Il Neptunus Rotterdam ancora in finale

I Pioniers in vantaggio 2-1 nell'altra semifinale dopo una clamorosa rimonta

Il Neptunus Rotterdam è riuscito ancora una volta ad arrivare a disputare le Holland Series, le finali del campionato Olandese. La serie di semifinale si è chiusa con un sonoro 3-0 sullo Sparta Feyenord che però ha venduto cara la pelle nell'ultima gara portata agli extrainning e risolta da un fuoricampo di Harvey Monte al 12-simo inning. Per il Neptunus si tratta della ottava partecipazione consecutiva alle finali e della 15-sima in totale. Ricordiamo che il Neptunus Rotterdam è campione in carica da 6 anni senza interruzioni.
L'altra semifinale è ancora in corso e vede i Konica Minolta Pioniers in testa 2-1 sul Mr. Cocker HCAW, finalista di Coppa Campioni a sorpresa quest'anno. I Pioniers si sono portati in vantaggio nella serie dopo aver iniziato il nono inning sotto per 3-0 ed avendo battuto solo 2 valide e commesso 5 errori fino a quel momento. Al nono inning il partente del HCAW ha messo in base il primo battitore avversario e dopo aver concesso un singolo è stato rilevato da Nick Stuifbergen. Il rilievo però concedeva una valida a De Flanegin che caricava le basi e poi una base a Lokhorst per il 3-2. L'CAW provvedeva ad un altro cambio sul monte con van Mil ma la musica non cambiava e de Graaf batteva un singolo per il decisivo sorpasso.

Informazioni su Pim Van Nes 277 Articoli
E' corrispondente dall'Olanda per Baseball.it e per Mister-Baseball.com. ma segue le vicende del baseball e softball italiano anche per i siti olandesi Honkbalsite.com e Softbalsite.com. In passato, Pim Van Nes ha collaborato con la testata "Tuttobaseball" e con le riviste olandesi "Inside" e "Honkbal en Softbal Nieuws". Nel biennio 1984-1985 ha contribuito all'Enciclopedia del Baseball di Giorgio Gandolfi e Enzo Di Gesù realizzando uno speciale di 5 pagine sulla storia del baseball in Olanda. Tra il 1982 e il 2005, ha svolto la sua attività professionale presso le Ambasciate olandesi di Parigi, Kuwait City, Cairo, Algeri, Rabat, Ankara e Dubai.  

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.