Esame di maturità per il Nettuno City contro l’ambizioso Parma

I laziali di Carlo Morville nel clou della quinta di ritorno dovranno rispondere ad una domanda precisa: i ko con San Marino e Bologna sono incidenti di percorso o l’inizio di una crisi? In Godo-Rangers c’è in palio un posto a ridosso delle quattro semifinaliste.

ML Oldmanagency/FIBS
Beppe Mazzanti, mazza pesante del Nettuno City
© ML Oldmanagency/FIBS

Le quattro sconfitte di fila rimediate dal Sipro Nettuno City contro San Marino e Bologna, con un bilancio di 35 punti subiti  e dodici segnati, uno shutout e una manifesta superiorità al passivo sono incidenti di percorso o l’inizio di una crisi tecnica? E’ la domanda più importante che si porta dietro la quinta giornata d’andata del massimo campionato.

Parma Baseball
Alex Sambucci

E la risposta arriverà dopo una delle sfide più attese, contro l’ambizioso Parma. Un avversario che allo “Steno Borghese” conoscono bene: con il Nettuno dei 17 scudetti i ducali hanno dato vita a partite appassionati, con il palio trofei prestigiosi come la finale tricolore (a partire dalle quattro consecutive tra il 1994 e il 1997)  o la Coppa Campioni. Lo scenario è cambiato: il City, dopo essere stato il fanalino della stagione 2018, ha cambiato pelle, con nuovi ingressi in società e importanti innesti sul diamante. L’obiettivo è quello di contendere a San Marino e proprio a Parma un posto nella finale scudetto contro la corazzata Bologna. Il poker di sconfitte non ha certo scalfito il progetto della società, ma ha fatto precipitare il nove di Morville dal primo al terzo posto in graduatoria, ma venerdì e sabato Mazzanti e compagni hanno la possibilità di riprendersi la seconda poltrona, sfidando i ragazzi di Gianguido Poma, che hanno fatto il pieno con Godo e Redipuglia, ma hanno raccolto solo una vittoria contro Bologna e San Marino. Una sfida verità, insomma, anche per il Parmaclima, che si presenta in riva al Tirreno con il miglior attacco (293), proprio davanti agli avversari di giornata (284), ma che sulla carta sembra avere qualcosina in più sulla collinetta (3.33 contro il 5.82 laziale) e in difesa (11 errori a 13). Numeri che aspettano ovviamente la conferma sul campo.

A trarre vantaggio dal big-match del quinto turno potrebbe essere il San Marino (che può contare su un monte che viaggia a 2.72 di media) atteso al “Bondi” di Castenaso, dall’ex Marco Nanni. Un duello pieno di insidie per i ragazzi di Chiarini, che vogliono fare il salto di qualità. La giornata, che vede Bologna a riposo dopo l’amichevole infrasettimanale con l’Italia, si chiude con un testa a testa tra le matricole Godo e Redipuglia. I Goti di Bortolotti vogliono dare seguito al successo di Castenaso, il primo della stagione, mentre i Rangers cercheranno di tornare a muovere la classifica, magari ripetendo la prestazione fornita in gara1 con Parma, dove si sono arresi solo al tie-break.

I LEADER DI A1

 

Maurizio Caldarelli
Informazioni su Maurizio Caldarelli 307 Articoli
Giornalista del quotidiano "Il Tirreno" di Grosseto, collabora anche con la Gazzetta dello Sport.