Rimini, contro il Tommasin comincia il rush finale

Nove partite per vincere il testa a testa con San Marino e raggiungere Bologna (virtualmente già dentro) in finale. Ma Padova venderà cara la pelle come al solito. In dubbio la presenza di Paul Macaluso

Pausa di riflessione o semplicemente per ricaricare le pile. Sta di fatto che il Rimini Baseball, reduce dal doppio ko contro i vice campioni d'Europa della Fortitudo, avrà sicuramente bisogno della massima carica per ottenere il pass per la finale scudetto nel testa a testa con la T&A San Marino. Nove partite per decidere tutto, si comincia dal trittico di ritorno con il Tommasin Padova e la logica impone alla squadra di Orlando Munoz di provare a ripetere quella tripletta colta qualche settimana fa a spese dei biancorossi veneti e che di fatto sta tenendo a galla le aspirazioni di Italian Baseball Series dei Pirati.

Padova a sua volta ha fatto lo sgambetto al San Marino, trovando la prima storica vittoria nei playoff. E c'è da scommettere che il nove di Smith venderà cara la pelle, come di consueto, senza guardare a una classifica che di fatto lo taglia fuori dai sogni proibiti. In casa neroarancione ha tenuto banco la questione Parise, con il pitcher newyorkese apparso troppo battibile dagli sluggers avversari (5 homer incassati in 3 apparizioni sul monte sono decisamente troppi) e ora è ovvio che proprio da Parise ci si aspetti un corposo riscatto proprio a partire dal trittico con il Tommasin. Munoz deciderà all'ultimo se schierarlo in pedana venerdì allo Stadio dei Pirati o sabato al Plebiscito, sta di fatto che l'unica cosa sicura al momento è che sarà Candelario a cominciare la serie domani sera sul diamante patavino, verosimilmente contro Quevedo.

I problemi muscolari di Paul Macaluso rappresentano l'unico dubbio di formazione per il manager neroarancione, che in caso di forfait dell'ex reggiano, si affiderà con ogni probabilità a Pierangelo Cit nel ruolo di battitore designato. Entrambe le gare in programma al Plebiscito saranno trasmesse in diretta radio streaming collegandosi al link http://piratesbaseballtoday.blogspot.it/p/live.html

Informazioni su Cristiano Cerbara 457 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.