volta però i Mets si sono mossi diversamente e hanno preparato una selezione di tutto rispetto, formata da giocatori di Singolo A ´avanzato´ e Doppio A e un gruppo di lanciatori che ritroveremo facilmente nella rosa di Triplo A della stagione, come Muniz e Maldonado. Quest´ultimo illumina il radar a 94 miglia all´ora e contro di lui ovviamente tutti i battitori sono in ritardo. Gino Lollio spizza una palla dietro casa base, dove il cronista sta prendendo appunti. La distrazione data dal capo chino sul blocco note è sufficiente per ricevere una pallina sull´esterno del ginocchio sinistro.

"Non hai fatto neanche una piega" mi dice un azzurro.
In effetti, appena sono stato colpito mi sono alzato e diretto verso il fisioterapista della nazionale, che aveva già in mano la provvidenziale bomboletta di ghiaccio spray. Poi mi sono rimesso al mio posto, dove mi ha raggiunto l´arbitro per chiedere se andava tutto bene. Se devo essere sincero, ero un po´ confuso. Soprattutto pensavo a cosa sarebbe successo se quella palla mi fosse arrivata in faccia e anche a quanto poco tempo ci ha messo la pallina ad uscire dalla mazza di Lollio e arrivare al mio ginocchio.
Lollio sorride e dice "scusa", Elio Gambuti (c´è Elio Gambuti, non sono impazzito; è ospite dei Mets per lo Spring Training) si fa beffardo e dice "Non l´hai caricata bene". Arriva anche Rick Waits (che lavora per i Mets, non ho un´allucinazione) e mi chiede come mai mi sono fatto crescere il pizzetto, come se questa novità di look (novità per modo di dire, risale al 1999) potesse essere responsabile della pallinata.

I 2 test coi Mets comunque hanno presentato una nazionale italiana perfettamente a suo agio nella sfida con il livello Singolo A ´avanzato´ e Doppio A, meno contro i lanciatori di TriplO A. Direi tutto nella norma, anche perchè i nostri giocatori nella prima metà di marzo sono sicuramente meno pronti di atleti che iniziaeranno la loro stagione 15 giorni prima e che, soprattutto, hanno lottato fin qui per un posto in squadra.
I Mets vincono entrambe le partite, ma in Spring Training il risultato conta fino lì, visto che si gioca con 2 battitori designati per vedere più gente in battuta e al lancio numero 25 il pitcher sul monte esce, che abbia ottenuto 3 out o meno. Quest´ultima norma costa la vittoria all´Italia nel secondo test e, dal tono con cui un po´ tutti pronunciamo la frase "il risultato in questi casi non conta", si capisce che vincere non sarebbe dispiaciuto a nessuno.

Il viaggio di ritorno da Port St. Lucie ad Orlando (2 orette, che secondo i nativi significa che Port St. Lucie "è vicino" ad Orlando) è di fatto l´ultimo atto del mio Spring Training.
Mi massaggio il ginocchio sinistro, che si è gonfiato solo leggermente. Piuttosto, cerco di riempirmi gli occhi della Florida, delle sue pianure, delle sue strade dall´asfalto liscio come un tavolo da bigliardo. Un alligatore prende il sole pigro al bordo di un laghetto; lo indico ai miei compagni di viaggio, ma sono tutti troppo impegnati a cantare a squarciagola le canzoni anni ´80 che 101.5 di Tampa trasmette dalla radio della nostra auto giapponese a noleggio.

Fine ottava puntata
CONTINUA

Informazioni su Riccardo Schiroli 1196 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.