E' Pete Parise il quinto straniero del Rimini

La società del presidente Zangheri punta sul pitcher statunitense per i playoff. Parise affiancherà Candelario nel ruolo di partente in una delle due partite riservate ai lanciatori non Asi

Il Baseball Rimini ufficializza il quinto straniero, quello che nei playoff (in cui si torna a giocare su tre partite a week-end) è chiamato a fare da ago della bilancia sul monte di lancio. Toccherà dunque a Pete Parise formare la batteria dei partenti stranieri insieme ad Alexis Candelario.

Peter Attilio Parise è nato il 5 dicembre 1984 a New York (Bronx). Il neo Pirata tira e batte destro, è alto 1.80 per 81 kg, ha iniziato la sua carriera nel 2007 nell'organizzazione dei S. Louis Cardinals per arrivare nelle successive tre stagioni (2009-‘10-'11) in AAA a Memphis (4v 2p 4.78 pgl). Lasciate le Minors, dal 2012 viene firmato in Lega Indipendente dai Lincoln Saltdogs (American Association). Qui in 41 presenze (3 da partente) ha lanciato 67.1 riprese (6v 6p) ottenendo 44 strike-out e concedendo appena 12 basi ball (più una salvezza) per una media Pgl di 3.60. Il campionato seguente sempre a Lincoln il pitcher newyorkese viene impiegato da partente in 18 partite (10v 7p) dove si conferma ad ottimi livelli, in 118 inning lanciati ha messo a segno 63 k, 25 basi ball concesse per una Era di 3.43. Finita la stagione in American Association queste buone cifre gli permettono di essere firmato nella Liga Invernale Portoricana dai Leones de Ponce. In regular season viene impiegato da rilievo in 16 occasioni (0v 2p Pgl 2.53) impreziosite da 5 salvezze (21.1ip). Nei playoff (da starter) è stato impegnato sul monte per 3 gare lanciando 11.1 riprese (0v 0p Pgl 2.38) per una Whip complessiva di 0.88.

Nel 2014 Parise cambia Lega Indipendente (Atlantic League) dove inizia la stagione nei S. Maryland Blue Crabs. Con la casacca dei "granchi" in 13 presenze (tutte da rilievo) produce discrete cifre, in 18.2ip (1v 1p) ha ottenuto una Era di 1.92 (3 basi ball e 14 k). A metà stagione il neo Pirata cambia squadra dove giocherà nei Lancaster Barnstormers. Qui collezionerà 18 apparizioni (una partenza), mantenendo un rendimento costante, in 22.2 riprese lanciate ha prodotto 12 eliminazioni al piatto e concesso 8 basi ball per un media Pgl di 3.57 (4v 2p). Ad Agosto il neo acquisto riminese decide di intraprendere una nuova avventura per la sua carriera firmando in Giappone un contratto nella Shikoku Island League Plus. Dopo aver giocato fino a settembre nei Kochi Fighting Dogs, il lanciatore statunitense viene chiamato dalla franchigia dei Rakuten Golden Eagles (NPB) dove giocherà nella Farm League fino a novembre. Terminata anche questa esperienza in Asia, Parise come nelle precedenti due volte in carriera (2009-2013) si metterà in mostra nella Liga Invernale Portoricana dove viene inserito nel roster dei Senadores de San Juan. In regular season totalizza 5 presenze (una partenza) lanciando 11.2 inning producendo buoni numeri, 16 strike-out messi a segno e 3 basi ball concesse agli avversari (0v 0p Pgl 3.09). Queste positive prestazioni gli valgono la chiamata degli Indios de Mayaguez che disputeranno la post season portoricana. Il lanciatore neroarancio disputerà dei playoff eccellenti, in 5 gare (4 da partente) si è distinto come il secondo miglior lanciatore (2v 0p Whip 0.80) totalizzando in 28.2 riprese lanciate 5 basi ball e 16 k per una media Pgl di 1.57 (secondo assoluto nei partenti) impreziosito da una complete game shutout realizzata contro i Gigantes de Carolina il 12 Gennaio 2015 (risultato 1-0 per gli Indios).

Lo scorso maggio Parise viene ingaggiato dai Vaqueros de Laguna (AAA Messico), ma sarà una breve esperienza per il pitcher americano in quanto disputerà solamente due partite (una partenza) lanciando appena 4.1 riprese (Pgl 8.31). Il suo arrivo a Rimini è previsto per giovedì 9 luglio, a una settimana dall'inizio dei playoff.

Informazioni su Cristiano Cerbara 457 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.