Bologna legittima il primato, ma tutti gli occhi sono puntati su Nettuno

Doppia vittoria dei felsinei contro Parma, il City sbanca a San Marino ma la prosecuzione del campionato è un rebus. Redipuglia vince due volte con Castenaso, Martini sugli scudi nel box

Lauro Bassani - PhotoBass
Raul Ruiz
© Lauro Bassani - PhotoBass

Forza Nettuno. Per la regolarità di un campionato già monco e per la credibilità di un movimento che sta prendendo schiaffoni. Nei prossimi giorni i giocatori del City decideranno se andare avanti o mollare la piazza, logicamente facciamo il tifo per la seconda ipotesi. Seconda come la posizione dei tirrenici in campionato, a due lunghezze dalla capolista Fortitudo che nel fine settimana dovrebbe essere in campo allo Steno Borghese. Nettuno a San Marino ha fatto tutto nel modo migliore, battendo tanto (cinque fuoricampo con cinque uomini diversi) e ritrovando un Ruiz decente e motivato. Restano i problemi nella partita del pitcher italiano che vengono mascherati dalla potenza del line-up e nell’occasione da un Maestri incredibilmente crollato in un terzo inning da 6 punti subiti, 4 valide, 3 basi ball (di cui una a basi piene) e un lancio pazzo con l’uomo in terza. San Marino si interroga cosa sarebbe successo senza quel famoso terzo inning di garadue e se Quevedo avesse usato un minimo di precauzione per curarsi i suoi problemi respiratori. Ma la verità è che la squadra di Chiarini ha perso quattro delle prime sei partite del girone di ritorno, tutte con le rivali per i play-off.

Bologna batte due volte Parma confermandosi la giusta capolista di questo campionato. Una vittoria nata sul monte di lancio, con la staffetta a tre per entrambe le partite che ha tenuto a due punti complessivi il Parma Clima che nelle ultime due settimane ha denotato problemi nel box: doppia sconfitta per 3-0 (garauno con San Marino e garadue con Bologna) e altre due partite da appena 2 punti segnati, quella di venerdì scorso con la Fortitudo e il vittorioso 2-1 del Titano. In questo momento la squadra di Poma e quella di Chiarini, appaiono un gradino sotto le prime due, dato confermato dalle 8 sconfitte dopo 18 partite, un’esagerazione in questo campionato.

Redipuglia ha chiarito il concetto che tra le squadre della “parte destra” della classifica è quella più attrezzata. Due vittorie con Castenaso frutto di un predominio nel box contro il monte meno attrezzato dell’A1 (oltre alla difesa più fallosa) dove Fabiani è passato da “golden boy” del mercato invernale a quarto pitcher nella rotazione di Nanni. I Rangers hanno festeggiato la giornata di grazia di Renzo Martini autore di due fuoricampo nella stessa partita (6 rbi) e secondo nella classifica degli homer dietro Rodriguez e secondo nella media battuta. E a conferma della pericolosità offensiva dei friulani, c’è da sottolineare l’inizio di garadue con cinque singoli dei primi sei uomini del line-up.

Carlo Ravegnani
Informazioni su Carlo Ravegnani 137 Articoli
Carlo Ravegnani, nato a Rimini il 31 gennaio del 1968, ha iniziato la carriera giornalistica a 20 anni nell'allora Gazzetta di Rimini, "sostituita" dal 1993 dall'attuale Corriere Romagna dove lavora come redattore sportivo. Collaboratore per la zona di Rimini del Corriere dello Sport-Stadio, il baseball è stata una componente fondamentale nella sua vita: dapprima tifoso sugli spalti dello Stadio dei Pirati poi giocatore nel mitico Parco Marecchia e poi nel Rimini 86, società che ha fondato assieme a un gruppo di irriducibili amici. Quindi giornalista del batti e corri sulla propria testata e alcune saltuarie collaborazioni con riviste specializzate oltre che radiocronista delle partite dei Pirati assieme all'amico e collega Andrea Perari. Negli ultimi anni è iniziata anche la carriera dirigenziale, con la presidenza (dal 2014) dei Falcons Torre Pedrera. La passione è stata tramandata al figlio Riccardo che gioca lanciatore e prima base negli stessi Falcons.

Commenta per primo

Lascia un commento