Comunicato del Castenaso sulla “vicenda Riccardo Bassi”

La società rinnova le scuse e annuncia che non farà ricorsi, tanto per la squalifica del giocatore quanto per la sanzione economica, e si riserva propri ulteriori provvedimenti interni

Lauro Bassani - PhotoBass
Riccardo Bassi
© Lauro Bassani - PhotoBass

Dopo l’interdizione di tre anni comminata ieri dal Giudice Unico della FIBS al giocatore Riccardo Bassi Andreasi, del Castenaso, per aver colpito con un pugno l’arbitro Fabrizio Fabrizi dopo la fine del derby di sabato scorso fra Aurovia e Unipolsai la società di appartenenza ha diramato stamattina il comunicato che integralmente riportiamo.

La società B.C. Castenaso, data la grande rilevanza mediatica assunta dall’evento datato sabato 20 Luglio, ci tiene a rendere pubbliche le seguenti precisazioni:
1- La società condanna con forza l’accaduto. Per accaduto si intende, nello specifico, lo schiaffo che il Sig. Riccardo Bassi Andreasi avrebbe rivolto, in maniera ingiustificabile, nei confronti dell’arbitro, Sig. Fabrizio Fabrizzi, al termine della gara interna contro la UnipolSai Fortitudo Bologna. A tal proposito, nonostante siano state fatte pervenire le scuse formali sia al Presidente degli Arbitri Sig. Pierfranco Leone che alla Fibs, come citato espressamente nel Comunicato Ufficiale N. 1015 – Roma 22/07/2019, si intende ancora una volta esprimere, anche pubblicamente, le proprie sentite e sincere scuse ed in particolar modo al Direttore di gara, Sig. Fabrizio Fabrizzi, per l’increscioso accaduto.
2- Anche lo stesso nostro tesserato, resosi conto dell’accaduto, è profondamente addolorato per quanto successo. Non appena conclusa l’offesa arrecata e resosi conto della gravità del gesto, si è volontariamente autosospeso sia dal ruolo di capitano che dalla presenza nel roster della prima squadra, anticipando qualsiasi tipo di giudizio sportivo o applicazione del vigente regolamento interno. Prossimamente, a bocce ferme, e conclusasi l’eco mediatico di tale vicenda, di proprio pugno lo stesso provvederà a porgere le proprie scuse al sig. Fabrizzi per il proprio gesto insano, non dipeso da premeditazione o da astio personale nei confronti dell’arbitro, ma esclusivamente da vigore agonistico e da insoddisfazione dovuta all’esito finale della partita: ricordiamo infatti che tale gara sportiva era molto sentita da parte della nostra società, trattandosi di un derby, disputato contro la formazione più titolata a livello nazionale.
3- La società accetta pienamente quanto contenuto nel Comunicato Ufficiale N. 1015 – Roma 22/07/2019 che inibisce dall’attività il tesserato Riccardo Bassi Andreasi per anni tre ed impone il pagamento alla società di un’ammenda pecuniaria di €1000. Coerentemente con quanto scritto prima, La B.C. Castenaso non intende effettuare alcun tipo di ricorso o richiedere nessuna riduzione nè della pena inflitta al tesserato, nè tanto meno dell’ammenda pecuniaria in quanto ha sempre condannato nella maniera più ferma ed inequivocabile ogni forma di violenza, sia fisica (assolutamente intollerabile) sia verbale (deprecabile anche se più comune) verso qualsiasi individuo, esplicata in qualsiasi manifestazione sportiva, ufficiale o non.
4- La società si riserba di comminare, nei confronti del tesserato Riccardo Bassi Andreasi l’applicazione delle pene previste dal regolamento comportamentale interno per l’azione da lui commessa nella speranza che il processo mediatico che si sta verificando nei confronti del nostro tesserato si sgonfi e non vada ad offuscare l’immagine bella, sana e spettacolare del nostro baseball che, nonostante la flebile attenzione riservata dei media nazionali, continua ad attirare il trasporto di migliaia di appassionati sparsi su tutto il territorio nazionale, ed al contempo rappresenta un momento di svago ed aggregazione per tanti giovani praticanti. Specialmente nei confronti di questi ultimi, la società si riserva, anche di comune accordo con la Fibs, di intraprendere iniziative atte a mostrare il vero volto di questo bellissimo sport che non può e non deve interessare le cronache nazionali solamente per questo deprecabile, ma per fortuna isolato, episodio.

Link: Tre anni di interdizione a Riccardo Bassi Andreasi

Mino Prati
Informazioni su Mino Prati 707 Articoli
Mino Prati, giornalista dal 1979, ha scritto di baseball per 'Il Giornale Nuovo', la 'Gazzetta di Bologna', 'Stadio', 'Tuttobaseball' e 'Baseball International' e 'Agenzia ANSA' e 'Il Resto del Carlino', oltre ad essere stato il curatore del sito BaseballNow. É stato anche direttore responsabile, a livello bolognese, di diverse testate tra cui 'Fuoricampo', 'Baseball Time' e 'Baseball Oggi', nonchè addetto stampa della Fortitudo Bologna. Ha lavorato per l'Ufficio Stampa F.I.B.S. Ha pubblicato l'Almanacco del Baseball, per la Nuova Sagip, nel 1980. Oltre che giornalista, vanta un'esperienza anche dall'altra parte "della barricata": ex-tecnico, dirigente di società, a livello di categorie minori praticamente da sempre (dal 1972) a Minerbio (in provincia di Bologna dove è stato uno dei fondatori della società), e come Direttore Tecnico nelle Calze Verdi Casalecchio (Serie A2-1991) prima e nella Fortitudo Bologna (Serie A1-1992/93) poi. Più volte eletto negli organismi locali della Federbaseball a livello provinciale e regionale. E' stato il Responsabile Editoriale di Baseball.It nel 2002.