Waits nelle Grandi Leghe

L'ex lanciatore e manager di Rimini e Parma sarà nel 2003 nello staff dei Mets

Dalle Grandi Leghe alla serie A1 italiana e ritorno. E' il caso di Michael Richard Waits, meglio conosciuto come “Rick”, che il nuovo manager dei Mets Art Howe ha nominato nel suo staff con l'incarico di “coach di bull pen”.
Waits, che ha da poco compiuto 50 anni, era da 4 anni 'pitching coach' dei Norfolk Tides, squadra di Triplo A dell'organizzazione dei Mets.

Rick Waits ha lavorato in Italia in 2 fasi successive. Dal 1986 al 1989 con il Rimini, prima come lanciatore e poi come manager e nel 1993 e 1994 a Parma come manager. E' sempre stato un vincente, sia sul monte che in panchina. Il suo palmares italiano parla di 3 scudetti: col Rimini nel 1987 e 1988 e con il Parma nel 1994.

Lo staff tecnico completo dei Mets vede alle dipendenze di Howe Don Baylor come 'bench coach' (nella sostanza, il vice), Vern Ruhle come 'pitching coach', Danny Walling come 'hitting coach', Chris Chambliss come preparatore degli esterni e suggeritore di prima e Matt Galante, unico confermato dello staff di Bobby Valentine, come suggeritore di terza base.

Waits partecipa quindi ad un'autentica operazione rivoluzionaria. Partiti con grandi ambizioni, i Mets 2002 sono stati la più grossa delusione della stagione. Il pubblico di new York, città che presto regalerà ai Mets un nuovo stadio, non può accettare una nuova stagione da perdenti.

Informazioni su Riccardo Schiroli 1195 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.