Senza Junior non è lo stesso baseball

Il grande Ken Griffey si sta curando. Leggete l'intervista esclusiva

Non sembrano le stesse ‘Major Leagues’ senza Ken Griffey Junior. Per non farvi sentire troppo la sua mancanza, lo abbiamo intervistato.

Per intervistare Ken Griffey Jr. è necessario aspettare che finisca il suo trattamento con il massaggiatore della squadra. Quando l’ho incontrato, Junior stava svolgendo un ruolo decisamente atipico per i Cincinnati Reds, che lo stavano usando come ‘pinch hitter’. Non può fare di più perché soffre di una lesione al quadricipite femorale posteriore da una partita giocata il 26 marzo durante lo ‘Spring Training’

Da quell’infortunio ha giocato solo 12 partite, tutte da ‘battitore emergente’ (0 su 9, 2 basi, 3 strike out, 1 colpito).
I numeri della sua carriera sono un’altra cosa. Junior ha battuto 438 fuoricampo ed è a pari con Andre Dawson al venticinquesimo posto nella classifica di tutti i tempi, e 1833 valide. Ha solo 31 anni e, se riuscirà a battere altri 12 fuoricampo entro il 24 agosto, sarà il più giovane battitore della storia ad aver colpito 450 fuoricampo. E’ già stato il più giovane ad averne ottenuti 350 e 400.
Nel 2000 è stato il leader della sua squadra per fuoricampo, punti battuti a casa, basi totali, basi per ball e punti segnati. Risultati che ha ottenuto pur finendo la stagione l’11 settembre a causa di uno stiramento.

Gli chiedo un commento sui 500 fuoricampo di Barry Bonds: Stavo per andare a dormire quando ho deciso di dare un’occhiata a ‘SportsCenter’ (il programma di riepilogo che va in onda su ESPN, n.d.r.). Hanno fatto vedere un fuoricampo di Barry e nessuno è uscito dal ‘dug out’ per complimentarsi, così ho capito subito che era il numero 500. Allora ho preso il telefono e l’ho chiamato per congratularmi. Poi ha aggiunto: Barry Bonds è stato come un fratello maggiore per me. Quando avevo 14 o 15 anni lo prendevo a modello. Adesso è il mio turno: sono io il fratello maggiore dei giovani che giocano con me. Ad alcuni ho regalato magliette e scarpette…in ogni caso, cerco di aiutare come posso i più giovani.
Come ci si sente ad essere utilizzati come ‘pinch hitter’? Apprezzo molto alcuni giocatori che sono esclusivamente ‘pinch hitter’. Per svolgere questo ruolo è necessario essere pronti ad entrare in partita in ogni momento. Per altro, io vengo usato da ‘pinch hitter’ perché sono infortunato.
Passo l’inizio partita a fare un lavoro particolare con il mio preparatore in palestra e torno nel ‘dug out’ verso la quinta ripresa
.
Come va la gamba infortunata? Meglio. Non vedo l’ora di poter tornare a giocare. Purtroppo il muscolo mi dà ancora fastidio e anche se entro come ‘pinch hitter’ sono, come si dice, ‘sotto osservazione. Questo significa che se arrivo in prima vengo comunque sostituito da un ‘pinch runner’.
Junior è il prossimo battitore che potrebbe superare il traguardo dei 500 fuoricampo. Ci pensa? Penso solo a tornare in campo. Non ho ancora in mente questo traguardo dei 500 fuoricampo. In effetti mi sto dedicando a guarire, così potrò tornare a giocare.
Dipendesse da me, sarei già nel ‘line up’. Ma mi dicono che devo essere al 100{1ad5f54c6f69481452d7d5225c440ec01ffa47846b1d5bc82514cc0580b35182}, prima di tornare in campo dall’inizio della partita
.

Quando l’ho intervistato Ken Griffey Junior era nel ‘roster’. Dal 29 aprile è stato messo invece sulla ‘lista infortunati’ per 15 giorni. Speriamo che stia meglio alla svelta. Il baseball ha bisogno di lui in divisa, là all’esterno centro.
Ci manchi, Junior.


traduzione di Riccardo Schiroli

Avatar
Informazioni su claire 65 Articoli
Claire Matthew è nata e cresciuta nella 'Marin County', poche miglia a nord di S. Francisco.Da bambina ha osservato a 'Candlestick Park' i vari Willie Mays, Willie Mc Covey e Juan Marishal esibirsi con la maglia dei San Francisco Giants. Così, dalla più tenera età, si è innamorata del baseball e ha iniziato a scambiare figurine con i suoi fratelli Chris e Paul.Successivamente il baseball è diventato una professione. Per 5 anni ha lavorato proprio per i Giants come 'coordinatrice degli eventi promozionali' presso l'ufficio 'vendita biglietti'.Il suo secondo amore sono le gare automobilistiche. Claire è stata coinvolta in competizioni di ogni livello, lavorando per diverse 'scuderie' come addetta alle pubbliche relazioni e alle sponsorizzazioni.Oggi è una libera professionista nel settore delle pubbliche relazioni. Il suo ufficio è a Greenbrae, nella California del nord. E' specializzata nell'organizzare eventi per la raccolta di fondi e nell'ottenere spazi sui media per le organizzazioni coinvolte negli eventi.E' la madre 'single' di Alison (20 anni) e Rhianna (19).

Commenta per primo

Lascia un commento