Italeri-T&A, la finale più inedita e più giusta

Bologna fa valere la sua maggiore solidità e un organico superiore, San Marino il suo entusiasmo e i suoi “vecchietti” terribili

Bologna-San Marino. Una finale decisamente inedita, che ha semplicemente confermato i valori della regular season e il fattore campo. Sicuramente il verdetto più giusto per le semifinali viste quest’anno. L’Italeri ha sfruttato tutte le armi a sua disposizione per fare la differenza contro la Telemarket: maggior solidità e compattezza di squadra, monte di lancio decisamente più attrezzato, line-up più concreto. Queste in sintesi le caratteristiche che hanno fatto la differenza. Bologna ha costruito la sua vittoria con il 2-0 nelle prime due sfide al Falchi, quando Matos e Cretis hanno tenuto a bada il line-up riminese, mai in grado di sfruttare le proprie, peraltro non poche, occasioni. A Rimini invece sono state tre bellissime e tiratissime partite, con i Pirati a giocarsi il tutto per tutto grazie alle fantastiche prove sul monte di Patrone e Trejo. In garatre è andata bene ai neroarancioni, in quaraquattro invece ci ha pensato un altrettanto fantastico Figueroa, capace di rifilare quindici strike-out e di non concedere punti al line-up romagnolo, incapace così di dare il minimo aiuto al suo pitcher e di riaprire la serie. Garacinque è stata il simbolo della semifinale: Bologna avanti facile, il cuore di Rimini a rimandare tutto agli extra-inning (sprecando l’ennesima chance di sorpasso) e colpo di coda definitivo dell’Italeri, con la rabbia riminese per l’assurda chiamata in prima di un De Angelis dimostratosi superficiale e incapace. Al 99,99999% la serie sarebbe finita ugualmente così, ma sia la Fortitudo che la Telemarket meritavano un epilogo regolare sul campo.
Ben altra sfida è stata quella tra San Marino e Nettuno, incerta e combattuta dall’inizio alla fine. La T&A ha vinto perché ha saputo sempre reagire nei momenti difficili, respingendo tutti gli assalti laziali. La Danesi ha perso perché per una volta non è stata in grado di sfruttare il fattore campo, perdendo due volte al Borghese come da tempo non le succedeva nei play-off. In garauno la falsa partenza di Sanchez Lopez si è rivelata decisiva, perché Montane ha giocato la sua miglior partita stagionale. In garadue invece il capolavoro lo ha firmato Costantini, un giovane su cui puntare ad occhi chiusi, mentre in garatre è stato Casseri a fare la differenza, nonostante il brivido finale procurato dal pessimo impatto di Nyari, salvato da Newman. Garaquattro è stata il canto del cigno di Nettuno, che ha sfruttato la serata difficile di Montane, psicologicamente in crisi per problemi familiari e distrutto già al primo inning. La sfida chiave infatti è stata garacinque, quando con tutta l’inerzia favorevole la squadra di Bagialemani si è scontrata con la prestazione monstre di Martignoni, una ‘three-hitter” che ha cambiato gli equilibri, riportandoli dalla parte sammarinese. La T&A infatti non si è fatta pregare e ha subito sfruttato il primo match-point casalingo con Maestri, Newman e Nyari a fare la parte dei giustizieri sul monte, con il colpo di grazia inflitto da Sheldon. Tirando le somme, San Marino ha vinto perché ha saputo trovare quattro pitcher solidi e dominanti, Montane, Casseri, Martignoni e Maestri, ma soprattutto perché ha vinto la sua doppia scommessa Newman-Sheldon. Due giocatori ormai ‘vecchi” ma sempre vincenti, capaci di dare quel salto di qualità decisivo ai titani: non è un caso che il mancino abbia firmato tutti i rilievi vincenti di la serie (garauno, garatre e garasei), e il terza base abbia battuto il fuoricampo della vittoria che è valsa la finale.
Riuscirà la T&A a continuare l’opera contro l’Italeri? Farà valere fattore campo ed esperienza la Fortitudo? Beh, ragazzi, calma, questa è davvero un’altra storia, magari ne riparleremo tra qualche giorno…

Informazioni su Andrea Perari 153 Articoli
Andrea Perari, 37 anni, è nato a Perugia ma vive a Rimini dal 1977. Sposato con Nicoletta e papà di Filippo, lavora come redattore sportivo al "Corriere di Rimini", dove cura in prima persona baseball e basket.Collabora anche con "Superbasket", come corrispondente riminese per partite e interviste.La sua "carriera" nasce però dal batti e corri. Nel 1986, infatti, fresco di maturità scientifica, si occupa della pagina settimanale de "Il Fo" sull'allora Trevi Rimini.Nello stesso anno comincia l'avventura radiofonica, la sua vera passione, con trasmissioni settimanali sul baseball e soprattutto con le radiocronache delle partite interne ed esterne.Nel 1987 sbarca in Romagna la "Gazzetta di Rimini" e da collaboratore esterno per il baseball, Andrea finisce per essere assunto nel 1990 e diventare giornalista professionista nel maggio del 1992.Da allora ha sempre seguito in prima persona il baseball romagnolo per la Gazzetta (fino al fallimento del '93) e per il "Corriere di Rimini" dal 1993 ad oggi.Ha collaborato con "Tutto Baseball", "Baseball International", "Baseball & Softball", "Radio San Marino", "Radio Rimini" e nel 1999 con "Radio Icaro", riportando dopo tanti anni, con l'inseparabile collega e amico Carlo Ravegnani, le dirette radio dei Pirati in occasione della finali scudetto giocate a Nettuno dalla Semenzato.Cura insieme all'infaticabile Marcello Massari la pagina Web del Baseball Rimini, che sbarcata su Internet dall'aprile del 2000.Super (a dir poco) appassionato di baseball americano, ama trascorrere le vacanze negli States o in Canada e ha già all'attivo una quindicina di partite viste dal vivo a Toronto, Montreal, New York, Boston, Anaheim, San Diego, San Francisco e Oakland.Partecipa da sette anni al Fantasy Baseball della Cdm, ora via Internet, con ottimi risultati e...dollari guadagnati, e i suoi sogni nel cassetto sono quelli di seguire la Semenzato con la radiocronaca di tutte le gare di campionato, e soprattutto di commentare su tv locali o nazionali le partite delle Major League.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.