Cardinals ancora a segno, di nuovo alle post-season

Quinta presenza consecutiva di St. Louis ai play-off, ma è ancora lotta per la conquista del pennant nella Central Division della NL. Quasi fatta per Kansas City che nella AL è ad un passo dal primo pennant nella Central Division

A quattordici gare circa dal termine della regular season l'unica certezza è l'ingresso nelle post-season dei St. Louis Cardinals per il quinto anno consecutivo. Dal 2000 infatti i Cardinals hanno infilato 13 qualificazioni su 16, un record incredibile per la franchigia del Missouri che in questa fase della stagione sta tirando un pochino il fiato. La sconfitta per 2-1 nella serie esterna contro i Cubs a Chicago mette però in dubbio il primo posto nella Central Division della National League che i Cards mantengono praticamente da inizio stagione. I "Redbirds" viaggiano con un record di 93 vittorie e 56 sconfitte, il migliore di tutta la Major, ma nel girone ha trovato concorrenti agguerrite: i Pirates (89-60) sono a 4 lughezze ed i Cubs (87-62) a -6. E proprio queste due franchigie, che nel corso della settimana appena trascorsa si sono scontrate al PNC Park di Pittsburgh dove i Cubs si sono imposti per 1-3 nella serie da 4 gare, si stanno contendendo il titolo della wild card. Ad oggi i "Bucs" sono avanti di due lughezze sui "North Siders" che a loro volta mantengono 9 vittorie di vantaggio sul duo Washington-San Francisco, ma devono ancora incrociare le spade per 4 volte (al Wrigley Field di Chicago), prima della fine della regular season.

La sconfitta interna per 1-2 dei Mets nelle "Subway Series" contro i rivali cittadini degli Yankees lascia l'amaro in bocca ai Metropolitans che comunque restano saldamente alla guida della East Division della National League con 84 vittorie e 65 sconfitte. I Nationals (78-71), che chiudono con uno sweep imposto ai Marlins la serie interna contro Florida, tentano una disperata rimonta ma al momento restano a -6 dalla vetta. Se i Nats riuscissero a rosicchiare altre vittorie ai Mets diventerebbe al cardiopalma l'ultima sfida tra le due franchigie in programma a New York dal 2 al 4 ottobre, gli ultimi tre giorni di regular season.

Leggermente più agevole la situazione nella West Division di NL dove la sconfitta per 1-2 interna contro i Pirates non scalfisce più di tanto la leadership dei Dodgers che con 85-63 resta a +7.5 dai Giants (78-71). La resa dei contri tra le due californiane pretendenti al "pennant" è prevista all'A&T Park di San Francisco dal 28 settembre al 1 ottobre una serie da 4 che potrebbe rivelarsi decisiva.

Nella American League ancora nessuna certezza anche se i Royals sono solo in attesa che la matematica dia l'ufficialità della prima vittoria nella Central Division. I "Boys in Blue", che hanno vinto l'ultimo pennant nel 1985 (ma allora militavano nella West Division), detengono il miglior record di AL con 87 vittorie e 62 sconfitte, ed hanno un sostanzionso +11 dai Twins, secondi nel girone, che non sembrano particolarmente brillanti in questa fase e che dopo la sconfitta interna per 1-2 nello scontro diretto per la wild card contro gli Angels, vedono compromessa anche la qualificazione alle post-season dalla "porta di servizio". In questa particolare classifica infatti, in testa ci sono ancora gli Yankees (82-66), mentre il secondo slot disponibile per il passaggio del turno è in mano agli Astros (79-71). Dietro Houston, adesso sono affiancate proprio Minnesota ed Anaheim a -2.5 con Cleveland pronta a buttarsi nella mischia a -4. Più staccate, ma ancora in corsa Baltimore (-5.5), Seattle (-6) e Tampa Bay (-6.5). Più difficile un coinvolgimento di Boston (-7) o Chicago, sponda White Sox (-8).

La doppia sfida tra Twins ed Indians in Minnesota e tra Angels ed Astros a Houston in programma da questa notte darà qualche indicazione più concreta sia in chiave wild card che in chiave West Division. Il girone ovest della AL infatti, dopo il predominio per più di 2/3 di stagione da parte degli "'Stros", ha visto il sorpasso dei Rangers. Texas ha imposto lo sweep agli oramai ex leader del girone in quel di Arlington e con 80 vittorie e 69 sconfitte è a +1.5 da Houston, che dovrà andare a trovare dal 23 al 25 settembre, ed a +4 dai californiani, che ospiterà nelle ultime 4 sfide della stagione (dal 1 al 4 ottobre). Di sicuro la West Division di AL sembra la situazione più complessa della MLB.

Più semplice invece sembra l'assegnazione del "pennant" della AL dove il discorso sembra circoscritto a Toronto, leader della East Division con 85 vittorie e 64 sconfitte, e New York che segue a -2.5 con un record di 82-66. La vittoria per 1-3 dei canadesi nella serie da 4 in quel dello Yankee Stadium, ha lanciato i Blue Jays in testa al girone ma da questa notte al Rogers Center di Toronto i "Bronx Bombers" cercheranno di rendere pan per focaccia nell'ultimo entusiasmante scontro diretto (serie da 3) della stagione.

Se il campionato dovesse conludersi oggi in NL la wild card sarebbe la sfida tra Pirates e Cubs a Pittsburgh con la vincente che se la vedrebbe con St.Louis. L'altra Division Series di NL sarebbe tra Dodgers e Mets. Nella AL la wild card sarebbe tra Yankees ed Astros in quel di New York con la vincente che sfiderebbe i Royals. L'altra Division Series di AL sarebbe tra Rangers e Blue Jays.

Informazioni su Andrea Tolla 532 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.