Gli Industriales Campioni di Cuba

La squadra della capitale ha surclassato Villa Clara in 4 partite

Gli Industriales de l'Avana sono i nuovi Campioni di Cuba. Battendo Villa Clara per 4 gare a 0 (5-0, 9-7, 9-1 e 4-3) si sono aggiudicati il decimo titolo nazionale su 43 assegnati.

Se nelle prime 3 sfide il dominio della squadra della capitale era apparso netto, in gara 4 la vittoria degli Industriales è arrivata sul filo dilana. Sotto 3-2 al nono, gli Industriales hanno trovato contro il rilievo Montes de Oca, fino a quel punto praticamente intoccabile, un doppio di Reyes abbastanza fortunoso. La palla battuta dal terza base ha infatti scavalcato il suo omologo di Villa Clara grazie ad un rimbalzo falso.
Il pinch hitter Ottamendi ha a quel punto messo per terra un bunt perfetto, che ha portato Reyes in terza e lo stesso Ottamendi in prima.
Il successivo battitore Enrique Diaz ha spedito un doppio in mezzo agli esterni. Reyes ha segnato facilmente, Ottamendi ha letteralmente volato dalla prima a casa base, seguito da tutti i compagni della panchina per il tratto finale. Dopo di che, buona parte dei 50.000 dello stadio “Latino Americano” sono entrati in campo per festeggiare.

Per Villa Clara, che aveva condotto fin dall'inizio, c'è più di qualche rammarico. Ad iniziare dall'espulsione del manager Victor Mesa per proteste alla quarta ripresa.

Il baseball non si ferma comunque a Cuba. Dal 18 al 30 aprile si gioca a Las Tunas la Olimpiade del baseball cubano. A seguire ad Holguin è in programma la Super Lega.

Informazioni su Riccardo Schiroli 1196 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.