HaarlemWeek: gli Azzurri cedono a Cuba

Sfida equilibrata con un ottimo Rollandini

Come preannunciato, Faraone porta avanti il suo programma senza farsi condizionare dall’avversario che ha di fronte, anzi, proprio per provare a vincere contro chiunque. Contro Cuba schiera così Rollandini che, ebbene sì, subisce il primo punto guadagnato da quando ha a che fare con l’Italia. Un primo punto che ovviamente nulla ha che fare con il suo record in campionato e ancor meno ha a che fare con la sconfitta azzurra di stasera.
Rollandini lancia infatti una signora partita contro il lineup caraibico: 6 riprese, 1 punto, 2 valide, 3 basi per ball e 3 strikeout. In campo ci sono anche Dallospedale in seconda, Ermini in terza e Bischeri dietro al piatto.
L’Italia si mantiene a lungo in vantaggio, grazie ai 3 punti segnati alla seconda ripresa, nella quale il partente mancino Norberto Gonzalez (vincente, 8 riprese lanciate, 0 punti guadagnati, 3 valide, 2 basi ball e 10 k) concede due basi in apertura a Chiarini e Dallospedale e paga poi pesantemente i due errori commessi dal compagno di prima Chapelli (fratello del Laidel che gioca a Parma) e dall’esterno sinistro Gomez.
La partita si decide al settimo: De Santis sostituisce sul monte il compagno di club e, come sottolinea Frignani alla fine, sono ancora le basi per ball che pesano sul risultato: il grossetano ne regala due in apertura a Navas e al pinch hitter Zamora. Entrambi avanzano sul sacrificio di Suarez e segnano il pareggio sulla palla battuta dal leadoff Diaz, la quale trova la strada di superare il guanto proteso dello stesso De Santis e spegnersi all’esterno centro. Anche Diaz viene fatto avanzare su sacrificio, poi il singolo di Anderson (che passa ancora sul sacchetto di seconda) sigla il vantaggio dei biancorossi di Padilla. Cuba arrotonda al nono su Olenberger (quarto lanciatore proposto dallo staff azzurro) entrato al posto di Lucena e il risultato resta inchiodato sul 3-5, nonostante la pressione messa in campo dalla Nazionale italiana all’ultimo tentativo, con salvezza per Danny Suarez, pitcher degli ultimi tre out per Cuba.
È stata una partita piacevole, che ha sottolienato la solidità del monte azzurro, ma anche la necessità di ritrovarsi in attacco, perché tre valide in nove inning sono troppo poche, anche se ci si trova al cospetto della più blasonata squadra a livello internazionale.
Un’ultima nota: il numeroso pubblico del ‘Pim Mulier” non dimenticherà presto la fantastica presa d’istinto di Ermini sulla secca linea picchiata da Miranda all’inizio della seconda ripresa. Sono azioni così che ci fanno amare tento il Vecchio Gioco.
Domani giornata di riposo per gli Azzurri, in attesa della sfida sold out contro i padroni di casa in programma per mercoledì sera.

Cuba 000 100 301 = 5 bv8 e2
Italia 030 000 000 = 3 bv3 e0

I risultati delle partite disputate finora
Cina Taipei-Reno Astros 2-3
Cuba-Giappone 1-10
Olanda-Cina Taipei 9-1
Giappone-Olanda 3-5
Italia-Reno Astros 8-0
Italia-Cuba 3-5

Informazioni su Marco Landi 136 Articoli
Nato a Bologna nel 1965, è sposato con Barbara e papà di Riccardo (31/12/96, batte destro e tira mancino) e lavora da sempre nell'ambito della comunicazione.Dal 1993 al 2004 alla Master Key Bologna, agenzia di consulenza in comunicazione, con competenze specifiche inerenti l'area below-the-line, sponsoring e sales promotion in particolare, e i servizi per l'ufficio stampa.Nel 1991-92 è Coordinatore responsabile della Lega Baseball Serie A, di cui gestisce l'attivita di back office e di comunicazione.Dal 1988 al 1991 è Responsabile marketing e comunicazione della Fortitudo Baseball è stato membro del C.O.L. Bologna per i Mondiali di Baseball Italia '88.In questi anni svolge il lavoro di coordinamento nella redazione dei periodici Fuoricampo e Baseball Magazine.Nel 2002 rientra in Fortitudo e dal 2004 è marketing professional per la Federazione Italiana Baseball Softball. Lettore onnivoro, predilige tematiche di aggiornamento per la propria professionalita, ama il fantasy e colleziona fumetti.Ascolta hard rock in tutte le sue forme.Tenta disperatamente, con il poco tempo a disposizione, di abbassare il suo handicap di golfista, ma questa e un'altra storia...

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.