Gallo e Guerrero: il 2015 è nel segno dei rookie

Il terza base oriundo dei Rangers (che sostituiva Beltre) va 3 su 4 e segna il record di punti della franchigia alla prima apparizione in Major. Il 28enne cubano si regala il primo Grand Slam in carriera e lancia i Los Angeles Dodgers

Nella settimana che precede il "Draft 2015" (da lunedì prossimo), sono ancora i rookie a far bella mostra di sè. Stavolta spetta ai Rangers coccolarsi un giovane prospetto: si tratta del terza base Joey Gallo, chiamato in prima squadra per sostituire l'infortunato Adrian Beltre. Tocca a lui infiammare gli oltre 27mila spettatori del Globe Life Park di Arlington. Il 21enne proveniente dal doppio A si è presentato ai propri tifosi con un singolo, un fuoricampo ed un doppio che hanno fruttato ben 4 punti battuti a casa, record assoluto di franchigia per un esordiente alla sua prima apparizione in MLB. Gallo ha contribuito alla conquista della vittoria numero 11 nelle ultime 13 partite dei Rangers che ad oggi restano a -5.5 dalla vetta della West Division di American League saldamente nelle mani degli Houston Astros che sono a +5 dagli Angels.
A proposito di rookie, non poteva scegliere momento migliore per colpire il primo "Grand Slam" della sua carriera americana il 28enne cubano Alex Guerrero. Si giocava la seconda gara tra Dodgers e Rockies (la prima già vinta da Colorado), con Los Angeles sotto 6-8 al nono inning con due eliminati e basi piene. Rafael Betancour si è visto sbattere fuori la fastball lanciata a 91 miglia orarie in una situazione di 2 strike ed un ball, condizione ideale per un closer. La vittoria dei Dodgers scaraventa la franchigia di Los Angeles ancora più in vetta alla West Division di National League, con i San Francisco Giants che, viste le 4 sconfitte consecutive, adesso inseguono a -2
Cambio della guardia anche alla guida della Central Division di AL, dove il duo Kansas City – Detroit è stato scavalcato dai sempre più sorprendenti Minnesota Twins che nel mese di maggio ha inanellato 20 delle 30 vittorie complessive fin qui ottenute, con sole 7 sconfitte al passivo. Il roster dell'esordiente manager Paul Molitor, dopo un inizio stagione poco confortante sembra aver trovato l'equilibrio giusto ed i senatori della franchigia come Brian Dozier e Torii Hunter, rispettivamente leader della squadra per fuoricampo e media battuta, e Mike Pelfrey e Ricky Nolasco, che invece guidano le statistiche del monte di lancio, hanno preso le redini della squadra. Adesso i Royals sono ancora dietro di niente (-0.5 con una gara in meno), mentre i Tigers, alla quinta sconfitta consecutiva, sono a -3.5.
Il catcher di Toronto Russell Martin è salito agli onori della cronaca per essere riuscito a rubare casa base ai Nationals nel corso del secondo confronto giornaliero previsto per il 2 giugno (non accadeva dal 2012 nella franchigia canadese). Martin, approfittando dell'assistenza non perfetta del catcher di Washington Lobaton al seconda base Colabello è riuscito a mettere in cascina il punto del 7-3 con il quale i Blue Jays hanno conquistato la vittoria numero 24. La stagione di Toronto fin qui è stata abbastanza sottotono ma il roster canadese, nonostante sia fanalino di coda del girone in condominio con i Red Sox, è comunque a -4.5 dalla vetta della East Division di AL al momento in mano agli Yankees.
Non sono bastati 10 strike-out a Noah Syndergaard per vincere la partita che lo vedeva contrapposto al collega Anrew Cashner nella sfida di lunedì tra Padres e Mets. La franchigia di San Diego ha colpito duro "Thor" nel corso del secondo inning (da sottolineare un triplo da due punti di Will Venable), che ha portato 4 dei 7 punti complessivi (7-2 il finale)con cui i Padres hanno riportato in equilibrio la serie. La sconfitta dei Metropolitans non scalfisce il bellissimo avvio di stagione di New York che resta seconda a soli 0.5 dai Nationals che al momento guidano la East Division di NL.
In netta ripresa i Pittsburgh Pirates che con 10 vittorie nelle ultime 12 gare, tra i quali i due sweep interni contro Mets e Marlins, si sono riportati al secondo posto della Central Division di NL in condominio con i Chicago Cubs. La vetta è ancora saldamente nelle mani dei St.Louis Cardinals, ma i "Pirati" stanno dimostrando di poter ancora dire la loro grazie ad un monte di lancio che è secondo nel ranking della media ERA (3.02).

Andrea Tolla
Informazioni su Andrea Tolla 504 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.