Usa a valanga su Rep. Ceca e Sudafrica

La nazionale a stelle e strisce vince il girone di consolazione con 61 punti segnati e nessuno subito nelle tre gare disputate. Tredici i fuoricampo degli yankee

WBSC
Gli Stati Uniti chiudono il Mondiale con due shutout
© WBSC

Il girone di consolazione è stato vinto dagli Stati Uniti, capitati quasi per caso, dopo le inattese sconfitte contro Venezuela e Messico, nel gruppo che assegna il settimo posto. Nelle tre partite finali disputate il team di Todd Fine ha segnato qualcosa come 61punti, senza subirne alcuno.

Nelle prime ore di sabato la nazionale a stelle e strisce ha firmato due shutout in quattro riprese contro Rep. Ceca (15-0 nella prosecuzione di un match sospeso per la pioggia) e il Sudafrica (18-0).

Contro i ceki è bastato il primo inning per vincere.  Gli yankee hanno segnato nove volte con quattro valide: doppio di Fien da 2 punti, singolo di Meza e due fuoricampo, di Adkins da tre punti e di Tinajeo da due. Gli altri sei punti sono invece arrivati sul doppio di Hayes e la valida di Lo Re al 2°; sul fuoricampo di Hayes (da 3 punti) e sul doppio di Lo Re al 3°.  Sulla collinetta nessun problema per Mc K. (2 riprese e la valida concessa a Hubelka) e Shields. Dodici le hit Usa: 2/2 Hayes con 4 pbc, 2/3 Meza e Hartshorn.

Gli Stati Uniti dopo un breve riposo hanno completato l’opera, firmando uno shutout con no-hit contro il Sudafrica. In questo caso la sfida si è risolta grazie al big-inning al 1° da 11 punti, con 11 valide, tra cui due fuoricampo, realizzati da Lo Re (due punti) e Tinajero (1 punto). La formazione sudafricana ha retto l’urto al secondo subendo solo punto, ma è capitolata altre sei volte al 3°. Diciassette le valide complessive degli Usa con Jaiden Lo Re (3/3), Meza (2/2), Fien (2/2), Adkins (2/2), Tinajero (2/2) e Hayes (1/1) che hanno chiuso a mille.

Tutto facile per Mercurius (v.) e Lewis sulla pedana di lancio.

Gli Stati Uniti salutano il mondiale con tredici fuoricampo (4 Tinajero, 3 Adkins) e una media battuta di 471 (Tinajero 667). Medie da superstar, anche se i campioni del mondo in carica hanno pagato a caro prezzo due incidenti di percorso.

La Repubblica Ceca è stata una delle sorprese del Mondiale under 12 di Tainan City. I ragazzini di Prochazka chiudono all’ottavo posto, dietro agli Stati Uniti e davanti all’Italia. Nell’ultima giornata del girone di consolazione, prima di arrendersi agli Usa, hanno battuto l’Australia che, al contrario, è una delle delusioni della rassegna giovanile.

I Ceki, in svantaggio nella parte alta del primo attacco sulla battuta di Nati, hanno chiuso il confronto nelle prime due riprese. Nella parte bassa dell’inning d’apertura il singolo di Cajz ha pareggiato i conti, poi Hasal, con un doppio, a sinistra ha spinto a casa Cajz e El Gunnamova. Lo stesso Cajz ha rubato la terza e ha sfruttato l’errore del ricevitore aussie per segnare il 4-1.

Cajz protagonista anche nel 2°, dopo il 2-4 segnato da Durrington: singolo e due punti a casa, segnati da Martinek e Prejda. La volata di sacrificio di El Gunnamova ha permesso alla Rep. Ceca di chiudere l’inning sul 7-2. Al 3° e 4° gli ultimi due sussulti, con le segnature di Martinek (sulla base a Cajz) e Kolev (sulla battuta di Nedved).

Il migliore tra i  ceki è stato ovviamente Michal Cajz (2/3, 4pbc), mentre il vincente sul monte è stato Hasal (3.1rl-3bv).

Il quadro dei risultati

 

 

Maurizio Caldarelli
Informazioni su Maurizio Caldarelli 351 Articoli
Giornalista del quotidiano "Il Tirreno" di Grosseto, collabora anche con la Gazzetta dello Sport.