Evviva la Liguria batte un colpo 2 !

Proposte per la Liguria, ma non solo

Carissimo Gabriele Giardini, non prenderla come un fatto personale ma sei l’unico in Liguria che almeno ha avuto il “coraggio” di esprimere qualcosa, in attesa di essere beneficiati della pioggia di miliardi da parte delle Major League e della Little League che forse risolleverà le sorti del baseball nostrano, dico forse perché non sono proprio sicuro che certi personaggi anche se improvvisamente e miracolosamente dotati di ricco portafoglio riescano ad esprimere una qualche idea, credo che sarebbe il caso di cominciare a tirar fuori qualche proposta concreta da attuare nell’immediato, tanto per portarci avanti con il lavoro.
n Si parla sempre di scarsa promozione del nostro sport presso i giovani, cominciamo a farla presso i nostri tesserati, bambini e giovani soprattutto, non esiste miglior spot pubblicitario di un ragazzo entusiasta dello sport che pratica e che ne parla 24 ore su 24 a tutti i suoi amici o compagni di scuola.
Vogliamo i bambini entusiasti?
Facciamoli divertire, costa poco.
Perché la federazione, vista la situazione ligure, non organizza una seria attività a livello di rappresentative regionali per ogni categoria giovanile ed aggiungo a livello universitario?
Tre, quattro raduni annuali e un paio di tornei, i genitori ben contenti di pagare, se necessario, per far divertire i figli, costi per la federazione zero o quasi salvo un pò di impegno e tempo da parte dei dirigenti.
Dov’è la difficoltà?
nUn altro sistema potrebbero essere i mini training camp che durano solo un weekend, se si utilizzano gli allenatori federali, per la federazione le spese sono nulle o quasi, solo un pò di tempo per organizzare.
Per esempio il Sig. Ambrosioni, manager della Nazionale Italiana nonché miglior allenatore IBAF dell’anno, mica uno qualsiasi, ha la casa a Celle Ligure, dove viene spesso in vacanza perché non “sfruttare” il fatto?
nProviamo a prolungare l’attività, ti sembra serio tenere i bambini occupati per dieci mesi e giocare solo una quindicina di partite all’anno?, senza inventarsi niente “rubiamo” qualche idea a chi l’ha già avuta, ad esempio il torneo della WinterLeague di Bologna, con squadre di 6/7 bambini, calzerebbe a pennello con la situazione ligure e si potrebbe anche andare oltre, ci si mette d’accordo con gli organizzatori bolognesi, si gioca un girone ligure, uno tosco-emiliano-veneto e poi ogni anno con sede alternata All Star Game e Winter Series.
nPoi se proprio vogliamo ragionare in grande e provare a coinvolgere davvero gli americani, ebbene anche in questo caso non ci crederai ma esistono delle possibilità concrete, la Major League organizza ogni anno in giro per il mondo degli speciali programmi per avvicinare i bambini al baseball, in particolare due di questi programmi che si chiamano PITCH, HIT AND RUN e PLAY BALL!
Che hanno come target ragazzi di età 8-12 anni sarebbero veramente indicati per una situazione come la nostra che ha bisogno di essere ricostruita dalla base, perché non provare a contattare il responsabile europeo della Major League International e provare ad inserire tutta la nostra regione da Imperia a La Spezia in uno di questi programmi?
In Inghilterra e Germania già lo fanno perché noi no?
Forse perché nessuno si è mai interessato!
nnCome vedi non c’è bisogno di miliardi c’è solo bisogno di persone capaci che vogliono davvero bene al baseball, non solo a parole.
nnCommenti e risposte, specialmente dai miei conterranei, sono ben accette.

Commenta per primo

Lascia un commento