Spring-training all’italiana: parte la “Pizza League”

Dal 17 al 24 marzo prossimo a Nettuno con 10 squadre partecipanti: confermata la presenza delle formazioni tedesche, interesse da Francia, Belgio e Olanda. Da un’idea di Martin Helmig, manager della Germania, e di Ruggero Bagialemani

Dopo la Cactus League (in Arizona) e la Grapefruit League (in Florida), due happening tanto attesi per testare le prospettive delle squadre americane in vista dell'opening day, anche l'Italia a marzo del prossimo anno avrà il suo spring-training.
Si chiamerà "Pizza League" e debutterà sabato 17 marzo per concludersi il weekend successivo a Nettuno, location ideale per una preparazione di alto profilo tenuto anche conto del clima mite e della presenza di diversi diamanti, da quello dello stadio di Anzio (per le gare ufficiali) ad altri presenti sul territorio (destinati ad allenamenti).
Dieci le squadre partecipanti a livello europeo, 5 hanno già confermato: per la Pizza League arriveranno dalla Germania (Monaco, Bonn, Mannheim etc.) ma sono giunte manifestazioni d'interesse anche dalla Francia, Belgio e Olanda, tutte ospitate sul litorale tirrenico. Oltre naturalmente alle italiane, tra cui diverse della IBL, che hanno già dato disponibilità.
Il calendario prevede partite ogni giorno, minimo 7 inning, tranne il mercoledì. Partite veloci con cambi di inning dopo 20 lanci. Ogni formazione dovrà quindi attrezzarsi con un nutrito bullpen e rendere disponibile almeno un arbitro. Ci si potrà iscrivere alla prima edizione dello spring-training tutto italiano fino a merà dicembre.
La Pizza League nasce da un'idea di Martin Helmig, attuale manager della Germania (che ha giocato ad Anzio negli anni '80), e Ruggero Bagialemani, suo assistant coach della Nazionale tedesca da giugno del 2016.

 

Informazioni su Filippo Fantasia 654 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.