Bonds, benvenuto nel “Club dei 700”!

Venerdì notte contro San Diego lo slugger dei San Francisco Giants ha battuto un fuoricampo storico: il settecentesimo della sua carriera – Solo Hank Aaron e Babe Ruth meglio di lui

La mazza che incontra una curva, la botta tremenda all’esterno sinistro ed ecco il fuoricampo da quasi 400 piedi che vale la sesta vittoria di fila dei San Francisco Giants contro i San Diego Padres (4-1). Ma il solo-homer battuto da Barry Bonds alla terza ripresa ha stavolta un sapore ed un valore inestimabili, che va ben oltre il successo, seppur importante, in questo appassionante finale di regular season. Venerdì notte, lo slugger dei San Francisco Giants è entrato a pieni voti nel ‘700 club”, ovvero l’elitè dei più grandi fuoricampisti. Ci sono voluti 31 anni per affiancare un nuovo membro agli ‘Hall of Famers” Aank Aaron e Babe Ruth, già presenti in questo esclusivo e prestigioso circolo avendo superato la soglia dei 700 e passa homerun in carriera. E per almeno una notte poco importa se i Giants conservano il vantaggio su Cubs nella corsa per la wild card della NATIONAL LEAGUE che ieri ha registrato ben 4 successi esterni su 7 gare.
Oltre i Giants vincono sul diamante amico anche i St. Louis Cardinals che riescono a battere 4-3 gli Arizona Diamondbacks solo al primo extrainning grazie ad un gran triplo di Jim Edmonds (110 punti battuti a casa) che manda a casa Albert Pujols. Alla formazione di Tony La Russa mancano adesso solo per 3 vittorie per conquistare matematicamente il primo posto della Central Division.
In casa trionfano pure gli Houston Astros che hanno ragione dei Milwaukee Brewers per 2-1 con solo 4 valide battute contro le 10 degli avversari. Per Roy Oswalt diciottesimo successo personale sul mound.
Si risolve solo al decimo inning lo sfiancante match tra Colorado Rockies e Los Angeles Dodgers con la vittoria di questi ultimi (sempre al comando della West Division) per 8-6, dopo essere stati in svantaggio 6-1 fino alla quarta ripresa. Di Cesar Izturis il doppio vincente, ben 7 i lanciatori impiegati dai californiani, vincente Eric Gagne dopo quasi 4 ore di gioco. Le due squadre hanno mandato in campo la bellezza di 43 giocatori, 22 solo Los Angeles.
I Chicago Cubs ancora prepotentemente in lizza per la wild card, a solo mezza partita di differenza dai Giants, che trovano in Derrek Lee il trascinatore della serata (12-4 sui Cincinnati Reds) con 5 RBI di cui un fuoricampo da 3 punti ed un doppio da 2. Carlos Zambrano vince sul mound (14-8) ma batte anche il suo terzo homer in carriera.
Gli Atlanta Braves conservano la leadership della East Division dopo lo schiacciante 8-1 ai danni dei Florida Marlins. Ci pensa Chipper Jones con una lunga battuta da 3 punti a mettere le cose a posto, mentre la sua difesa gira splendidamente 3 doppi giochi.
Infine, 12-8 dei Montreal Expos sui Philadeplhia Phillies con Tony Batista protagonista nel box. Rinviata Pittsburgh Pirates – New York Mets.

Nella AMERICAN LEAGUE riflettori puntati tutti sul palcoscenico dello Yankee Stadium dove i Boston Red Sox ribaltano il risultato al nono inning con due singoli di Orlando Cabrera e Johnny Damon contro Mariano Rivera e superano 3-2 i New York Yankees. La formazione di Torre mantiene, nonostante la brutta battuta d’arresto, due partite e mezzo di vantaggio sugli avversari del New England.
Oltre quello dei Bosox, altri 4 successi in trasferta. I Tampa Bay Devil Rays espugnano 11-4 lo SkyDome dei Toronto Blue Jays con Aubrey Huff che chiude a 3/5 ed 3 punti battuti a casa.
Idem i Baltimore Orioles che ottengono un convincente 11-2 sui Minnesota Twins: Rafael Palmeiro batte il suo 548esimo homerun (decimo nella lista dei migliori di tutti i tempi) mentre Larry Bigbie ottiene ben 7 RBI.
Sagra dei fuoricampo a Chicago. 10 homerun in 10 riprese, ma quello decisivo è firmato da Carlos Pena su Shingo Takatsu che alla prima supplementare regala la vittoria ai Detroit Tigers sui Chicago White Sox. 4 homerun per i padroni di casa, 6 per gli ospiti.
‘On the road” si impongono anche i Kansas City Royals, 6-4 sui Cleveland Indians, grazie anche ad un fuoricampo interno di Abraham Nunez.
Concludendo, si affermano i Seattle Mariners per 6-3 sugli Oakland Athletics (il rookie Greg Dobbs entrato come pinch-hitter al settimo si presenta con un doppio e 3 punti prodotti) e proprio agli A’s si avvicinano gli Anaheim Angels che hanno rifilato un 9-5 ai Texas Rangers con 2 fuoricampo di Vladimir Guerrero.

Informazioni su Filippo Fantasia 668 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio (Roma) è giornalista pubblicista dal 1987. Grande appassionato di sport USA, e in particolare di baseball e basket, svolge a tempo pieno attività professionale a Milano come Responsabile Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali presso importanti corporate. Nel corso degli anni, ha collaborato con diverse testate nazionali e locali tra cui Il Giornale, La Stampa, Il Resto del Carlino, Tuttosport, Guerin Sportivo, Il Tirreno, Corriere di Rimini, e con testate specializzate come Play-off, Newsport, Sport Usa, Baseball International e Tuttobaseball. In ambito radio-tv ha lavorato per molti anni come commentatore realizzando anche servizi giornalistici per diversi network ed emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Dimensione Suono Network, RDS Roma, Italia Radio e Radio Luna. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali legati ad importanti avvenimenti sul territorio per alcune televisioni locali. Nel 1998 ha ideato e realizzato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto tricolore della squadra tirrenica di cui è stato per oltre un decennio anche capo ufficio stampa. Significative sono state anche le esperienze professionali negli USA, grazie agli ottimi rapporti instaurati con gli uffici di Media Relations di diversi club (in particolare dei Boston Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati alla comunicazione sui media del baseball professionistico americano. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it nel 1998, anno di nascita della testata giornalistica online, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito ad assumere il ruolo di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano durante le finali nazionali del massimo campionato. Nell'estate del 1998 ha fatto parte del team dell'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.