Rimini-Bologna e Modena-Nettuno valgono i play-off

L'Italeri cercherà di fermare la riscossa della Telemarket, Ventura vuole firmare l'aggancio ai suoi ex compagni

Una giornata chiave. La terzultima di campionato promette scintille e verdetti, soprattutto in chiave primo posto e play-off. La lotta salvezza, infatti, ha chiuso il libro con la tripletta della T&A che ha condannato Anzio a raggiungere il Rho in A2. E proprio le due grandi deluse saranno di fronte in terra laziale, dove il morale non sarà certo a mille ma l’orgoglio e la dignità di voler chiudere la stagione nel migliore dei modi sarà senz’altro una molla per giocare ormai liberi da pressioni.
A infiammare il programma ci sono invece quattro scontri diretti fondamentali per tutte le otto contendenti. Allo Stadio dei Pirati la classica Rimini-Bologna avrà mille significati. Dopo una lunga rincorsa, infatti, la Telemarket ha agganciato la zona play-off e ora ha tutte le intenzioni di non mollarla. La falsa partenza è ormai solo in ricordo e i molti aggiustamenti in corsa sembrano aver portato alla quadratura del cerchio. Il trio Edmondson-Marchesano-Patrone, con Cabalisti versione closer, può dare problemi a qualsiasi line-up, lo spostamento di Rodriguez in seconda e Osuna in terza ha sistemato il diamante, se si sveglia anche il box di battuta (importante la riscossa di Castrì) i neroarancioni saranno decisamente una brutta gatta da pelare. Lo sa bene l’Italeri, che pur con mille rimpianti per la garatre buttata al vento di sabato scorso, cercherà di mettere più bastoni possibili tra le ruote riminesi. La corsa al primo posto è tutt’altro che chiusa e la possibilità di eliminare dalla post-season i rivali di sempre costituiscono due motivazioni decisamente forti. I problemi arrivano dal monte di lancio, più corto del solito, ma se il line-up si ripeterà sui livelli dello scorso weekend potrebbero essere problemi grossi per gli altri.
Al contrario della Fortitudo, la vittoria di garatre ha rinvigorito il Grosseto, che ha tirato un sospiro di sollievo, potendo gestire con molta più tranquillità le tre giornate finali. Le Olimpiadi hanno lasciato il segno, soprattutto su Rollandini e De Santis, ma i play-off sono ancora lontani. Contro Paternò urge un segnale di riscossa, anche perché i siciliani sono a un passo dal quarto posto e avranno tutte le motivazioni di questo mondo per giocarsela fino in fondo, visti gli scontri diretti con Rimini e Modena che li attendono. E’ vero che Huffman e Arias non sembrano efficaci come Pezzullo e Torres, ma sottovalutare questa squadra potrebbe essere un grave errore.
Un crocevia per la post-season sarà comunque Modena-Nettuno. La tripletta di Rho ha rilanciato i vice campioni d’Italia, che possono tentare aggancio o addirittura sorpasso. Sarà sempre suggestiva garauno, dove Ventura proverà a dare l’ennesimo dispiacere ai suoi ex compagni, mentre sabato la Danesi dovrà sperare di rivedere il Billisi che ha lasciato a zero la Telemarket e soprattutto un line-up più produttivo e concreto.
Infine Parma-San Marino. Guardando la classifica si potrebbe dire che i ducali sono virtualmente nei play-off e i titani praticamente eliminati. Niente di più sbagliato. Un weekend targato T&A cambierebbe tutti gli scenari e non c’è dubbio che l’ambiziosa squadra di Bindi abbia già mollato la presa. I biancazzurri ci credono eccome e farà bene la Ceci ad alzare la guardia. Se le due sconfitte di Paternò siano state un campanello d’allarme lo scopriremo presto, certo è che non ci si può più permettere errori.

Informazioni su Andrea Perari 153 Articoli
Andrea Perari, 37 anni, è nato a Perugia ma vive a Rimini dal 1977. Sposato con Nicoletta e papà di Filippo, lavora come redattore sportivo al "Corriere di Rimini", dove cura in prima persona baseball e basket.Collabora anche con "Superbasket", come corrispondente riminese per partite e interviste.La sua "carriera" nasce però dal batti e corri. Nel 1986, infatti, fresco di maturità scientifica, si occupa della pagina settimanale de "Il Fo" sull'allora Trevi Rimini.Nello stesso anno comincia l'avventura radiofonica, la sua vera passione, con trasmissioni settimanali sul baseball e soprattutto con le radiocronache delle partite interne ed esterne.Nel 1987 sbarca in Romagna la "Gazzetta di Rimini" e da collaboratore esterno per il baseball, Andrea finisce per essere assunto nel 1990 e diventare giornalista professionista nel maggio del 1992.Da allora ha sempre seguito in prima persona il baseball romagnolo per la Gazzetta (fino al fallimento del '93) e per il "Corriere di Rimini" dal 1993 ad oggi.Ha collaborato con "Tutto Baseball", "Baseball International", "Baseball & Softball", "Radio San Marino", "Radio Rimini" e nel 1999 con "Radio Icaro", riportando dopo tanti anni, con l'inseparabile collega e amico Carlo Ravegnani, le dirette radio dei Pirati in occasione della finali scudetto giocate a Nettuno dalla Semenzato.Cura insieme all'infaticabile Marcello Massari la pagina Web del Baseball Rimini, che sbarcata su Internet dall'aprile del 2000.Super (a dir poco) appassionato di baseball americano, ama trascorrere le vacanze negli States o in Canada e ha già all'attivo una quindicina di partite viste dal vivo a Toronto, Montreal, New York, Boston, Anaheim, San Diego, San Francisco e Oakland.Partecipa da sette anni al Fantasy Baseball della Cdm, ora via Internet, con ottimi risultati e...dollari guadagnati, e i suoi sogni nel cassetto sono quelli di seguire la Semenzato con la radiocronaca di tutte le gare di campionato, e soprattutto di commentare su tv locali o nazionali le partite delle Major League.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.